Brucellosi: sintomi, diagnosi, trattamento della brucellosi
medicina online

Brucellosi: sintomi, diagnosi, trattamento della brucellosi negli esseri umani

contenuto:

La brucellosi è una grave infezione causata da specifici batteri del genere Brucella, la cui fonte sono animali domestici (infezione zoonotica) e trasmissione multipla. Ad oggi, i casi di brucellosi sono registrati in tutto il mondo, con una maggiore incidenza nei paesi con allevamento di animali sviluppati.



Cause di brucellosi

La malattia è causata da specifici batteri che appartengono a un genere separato Brucella, ha 7 specie. Nell'uomo, 3 tipi di malattia sono causati - B. melitetnsis (spesso causa anche malattia nelle capre), B. suis (può svilupparsi nel corpo dei suini) e B. abortus (si verifica nei bovini). Questi batteri sono di piccole dimensioni, forme polimorfiche, a forma di bastoncello, sferiche (cocchi) e convolute. Le contestazioni e le capsule non si formano. Brucella ha una serie di caratteristiche che sono chiamate fattori di aggressività e contribuiscono allo sviluppo della malattia nell'uomo e negli animali, tra cui:

brucellosi

  • La sintesi della ialuronidasi è un enzima specifico che scompone l'acido ialuronico della sostanza extracellulare, che contribuisce alla penetrazione dei batteri nel corpo umano e alla loro distribuzione in esso.
  • Isolamento di sostanze che inibiscono (inibiscono) l'attività fagocitica dei leucociti dei macrofagi - questo rende possibile il parassitismo intracellulare dei batteri all'interno delle cellule del sistema immunitario e il processo di infezione a lungo termine nel corpo umano.
  • La capacità di allergizzare il corpo umano a causa del rilascio di sostanze proteiche, prodotti metabolici delle cellule batteriche.
  • Isolamento di potenti endotossine nella morte e distruzione delle cellule batteriche - provoca una forte intossicazione del corpo umano e un disturbo metabolico in esso.
  • La formazione di specifiche forme L e S di batteri resistenti agli antibiotici e all'immunità umana, a causa di un cambiamento nella loro struttura genetica.

Queste caratteristiche (fattori di aggressione) della brucella determinano la peculiarità del decorso della malattia e il meccanismo del suo sviluppo (patogenesi). La più virulenta (capacità di causare malattie gravi) è il tipo di batterio - B. melitetnsis. Tutti i batteri che causano la brucellosi, sono abbastanza stabili nell'ambiente, nel cibo (carne, latte), nella pelle e nei capelli degli animali, possono mantenere la loro vitalità per un lungo periodo (da diversi mesi a sei mesi e più a lungo). Bollire in acqua li uccide all'istante, sono anche sensibili alle soluzioni antisettiche (perossido di idrogeno, alcool, furatsilina, candeggina, cloramina).


Epidemiologia della malattia e sua trasmissione

La brucellosi si riferisce a un'infezione zoonotica. Ciò significa che gli animali sono il principale serbatoio e fonte di infezione. Una persona viene infettata da animali domestici della fattoria, ovvero capre, mucche e bovini. La brucellosi è una malattia infettiva con diverse possibili vie di trasmissione del patogeno:

  • Il percorso alimentare è il modo più frequente di trasmissione, in cui l'agente patogeno entra nel corpo umano con alimenti contaminati di origine animale (carne, latte, formaggio). Soprattutto se questi prodotti sono consumati crudi o non trasformati termicamente.
  • Percorso di contatto: l'infezione di una persona si verifica quando la sua pelle o le sue mucose entrano in contatto diretto con un animale malato durante la sua cura, partorendo in allevamenti o singole fattorie. Inoltre, tale infezione è possibile durante la macellazione di un animale malato, tagliando la sua carcassa, trattando la pelle e le pelli degli animali malati dopo il loro massacro.
  • Via aerea - l'agente patogeno entra nel corpo umano con l'aria inalata. Tale percorso di trasmissione si realizza quando si respira aria contaminata da polvere o particelle microscopiche di lana e epidermide di animali malati.

Considerando le peculiarità dell'epidemiologia della brucellosi, la fonte dell'infezione e le sue modalità di trasmissione, questa malattia è caratterizzata da una maggiore incidenza nelle persone che lavorano negli allevamenti o nelle singole fattorie. Di solito, l'insorgenza di casi di brucellosi nell'uomo è preceduta da un'epizoozia (aumento dell'incidenza) di questa infezione negli animali. Una persona, durante la sua malattia, non è contagiosa per le persone circostanti. Sono stati inoltre descritti diversi casi di infezione da brucellosi in laboratorio, durante la coltura di una coltura di batteri su terreni nutritivi al fine di identificare e identificare l'agente patogeno.

Il meccanismo di sviluppo della brucellosi

I cancelli d'ingresso (luogo di introduzione del patogeno nel corpo), a seconda della via di trasmissione, sono le membrane mucose del tubo digerente (stomaco o intestino), gli organi dell'apparato respiratorio, la pelle e le mucose visibili (occhi, cavità orale). Nell'area dell'introduzione di batteri, i cambiamenti infiammatori non si sviluppano. I batteri, in quanto agenti estranei al corpo, vengono catturati dalle cellule del sistema immunitario (neutrofili e macrofagi) e diffusi in tutto il corpo. Quindi si depositano nel tessuto linfoide e danno luogo allo sviluppo di diverse fasi patogenetiche della malattia, che includono:

  • La fase di deriva linfatica è l'ingresso di batteri Brucella nel tessuto linfoide (linfociti, milza) con la loro riproduzione attiva.
  • Generalizzazione primaria (fase settico-tossico) - caratterizzata da un rilascio massiccio di batteri dal tessuto linfoide nel sangue. Questa fase coincide con l'inizio delle manifestazioni cliniche della malattia, dal momento che la circolazione della brucella nel sangue porta a grave intossicazione e allergia al corpo.
  • La fase di disseminazione - con il flusso di sangue, i batteri si diffondono in tutto il corpo e si depositano in vari organi. I luoghi preferiti della loro localizzazione sono il fegato, i linfonodi (ri-penetrazione), la milza, il midollo osseo rosso. In luoghi e riproduzione secondaria dopo disseminazione (distribuzione nel corpo), si sviluppano focolai di necrosi (morte cellulare) e una reazione infiammatoria sotto forma di granulomi.

In futuro, in assenza di trattamento e sufficienti capacità adattative del corpo umano e dell'attività funzionale del sistema immunitario, si verificherà una repressione parziale della moltiplicazione batterica e dell'infezione cronica. I focolai di infezione con una buona risposta immunitaria e capacità protettive del corpo sono circondati da tessuto connettivo e sono trapelati con sali di calcio, il che rende possibile limitare il processo di infezione. Dopo una malattia, si forma un'immunità persistente specie-specifica per la brucellosi, l'immunità alla reinfezione.

I sintomi della brucellosi

La brucellosi ha un periodo di incubazione (il periodo di tempo dal momento dell'infezione all'insorgenza delle prime manifestazioni cliniche della malattia) per la brucellosi è di circa 1-2 settimane. Esistono 3 forme cliniche di brucellosi, che hanno le loro specifiche manifestazioni della malattia - brucellosi acuta, cronica e residua.

Sintomi della brucellosi acuta

La brucellosi acuta è caratterizzata da un decorso pronunciato con manifestazioni di intossicazione generale del corpo e una durata del processo fino a 3 mesi. I sintomi principali di questa forma clinica sono:

  • Grave febbre con un lungo decorso e alte temperature corporee (38-40 ° C).
  • Non c'è alcuna correlazione tra l'alta temperatura e il benessere della persona malata - anche con numeri molto alti, il paziente può sentirsi relativamente bene.
  • La febbre è prolungata con periodi di calo della temperatura fino a valori subfebrilici (37,5 ° C) o valori normali. Poi, dopo un po ', la febbre ritorna - una febbre ondulatoria.
  • Un ingrossamento della milza e del fegato in cui si verifica la proliferazione attiva dei batteri della brucellosi è un sintomo epatolienale.
  • Lo sviluppo di sudorazione grave, che aumenta nel periodo di diminuzione della temperatura corporea.
  • Sintomi aspecifici di intossicazione generale - mal di testa, malessere, debolezza, perdita di appetito, dolori muscolari e articolari. Queste manifestazioni non dipendono dalla temperatura corporea e possono svilupparsi anche con il suo valore normale.
  • Ipotensione moderata (diminuzione della pressione arteriosa sistemica) sullo sfondo di intossicazione del corpo.

La gravità dei sintomi di un decorso acuto della brucellosi dipende dalla reattività del corpo umano e dal numero di batteri presenti.

Sintomi di brucellosi cronica

Il decorso cronico della malattia è caratterizzato da lesioni focali degli organi in cui i batteri si moltiplicano. I sintomi principali di questa forma di brucellosi sono:

  • Febbre periodica con una temperatura di circa 38º C, ma più spesso persiste all'interno dei numeri subfebrilari (37,5º C).
  • Linfoadenopatia generalizzata - un aumento di tutti i gruppi di linfonodi.
  • Sintomi di affetto del sistema nervoso autonomo: sudorazione eccessiva, labilità emotiva (cambiamento di umore durante un breve periodo di tempo).
  • Segni di una lesione del sistema muscolo-scheletrico sono il sintomo più comune della brucellosi cronica, che è caratterizzata da infiammazione unilaterale di grandi articolazioni (artrite) - anca, ginocchio, gomito e spalla.
  • La miocardite infettiva è un'infiammazione del muscolo cardiaco, manifestata da un dolore periodico nel cuore, non associato allo sforzo fisico.
  • Ingrandimento prolungato del fegato e della milza (epatosplenomegalia).

In caso di grave diffusione di batteri, possono svilupparsi vari sintomi focali: un processo infiammatorio agli occhi, organi della sfera urogenitale, muscoli e pelle sotto forma di formazioni densi dolorose.

Sintomi di brucellosi residua

I sintomi di organi interni, cuore, vasi sanguigni e articolazioni grandi si stanno sviluppando, anche dopo che il corpo è stato liberato dalla brucellosi batterica. Questi cambiamenti sono persistenti e possono persistere per tutta la vita successiva della persona che l'ha avuta. La brucellosi residua è una sorta di complicazione dell'infezione.

diagnostica

Per la diagnosi specifica della brucellosi vengono utilizzati metodi di test di laboratorio che includono:

  • Studio batteriologico con isolamento della coltura batterica del patogeno e loro identificazione.
  • La diagnosi sierologica è il metodo di diagnosi più comune, in cui si utilizzano varie tecniche (reazione di agglutinazione, saggio immunoenzimatico), viene rilevato un aumento del titolo anticorpale verso determinati tipi di brucella.

Per ulteriori diagnosi, al fine di determinare la gravità e la localizzazione dei cambiamenti strutturali negli organi, viene utilizzata un'analisi clinica del sangue e delle urine, dei raggi X e dei metodi ecografici di esame strumentale. La base per la diagnosi finale è l'identificazione e l'isolamento dell'agente patogeno o anticorpi ad esso.

Trattamento della brucellosi

Il complesso delle misure terapeutiche nel caso della brucellosi viene eseguito solo in un ospedale medico e comprende:

  • Terapia etiotropica - mirata alla distruzione del patogeno con l'aiuto di agenti antibatterici. Per fare questo, gli antibiotici del gruppo tetraciclina e rifampicina vengono utilizzati per lungo tempo, per almeno 6 settimane, per distruggere completamente il patogeno e prevenire la formazione di forme resistenti di batteri e lo sviluppo della brucellosi cronica.
  • Terapia patogenetica - necessaria per ridurre la gravità del danno agli organi interni durante lo sviluppo di batteri in essi, compresa la disintossicazione (flebo endovenoso di soluzioni saline e assorbenti speciali), trattamento antiallergico con antistaminici, vitamine, stimolanti del sistema immunitario, antidolorifici (analgesici) e sedativi .

Dopo il trattamento, la dimissione dall'ospedale viene effettuata non prima di 2 settimane dopo la normalizzazione della temperatura corporea e l'assenza di segni clinici di laboratorio della malattia. Dopo questo, si raccomanda il trattamento di sanatorio.

Prevenzione della brucellosi

La prevenzione ha lo scopo di impedire alla persona di infettare con la brucella o di creare immunità alla penetrazione di batteri nel corpo (immunità). A tal fine, vengono utilizzati 2 tipi di eventi:

  • Profilassi non specifica: identificazione e isolamento di animali malati presso allevamenti di bestiame, controllo batteriologico di alimenti di origine animale, fornitura di personale con dispositivi di protezione individuale (respiratori o maschere, guanti, camici).
  • La profilassi specifica mira a creare l'immunità nelle persone che vivono in aree sfavorevoli alla brucellosi e agli allevatori. Questo viene effettuato utilizzando vaccini contenenti batteri vivi e attenuati di 3 tipi principali di Brucella.

L'incidenza della brucellosi oggi rimane ad un livello abbastanza alto. Casi costanti di infezione da Brucella sono registrati in tutto il mondo. Più spesso questo si verifica in paesi con allevamento di animali sviluppati. Data la gravità della patologia con frequente passaggio alla forma cronica, l'obiettivo principale nella lotta contro l'infezione è la sua prevenzione.


| 21 giugno 2015 | | 514 | Malattie infettive
Lascia il tuo feedback