Disbiosi intestinale negli adulti: sintomi, trattamento
medicina online

Disbiosi intestinale negli adulti: sintomi, trattamento

contenuto:

Dysbacteriosis negli adulti L'abbondanza di pubblicità che offre di sbarazzarsi della disbiosi intestinale con l'aiuto di droghe, ti fa chiedere quale sia la disbatteriosi , se debba essere trattata e, in tal caso, quali misure dovrebbero essere prese.

Tutto il nostro corpo, dalla pelle agli organi interni, è densamente popolato di batteri. Quando il numero delle loro specie e il numero totale di microrganismi sono in uno stato di equilibrio, non avvertiamo alcun disagio e il nostro corpo funziona correttamente. Ma quando alcuni batteri periscono in massa, e la popolazione degli altri, di conseguenza, aumenta, inizia il processo patogenico, che noi chiamiamo dysbacteriosis.

Dovrebbe essere chiaro che ufficialmente non esiste una tale malattia somatica e che ciò che consideriamo una disbiosi intestinale è in realtà nient'altro che un disturbo funzionale. Di solito è un segno di un'altra malattia del tubo digerente. Inoltre, gli esperti assicurano che un cambiamento significativo nel numero di batteri nell'intestino, che non può essere ripristinato da solo, è una rarità, e la corsa a questa malattia è stata creata dai marketer per la commercializzazione di prodotti farmaceutici.



Cause di disbiosi

Le cause della disbiosi negli adulti possono essere:

  • L'assunzione di antibiotici è la causa più comune di disbiosi. I principi attivi di questo gruppo di farmaci possono distruggere i batteri patogeni, ma insieme ad essi anche altri microrganismi che abitano pacificamente l'intestino di una persona sana rientrano nello scopo.
  • Cibo irrazionale Nel processo di digestione, i batteri svolgono un ruolo importante. Una dieta corretta prevede alcune restrizioni sulle calorie e la distribuzione della quantità di proteine, grassi e carboidrati. Quando queste norme vengono sistematicamente violate, il corpo è difficile da affrontare con il processo di digestione dovuto alla fermentazione (eccesso di carboidrati) o decadimento (proteine ​​in eccesso). Di conseguenza, si sviluppa la disbiosi. È importante menzionare la qualità del cibo consumato. Un gran numero di additivi sintetici, coloranti, stabilizzanti e aromi sono un carico irragionevole sul tratto intestinale, in quanto non è progettato per digerire tali sostanze. E, infine, la quantità di cibo consumato: l'ottimale è una porzione della porzione che si adatta al palmo di una persona. Dovresti mangiare spesso, ogni tre o quattro ore, e tre ore prima di andare a dormire, dovresti mangiare solo cibo leggero - kefir o mele (in assenza di gonfiore). Se il paziente supera queste norme, il cibo non ha tempo per digerire, e la disbatteriosi si ripresenta a causa della putrefazione e della fermentazione nell'intestino.
  • L'infezione. L'infezione intestinale causa la disbatteriosi per due motivi: primo, a causa della terapia antibiotica, e in secondo luogo, a causa del lavoro del nostro stesso sistema immunitario, che, nel tentativo di distruggere l'infezione, uccide anche i batteri benefici.
  • Malattie croniche dell'apparato digerente. Il cibo entra nell'intestino in una forma parzialmente digerita (esposizione alla saliva in bocca e succo gastrico), favorevole all'attività dei batteri. Se sono presenti disturbi somatici e funzionali, il cibo che entra nell'intestino non è adeguatamente preparato. Le tossine che si accumulano costantemente influenzano negativamente la biocenosi intestinale.
  • Gravi malattie sistemiche Infezione da HIV, oncologia, riabilitazione dopo interventi chirurgici - con queste condizioni, sono possibili eventuali disturbi funzionali dell'apparato digerente, compresa la disbatteriosi.

Affinché un adulto possa sviluppare la disbiosi, è necessario un solo fattore o una combinazione di diverse cause. Dipende dall'organismo specifico, dalla presenza di malattie croniche, dalla predisposizione genetica e dall'età. Ecco perché una persona può sottoporsi a un lungo ciclo di antibiotici e non affrontare la disbatteriosi, e un'altra può sperimentare l'intera gamma di disturbi intestinali anche con una minima violazione delle regole del mangiare sano.

Separatamente, vale la pena notare che molto spesso la disbiosi delle donne porta al desiderio femminile di armonia e bellezza. La mania per le diete pubblicizzate, i metodi di pulizia, l'assunzione di lassativi e strane pillole dimagranti hanno un effetto dannoso sul funzionamento del tratto gastrointestinale e sull'organismo nel suo complesso.

Sintomi della disbiosi intestinale negli adulti

  1. Il disagio addominale è il segno più frequente e soggettivo di dysbacteriosis. Il paziente può sentire pesantezza, brontolio, ribollire, indipendentemente dal pasto. La gravità del sintomo può essere qualsiasi, dipende dal paziente, dalla sua attenzione al proprio corpo e dal livello di sospettosità.
  2. Flatulenza. Con la dysbacteriosis, lo stomaco spesso si gonfia e i gas escono. Ma non dovresti diagnosticare la disbatteriosi in te stesso se questi sintomi sono intermittenti. La formazione di gas nell'intestino quando alcuni alimenti sono consumati è la norma, e un'attenzione particolare può essere prestata a questo fattore solo se il sintomo causa un grave disagio fisico.
  3. Disturbi della sedia. Molto spesso un paziente con disbiosi soffre di diarrea, tuttavia a volte è possibile lo sviluppo di costipazione. A causa di disturbi alle feci, possono svilupparsi altre malattie, come le emorroidi e le ragadi anali, che richiedono un trattamento immediato.
  4. Riduzione del peso Ciò accade a causa del fatto che il cibo non viene digerito correttamente, il che significa che il corpo riceve meno nutrienti. Di conseguenza, il peso corporeo può diminuire.
  5. Malessere generale Questo fattore dipende dalla condizione generale: un corpo indebolito può reagire molto violentemente a uno squilibrio dell'intestino, a causa del quale appariranno mal di testa, astenia e sonnolenza. Inoltre, la digestione compromessa ostacola l'assorbimento di alcune vitamine e oligoelementi che sono vitali per l'uomo.
  6. Sapore sgradevole in bocca, che indica intossicazione del corpo o problemi al fegato.
  7. Il dolore addominale è un sintomo molto fastidioso, il che suggerisce che l'infiammazione e persino le ulcere si sviluppano nell'intestino a causa di una violazione della microflora.

I sintomi della disbiosi negli adulti possono essere permanenti e possono comparire periodicamente dopo aver mangiato determinati alimenti: latte, frutta, zucchero e altri. Per sospettare la presenza di disbatteriosi in se stessi, è necessario che il quadro clinico includa diversi sintomi sopra descritti, con una durata sintomatica di almeno una settimana.

Metodi per la diagnosi di disbiosi

Quando un paziente tratta i suddetti reclami, il medico raccoglie informazioni dalle parole del paziente, esegue la palpazione intestinale, prescrive un'analisi delle feci. L'analisi è una diluizione di un grammo di feci in una soluzione speciale, dopo di che viene seminato su un mezzo nutritivo. Se il tecnico di laboratorio vede una diminuzione del numero di bifidobatteri e allo stesso tempo un aumento del numero di stafilococchi o funghi, allora c'è disbiosi intestinale.

Tra gli altri metodi diagnostici si possono notare:

  • Un esame del sangue - mostra la presenza di infiammazione e possibile sanguinamento nell'intestino. Nella disbiosi grave, si nota anemia - una diminuzione del livello di emoglobina nel sangue.
  • Colonscopia. Consente di valutare le condizioni del segmento dell'intestino fino a un metro. È l'inserimento della sonda nell'ano, quindi la procedura è molto spiacevole per la maggior parte dei pazienti. In alcuni casi, può essere sostituito con rectoromanoscopy.
  • Clisma opaco. Un agente di contrasto viene iniettato nell'intestino, seguito da un esame a raggi X. L'immagine mostra lo stato del colon, i cambiamenti nei suoi tessuti, le membrane mucose. Questo metodo diagnostico è più accurato rispetto alla colonscopia.
  • Gastroscopia. Richiesto quando si individuano le cause della disbiosi. Se, con certi segni, si può sospettare che lo squilibrio sia associato a indigestione nello stomaco e nel duodeno, allora la gastroscopia permetterà di dimostrarlo o confutarlo.

Trattamento della disbiosi intestinale negli adulti

Il trattamento consiste in diversi metodi, ognuno dei quali può essere applicato singolarmente o in combinazione con altri.

  1. Dieta. I cibi grassi, piccanti e dolci sono esclusi dalla dieta. La preferenza è data al porridge di cereali, zuppe leggere. Esclude alcol, prodotti snack, fast food. I latticini svolgono un ruolo enorme nel trattamento della disbatteriosi. Ma comprandoli, è meglio concentrarsi sui farmaci naturali del bifido e non sui marchi di moda.
  2. Droga. Per il trattamento della disbiosi sono stati utilizzati tre tipi di farmaci:
  • I prebiotici sono necessari per preparare gli intestini alla colonizzazione da batteri benefici. Il modo più facile e più sicuro per prepararsi è l'acidificazione del mezzo.
  • Probiotici: contengono i batteri più necessari nell'intestino.
  • Synbiotics - è un farmaco che combina sia prebiotici che probiotici.

Pertanto, il trattamento standard è il seguente: in primo luogo, viene selezionato un preparato che acidifica il mezzo intestinale, ad esempio Hilak Forte o Lactulose. Dopo averlo assunto, i probiotici sono ubriachi di batteri vivi che sono ben assorbiti nel terreno preparato in precedenza. Un esempio di probiotici è Bififorme o Bifidumbacterin. È importante ricordare che i probiotici devono essere conservati in un luogo freddo in modo che i batteri siano vitali al momento dell'ingresso nell'intestino.

  1. Normalizzazione della peristalsi Se il paziente è dominato da stitichezza, significa che la sua peristalsi è ridotta e ha bisogno di stimolanti dell'attività intestinale.
  2. Normalizzazione dello stomaco. Se nel processo di diagnosi il medico ha stabilito che la causa della disbatteriosi è una scarsa prestazione dello stomaco, del pancreas o della cistifellea, vengono prescritti preparati enzimatici e farmaci coleretici. Potrebbe essere necessario assumere antispastici per rilassare i dotti.
  3. Nel caso in cui l'analisi delle feci evidenzi la crescita di stafilococchi, vengono prescritti antibiotici. Dopo aver completato il corso, devi pulire l'intestino dai batteri morti. A questo scopo, sono prescritti i sorbenti: carbone attivo, Polyphepan o Enterosgel.

Nella maggior parte dei casi, in caso di disbatteriosi, vengono prescritti solo prebiotici e probiotici: l'intestino, abitato da batteri benefici, può lavorare indipendentemente e sconfiggere la flora patogena. Altri metodi di trattamento sono usati se la dysbacteriosis è in una forma molto lanuginosa o ci sono malattie concomitanti.

Prevenzione della disbiosi

La prevenzione della disbiosi dovrebbe essere effettuata continuamente, perché in effetti è uno stile di vita sano:

  • Considerando che la causa più comune dello sviluppo della disbatteriosi è l'assunzione di antibiotici, è importante non auto-medicare prescrivendo farmaci per se stessi. Se è necessario il ricevimento di antibiotici, dal primo per il loro appuntamento è necessario bere biokefir. È importante assumere antibiotici in combinazione con altri farmaci, se del caso, prescritti dal medico curante (antifungini, bifidobatteri e altri).
  • Corretta alimentazione Mantenere l'equilibrio di grassi, proteine ​​e carboidrati e mantenersi all'interno del contenuto calorico richiesto è la chiave per la salute del tratto intestinale.
  • Trattamento tempestivo delle malattie del tratto gastrointestinale. Il corretto funzionamento di tutti gli organi digestivi riduce il carico sull'intestino.
  • Esercizio. Un buon apporto di sangue aumenta la peristalsi e, quindi, consente la rimozione tempestiva di cibo non digerito dall'intestino.

Caratteristiche della disbiosi intestinale durante la gravidanza

Il feto è in stretta connessione con la madre e qualsiasi disabilità somatica e funzionale nel corpo della donna è piena di problemi per il bambino. Questo è il motivo per cui è importante prestare completa attenzione alla propria salute prima della gravidanza - per prevenire la disbiosi, per sottoporsi a tutti gli esami necessari.

Altrimenti, una diminuzione dell'apporto di nutrienti al sangue durante la disbatteriosi può portare a un ritardo nello sviluppo fetale.

La diagnosi di disbiosi nelle donne in gravidanza viene effettuata raccogliendo informazioni dalle parole del paziente e conducendo un'analisi biochimica delle feci. La diagnostica funzionale degli organi dell'apparato digerente durante questo periodo (colonscopia, irrigoscopia) è estremamente indesiderabile.

La terapia include la dieta e la nomina di farmaci speciali. È importante non auto-medicare e affidare il caso al medico di famiglia o all'ostetrico-ginecologo.

Vale la pena notare che l'allattamento al seno di un bambino gli consente di evitare la disbiosi durante l'infanzia e di ridurre significativamente la probabilità della sua acquisizione in età adulta.


| 26 giugno 2015 | | 4,789 | Malattie del tubo digerente
Lascia il tuo feedback