Dermatite allergica: foto, sintomi e trattamenti
medicina online

Dermatite allergica: sintomi e trattamento

contenuto:

Foto dermatite allergica Nella letteratura domestica, si accetta di chiamare la dermatite qualsiasi infiammazione della pelle che si sviluppa a seguito del contatto diretto della pelle con qualsiasi irritante esterno: per esempio, sostanze chimiche o fattori fisici. Tuttavia, il significato di questo termine è un po 'vago, poiché la dermatite si riferisce tradizionalmente alle lesioni cutanee, i cui meccanismi di sviluppo sono diversi: dermatite di Dühring, atopico, pigmento progressivo e altri.

Per quanto riguarda i cambiamenti sulla pelle di natura allergica, la dermatite è più spesso chiamata la lesione cutanea a causa degli effetti locali degli allergeni, che possono includere:

  • polimeri sintetici
  • piante
  • cosmetici,
  • ioni metallici
  • medicinali esterni
  • in gomma.

In generale, è consuetudine distinguere 2 tipi di dermatiti, che si sviluppano a seguito di allergie:

  1. Contatto allergico
  2. Atopica.

Sebbene entrambi si sviluppino a causa di allergie, ognuno ha le sue caratteristiche del corso.



Dermatite allergica da contatto

Altri nomi per questa dermatite: eczema allergico da contatto, dermatite eczematosa, dermatite allergica.

La principale differenza di questa dermatite è che prima il corpo aumenta la sensibilità a una sostanza specifica e quindi, a diretto contatto con la pelle, si sviluppa un'infiammazione di natura allergica.

Meccanismo di sviluppo della malattia

I sintomi della dermatite atopica La dermatite allergica può causare sostanze che hanno un peso molecolare relativamente basso e possono facilmente penetrare nella pelle (chiamati apteni). Lì si legano alle proteine, trasformandosi in allergeni a tutti gli effetti. A volte nel ruolo degli apteni non sono le sostanze originali e i prodotti del loro metabolismo.

Il più delle volte, l'infiammazione della pelle si sviluppa a causa del contatto con sostanze che sono facilmente dissolte dai grassi o hanno un'affinità con le cellule dell'epidermide, e la capacità di provocare una reazione allergica della pelle dipende da come una particolare sostanza può legarsi alle proteine ​​del corpo e trasformarsi in un allergene a tutti gli efetti.

La dermatite allergica da contatto si sviluppa solo in coloro che sono predisposti alle allergie e solo dopo ripetuti contatti con l'allergene.

Lo sviluppo della dermatite atopica non si verifica immediatamente e dipende, come già accennato, dalla capacità di una sostanza di legarsi alle proteine. Per questo motivo, questo tipo di dermatite si sviluppa non prima di 1-1,5 settimane dopo il primo contatto con gli apteni. Molto spesso è necessario che la sostanza agisca sulla pelle per anni, come accade durante l'allergizzazione professionale.

Cosa succede nel corpo dopo il primo contatto?

Si ritiene che la dermatite allergica nel suo aspetto sia in gran parte dovuta a speciali cellule della pelle - cellule di Langerhans (da non confondere con le stesse isole pancreatiche!). Sembrano attirare apteni, legarli con proteine ​​e trasformarli in antigeni a tutti gli effetti. Inoltre, queste cellule aiutano a garantire che questi allergeni vengano consegnati ai linfonodi più vicini in modo che le cellule T del sistema immunitario "li conoscano". In questo modo, le cellule T imparano a riconoscere il "nemico di vista".

Quindi, i linfociti T già "addestrati" dai linfonodi migrano nel sangue e nella pelle entro 10 giorni dal periodo di incubazione. E se in questo momento agisci di nuovo con questa sostanza sulla pelle, allora i linfociti già "entrano in battaglia", provocando una reazione infiammatoria 12-48 ore dopo il contatto.

Quando si incontra un allergene, i linfociti T lanciano prodotti di varie sostanze, con l'aiuto di altre cellule del sistema immunitario a capire dove andare e cosa fare. Per questo motivo, eosinofili, basofili, neutrofili e linfociti iniziano ad accumularsi nell'area sensibilizzata della pelle. Nel tentativo di distruggere l'allergene, alla fine distruggono e distruggono le loro cellule della pelle.

La predisposizione ereditaria svolge un certo ruolo nella comparsa di dermatite allergica, così come la capacità del corpo di formare le cosiddette cellule di memoria che trasportano le immunoglobuline E, D. Con l'aiuto delle cellule di memoria, il corpo "ricorda" la sostanza in modo che, in caso di un nuovo contatto con essa, l'infiammazione allergica della pelle ricomincia .

Dermatite allergica sotto il microscopio

Cosa succede in diversi strati della pelle dopo il contatto ripetuto con la sostanza può essere tracciato letteralmente all'ora:

  1. Dopo 3 ore - l'espansione di piccole navi della pelle, "arrivo" nel sito di contatto di cellule mononucleate.
  2. Dopo 6 ore - un'alluvione di questa area della pelle con cellule mononucleate, le cellule dello strato profondo dell'epidermide iniziano a gonfiarsi (edema).
  3. Dopo 12-24 ore - aumento dell'edema, comparsa di vescicole intradermiche (vescicole intraepidermiche), ispessimento dell'epidermide della pelle, che può essere osservato ad occhio nudo.
  4. Dopo 2 giorni - lo sviluppo della reazione infiammatoria classica e i cambiamenti visibili nella pelle.

Sintomi di dermatite allergica da contatto

Trattamento di dermatite allergica In generale, la dermatite allergica è caratterizzata da:

  • eruzione cutanea sulla pelle del tipo di bolle e orticaria (i cosiddetti elementi papulo-vescicolare e orticario dell'eruzione),
  • arrossamento,
  • gonfiore (l'area interessata mentre sale sopra la superficie della pelle sana),
  • l'emergere di crepe, da cui le fasi iniziali di stillicidio di liquido.

Nelle fasi successive, compaiono croste, si sviluppa la desquamazione. Dopo il recupero, di solito non rimangono cicatrici o scolorimenti sulla pelle (ad eccezione della dermatite allergica fotocatalitica).

Caratteristiche del corso di dermatite allergica di alcuni tipi

  1. Fitodermatite allergica. Il più delle volte colpisce le mani, gli spazi interdigitali delle mani, le caviglie e altre aree aperte della pelle. Può essere combinato con debolezza generale, affaticamento, febbre, mal di testa, nonché infiammazione degli occhi (congiuntivite) e naso che cola, bronchite.
  2. Dermatite allergica professionale In questo caso, la pelle è ispessita, con una superficie traballante, crepe, aree di pigmentazione. Inoltre, ci possono essere anche arrossamenti, prurito, eruzioni cutanee. La malattia si presenta sotto forma di eczema e può essere in forma acuta, subacuta e cronica (caratterizzata da vari gradi di intensità delle reazioni infiammatorie).
  3. Dermatite medicinale È causato da unguenti, creme, gel contenenti antibiotici, anestetici, glucocorticoidi. Di regola, l'infiammazione scompare dopo l'interruzione del farmaco. Tuttavia, in caso di contatto costante, la dermatite medicinale può trasformarsi in un professionista, ad esempio, tra i farmacisti.

In generale, l'immagine dell'infiammazione nella dermatite allergica può cambiare se l'allergene è ancora ingerito all'interno del corpo con il cibo, con l'inalazione di aria, ecc. Di norma, in questo caso, la dermatite diventa solo una parte integrante del quadro generale di una malattia allergica.

Chi cura la dermatite allergica?

Di regola, il dottore è un dermatologo.

Dopo aver esaminato e parlato con il paziente, può prescrivere alcuni test, oltre a condurre ulteriori esami strumentali al fine di capire: è davvero dermatite allergica da contatto o qualche altra malattia, ad esempio, l'infezione fungina della pelle.

Trattamento della dermatite allergica da contatto

Di norma, il trattamento della dermatite atopica viene effettuato in due direzioni:

  1. Prevenire ulteriori contatti con gli allergeni.
  2. Rimuovere l'infiammazione della pelle.

Prevenire il contatto con gli allergeni

  1. Condurre test allergologici per identificare una sostanza specifica che ha causato la dermatite.
  2. Rimozione dell'allergene dal corpo (eliminazione).
  3. Prevenire nuovi contatti.

Tra le misure generali per eliminare il contatto con gli allergeni, i seguenti sono i più comuni:

  • Migliorare la ventilazione e l'automazione dei processi tecnologici nella produzione.
  • Cambio di occupazione in caso di sviluppo di dermatite allergica da contatto professionale.
  • Indossare indumenti ipoallergenici.
  • L'uso di cosmetici e prodotti chimici domestici appartenenti alla classe di ipoallergenico.
  • Esclusione di tutti i prodotti, prodotti chimici domestici, ecc., Che contengono l'allergene identificato.

Trattamento locale

  1. Rimozione della sostanza dalla superficie della pelle.
  2. Rimozione di infiammazione allergica. In questo caso vengono spesso usati pomate ormonali, incluse quelle contenenti fluoro. Tuttavia, dovrebbero essere usati con cautela sul viso, dal momento che uno degli effetti collaterali è la comparsa di acne, così come nella zona delle pieghe naturali, al fine di evitare l'atrofia della pelle. In alcuni casi, gli unguenti vengono applicati sotto forma di medicazioni occlusive per la notte.
  3. Se un'infezione secondaria si unisce all'infiammazione allergica e la ferita viene infettata, gli agenti antibatterici vengono somministrati per via orale.
  4. Di regola, anche gli agenti contenenti antistaminici e anestetici non vengono somministrati per via topica.
  5. In caso di dermatite allergica grave, il trattamento può essere costituito da lozioni con acqua e sale da solo, e l'intensità del prurito è ridotta con l'aiuto di acqua fredda o ghiaccio.

Trattamento generale

  1. Nella fase acuta della dermatite allergica in caso di decorso grave: preparazioni ormonali della serie di prednisolone, che possono essere somministrate a basse dosi o come dose di carico, seguite da una diminuzione in alcune settimane.
  2. I sorbenti possono anche essere somministrati, ad esempio, carbone attivo, preparazioni a base di sali di silicio.
  3. Nel caso dello sviluppo di complicanze purulente - antibiotici.

Dermatite atopica

La dermatite atopica può anche essere attribuita alla dermatite allergica della pelle, in cui il problema principale del paziente che disturba è il prurito cutaneo. Rende fino al 5% delle malattie della pelle e si alterna periodicamente con qualche altra malattia di natura allergica: rinite allergica, pollinosi, asma bronchiale.

motivi

Se, in caso di dermatite da contatto, i principali allergeni sono direttamente le sostanze che vengono a contatto con la pelle, allora per la dermatite atopica sono i principali allergeni che possono entrare all'interno:

  1. Allergeni alimentari - latte, cioccolato, uova, farina e molti altri.
  2. Allergeni di origine animale: polvere domestica, acari, peli e saliva di animali domestici, ecc.
  3. Infetti e altri allergeni.

Si ritiene che l'ereditarietà abbia un ruolo importante nello sviluppo della dermatite atopica.

Esistono molte teorie sul perché la dermatite atopica si verifichi e gli specialisti non sono ancora in grado di determinare esattamente. Tuttavia, l'essenza di tutte le teorie è che quando un allergene entra nel corpo, si sviluppa un'immagine della dermatite allergica sulla pelle.

Cosa succede se un allergene entra dentro?

In questo caso, le prime reagiscono, che negli strati della pelle iniziano ad espandersi e la loro permeabilità aumenta. Successivamente, vi è gonfiore della pelle, reinsediamento attivo negli strati epidermici di cellule immunocompetenti: eosinofili, neutrofili, linfociti con localizzazione predominante vicino ai vasi. Quindi si sviluppa il consueto processo infiammatorio di natura allergica e la lesione cutanea.

sintomi

Foto di dermatite atopica 1. Il più delle volte inizia con la prima infanzia, dura fino a 25-40 anni.

2. Sintomi comuni:

  • Prurito, accompagnato da graffi.
  • Ispessimento e rafforzamento del modello di pelle visibile (lichenificazione) sugli alluci dei piedi, collo, gomiti, fossette popliteali, palme.

3. Nel caso dell'aggiunta della consueta dermatite allergica, si parla di dermatite mista, ad esempio, di "eczema di casalinghe".

Tutti questi sintomi compaiono e scompaiono. Per questo motivo, la dermatite atopica è una malattia ricorrente cronica.

Trattamento della dermatite atopica allergica

  1. Nel periodo di esacerbazione, è prescritta una dieta ipoallergenica o di eliminazione (escluso l'allergene). Di norma, si raccomanda di escludere completamente i prodotti altamente allergenici, limitare i carboidrati e le spezie.
  2. Ormoni prescritti localmente sotto forma di lozioni o unguenti.
  3. Sorbenti, ad esempio, carbone attivo, enterosgel.
  4. Glucocorticoidi e antistaminici.

Durante la remissione con eccessiva secchezza cutanea, vengono prescritte creme emollienti, antistaminici, viene effettuata una specifica iposensibilizzazione.


| 15 marzo 2014 | | 2 685 | Malattie della pelle
Lascia il tuo feedback