Discinesia biliare (DZHVP): sintomi, trattamento
medicina online

Discinesia biliare

contenuto:

Discinesia biliare (sinonimi - disfunzione biliare, disturbi funzionali delle vie biliari) - un gruppo di malattie funzionali, il cui verificarsi è causato da disturbi motori del tratto biliare (biliare).

La bile formata nel fegato in una persona sana entra nei dotti epatici (sinistra e destra), quindi nel dotto epatico principale, alla fine del quale vi è una valvola - sfintere Miritstsi (separa il dotto epatico principale dal dotto biliare comune). La bile si accumula e si concentra nella vescica nel periodo interdigestivo. Quando si mangia qualsiasi cibo sotto l'influenza di segnali ormonali e nervosi, la vescica si contrae e la bile accumulata entra attraverso lo sfintere di Lutkens aperto nel dotto cistico, e poi nel coledoch (dotto biliare comune) e da esso attraverso lo sfintere di Oddi nel duodeno.

Possibili disturbi motori comprendono cambiamenti nella contrattilità della cistifellea (il suo riempimento con bile o svuotamento) e l'apparato valvolare (sfintere) dei dotti biliari. Le valvole dello sfintere bile sono Lutkens, Miritstsi e Oddi. Di tutti loro, la discinesia è più spesso rilevata nel lavoro dello sfintere di Oddi (valvola fibro-muscolare dell'ampolla epato-pancreatica), che regola il flusso di bile e succo pancreatico nel lume del duodeno.

Disturbi discinetici prolungati delle vie biliari possono causare la malattia del calcoli biliari, pancreatite , colecistite.

La malattia può manifestarsi in qualsiasi fascia di età ed è caratterizzata da un decorso ondulato. Di regola, le donne predominano tra i pazienti.



Cause e meccanismi di sviluppo

Le basi della formazione dei disturbi della coordinazione motoria delle vie biliari sono i seguenti meccanismi:

  • disturbi del regolamento nervoso vegetativo o centrale;
  • riflessi patologici da altre parti del tubo digerente (ad esempio nei processi infiammatori);
  • cambiamenti ormonali (squilibrio nella produzione di ormoni sessuali, gastrina, colecistochinina, encefaline, angiotensina, glucagone, ecc.).

Il loro sviluppo può portare a:

  • anomalie dello sviluppo intrauterino delle vie biliari;
  • stress psico-emotivo;
  • errori alimentari (dieta non sana, eccesso di grasso, ecc.);
  • malattie parassitarie ( opistorsiasi , giardiasi, ecc.);
  • malattie del tratto biliare (colecistite, colelitiasi, colangite);
  • disturbi postoperatori (sindrome postcholecistectomia, condizioni dopo vagotomia, resezione gastrica, ecc.);
  • malattie del fegato (cirrosi, epatite di diversa origine, ecc.);
  • ulcera peptica;
  • diabete mellito;
  • sindrome premestruale;
  • la gravidanza;
  • miotonia;
  • ipotiroidismo ;
  • celiachia;
  • l'obesità;
  • tumori ormonalmente attivi;
  • trattamento con somatostatina;
  • uso di contraccettivi ormonali;
  • eccessivo sforzo fisico;
  • correre o camminare a ritmo sostenuto;
  • allergie alimentari.


classificazione

I medici praticanti usano diverse classificazioni delle disfunzioni biliari. Secondo la loro posizione, sono divisi in:

  • disfunzione dello sfintere di Oddi (3 tipi: pancreatico, biliare, combinato);
  • disfunzione della cistifellea.

A seconda dell'origine, si distinguono i principali (senza disturbi organici delle componenti extraepatiche del sistema biliare) e le disfunzioni secondarie.

Per i disturbi funzionali determinare le seguenti forme di disfunzione biliare:

  • ipertonica-ipercinetica;
  • ipotonico-ipocinetica.



Sintomi di discinesia biliare

Nonostante la sua natura funzionale, la disfunzione biliare offre ai pazienti una sofferenza molto tangibile che può seriamente compromettere la qualità della loro vita normale. Le sue manifestazioni più caratteristiche sono:

  • sindrome del dolore;
  • sindrome dispeptica;
  • sindrome nevrotica.

Il dolore può variare a seconda del tipo di discinesia. Dunque, con la variante hypotonic-hypokinetic, sono situati nella zona dell'ipocondrio giusto, hanno un carattere tirante, noioso, sono piuttosto lunghi, diminuiscono dopo aver mangiato, le medicine di choleretic o le spese di vegetale, il suono duodenale. Il tipo ipertonico-ipercinetico si manifesta con il dolore a breve termine (a volte piuttosto intenso), che è spesso provocato dal cibo e si placa in calore o dopo l'uso di antispastici. Con disfunzioni dello sfintere di Oddi, gli attacchi dolorosi ripetuti (per almeno tre mesi) assomigliano molto alle coliche biliare (tipo biliare) o ai dolori pancreatici (tipo pancreatico). Possono verificarsi dopo aver mangiato o la notte.

I sintomi dispeptici insiti nelle disfunzioni delle vie biliari comprendono nausea con vomito (più spesso accompagnata da un attacco doloroso), un sapore amaro, feci alterate, eruttazione, perdita di appetito, gonfiore.

Inoltre, tali pazienti sono spesso soggetti a improvvisi cambiamenti di umore (si riduce al mattino), sono troppo ansiosi, fissi sulla loro condizione, permalosi, irascibili, irritabili, hanno disturbi del sonno.

diagnostica

Durante l'esame dei pazienti, il medico può suggerire la presenza di discinesia biliare, se la palpazione e la percussione dell'addome rivelano dolore e una zona dell'ipocondrio destro e dei sintomi biliari positivi (Kera, Myussi-Georgievsky, Ortner, Vasilenko, Murphy, ecc.).

Tuttavia, questi dati da soli non sono sufficienti per comprendere la vera situazione clinica. Tutti i pazienti dovrebbero essere esaminati. L'ambito di studi diagnostici appropriati è determinato dal medico. Il loro complesso può includere:

  • test biochimici (livelli di transaminasi, enzimi pancreatici, pigmenti biliari sono stimati, con disfunzione dello sfintere di Oddi, è possibile un aumento duplice della fosfatasi alcalina, ALT, AST durante il dolore);
  • test provocatori (morfina-coleretica, morfina-neostigmina, con colecistochinina, con tuorli d'uovo, ecc., che stimolano l'attività contrattile della cistifellea o degli sfinteri e provocano un attacco doloroso);
  • Ultrasuoni (valuta la dimensione della cistifellea, lo spessore delle sue pareti, la natura dei contenuti, esclude la presenza di pietre, polipi, tumori, il diametro delle vie biliari, a volte combinato con l'ultrasonografia tradizionale con test provocatori);
  • epatocardiografia (uno studio sul radioisotopo del tecnezio dimostra la velocità e l'entità della cattura del radioisotopo iniettato dal fegato dal sangue, la sua escrezione nella bile, il flusso sequenziale della colecisti, i dotti biliari extraepatici, poi nel duodeno, identificare e determinare la forma di discinesia biliare);
  • fibroesofagogastroduodenoscopy (un indicatore indiretto di disfunzione biliare è l'assenza di bile nella cavità duodenale, l'esame endoscopico esclude i cambiamenti organici nell'area del capezzolo duodenale grande - cicatrici, tumori, ecc.);
  • intubazione duodenale (ora raramente utilizzata, consente di verificare la discinesia e determinarne la forma, per rilevare i cambiamenti nell'equilibrio colloidale della bile);
  • Esami radiografici (colecistografia, colangiografia permettono di valutare la struttura, la funzione di concentrazione e la contrattilità delle vie biliari e della cistifellea);
  • Colangiopancreatografia a risonanza magnetica (metodo non contrastato con alta informazione, valuta lo stato e le funzioni dei dotti biliari intra ed extraepatici, cistifellea);
  • manometria endoscopica dello sfintere di Oddi (con disfunzione, si registra un aumento episodico o stabile della pressione basale di oltre 40 mm Hg);
  • ERCP (procedura endoscopica - la colangiopancreatografia retrograda è una procedura altamente informativa ma complessa, quindi viene eseguita raramente e solo in base alle indicazioni).

Trattamento della discinesia biliare

Dopo aver stabilito la disfunzione biliare primaria e chiarito il suo tipo, il medico sarà in grado di sviluppare la strategia di trattamento desiderata. Si basa sui seguenti blocchi:

  • terapia dietetica;
  • farmacoterapia;
  • fisioterapia;
  • erboristeria;
  • tecniche chirurgiche.

Nella maggior parte dei casi, per trattamenti complessi, i pazienti non devono essere ricoverati in ospedale.

Quando le discinesie sono secondarie, tutti gli sforzi medici devono prima essere diretti al trattamento della malattia di base.

Terapia dietetica

Cambiare la dieta è uno degli obiettivi chiave del trattamento non chirurgico dei pazienti con disfunzione biliare. Inoltre, la correzione della composizione abituale di piatti e prodotti richiede una comprensione e una certa pazienza da parte dei pazienti stessi. Dopotutto, queste non sono misure immediate, ma un cambiamento deliberato a lungo termine nello stile di vita. Solo allora la dieta avrà un effetto benefico.

La nutrizione medica raccomandata per i pazienti con malattie delle vie biliari, deve rispettare alcuni principi elencati di seguito:

  • la frammentazione dell'assunzione di cibo (l'ingestione regolare di cibo nel tratto digestivo contrasta il ristagno della bile, quindi, il cibo è considerato ottimale ogni 4 ore);
  • il cibo dovrebbe essere consumato in piccole porzioni, poiché l'eccesso di cibo può aumentare l'ipertonio e provocare dolore;
  • rifiuto di bevande e piatti eccessivamente freddi (altrimenti si può verificare o intensificare lo spasmo dello sfintere di Oddi);
  • rapporto equilibrato e contenuto di nutrienti di base (carboidrati, proteine, grassi), corrispondente al dispendio energetico di un particolare paziente e ai suoi standard di età;
  • con una grave ristagno della bile per tre settimane, a volte prescrivono una dieta con un aumento della quota di grassi vegetali;
  • i piatti consentiti sono bolliti e / o cotti al vapore, in umido e cotti con portabilità;
  • la metà delle proteine ​​della razione deve essere di origine animale (pesce, frutti di mare, uova, carne, latticini forniscono un aumento dei coli biliari insieme ad una contemporanea diminuzione del colesterolo, quindi, prevengono la formazione di calcoli);
  • restrizione di animali di grassi refrattari (agnello, manzo, anatra, maiale, oca, storione, ecc.), cibi fritti;
  • uso attivo di oli vegetali: cotone, oliva, soia, girasole, ecc. (aumentano sia la formazione di bile che la secrezione biliare, gli acidi grassi polienici contenuti in essi hanno un effetto benefico sul metabolismo del colesterolo e stimolano la motilità dei muscoli lisci della cistifellea), vengono aggiunti al preparato pasti;
  • una quantità sufficiente di fibra indigeribile, che è abbondante in cereali, bacche, crusca, verdura, frutta (riduce la pressione nel duodeno, migliorando così il flusso della bile attraverso i dotti nell'intestino);
  • l'inclusione di succhi vegetali (cetrioli, rari, carote, ecc.), migliorando notevolmente la produzione di bile;
  • l'esclusione di prodotti con un alto contenuto di oli essenziali (aglio, ravanelli, ecc.), carni affumicate, condimenti piccanti (senape, rafano, ecc.), sottaceti, sottaceti;
  • rifiuto di bevande alcoliche;
  • con tipo di discinesia ipotonica-ipocinetica, è indicata una dieta con una maggiore quantità di oli vegetali e fibre e, nel caso della variante ipertonica-ipercinetica, la nutrizione è prescritta con restrizioni dei prodotti colecinetici (tuorli d'uovo, ecc.) e l'inclusione indispensabile di prodotti contenenti magnesio (miglio, grano saraceno, verdure, crusca di frumento).

Inoltre, i pazienti sono raccomandati acqua minerale medicinale. Migliorano la produzione di bile, contribuiscono alla sua diluizione, riducono la congestione esistente, influenzano il tono della cistifellea. La scelta di determinate acque minerali è determinata dalla forma di discinesia.

Nel caso di una variante ipotonica-ipocinetica, ai pazienti vengono prescritte acque minerali con mineralizzazione media (Arzni, Batalinskaya, Borzhomi, Truskavets, Essentuki No. 17, Jermuk, Naftusya, ecc.). Sono ubriachi in una forma fresca, il volume consentito arriva fino a mezzo litro al giorno (è diviso in tre diversi metodi). L'acqua minerale non può solo bere, ma anche entrare fino a 1 litro durante il sondaggio duodenale (con grave ipotensione).

La forma ipertensiva-ipercinetica è la ragione per la ricezione di acque calde mineralizzate ("Narzan", "Slavyanovskaya", "Essentuki №20", ecc.).

la terapia farmacologica

La selezione di farmaci efficaci si basa sul tipo di discinesia consolidata. Quindi, se a un paziente viene diagnosticata una forma ipotonica-ipocinetica, allora verrà mostrato:

  • la procinetica che influenza positivamente l'attività motoria (itopride, metoclopramide, domperidone);
  • tonico generale (Eleuterococco, tinture di ginseng, citronella, aralia, ecc.);
  • bile:

- coleretica - produzione di fegato di stimolanti della bile (allohol, liobil, hologon, tsikvalon, oxafenamid, holonerton, holosas, flamin, hofitol, holaflux, cholenzyme, nicodin, hepabene, ecc.);

- colecisti - stimolazione dell'escrezione biliare (berberina, xilitolo, solfato di magnesio, sorbitolo, ecc.).

Va ricordato che in questo caso i pazienti devono evitare gli antispastici. Questi rimedi aggraveranno ulteriormente l'ipotensione e aumenteranno il dolore.

I colecisti sono spesso usati durante i tubuli - "blind sensing" (un ulteriore metodo per il trattamento della disfunzione biliare ipotonica-ipocinetica).

La variante ipertensiva-ipercinetica dovrebbe essere un'indicazione per i seguenti farmaci:

  • antidolorifici - analgesici (baralgin, tempalgin, pentalgin, trigan D, ecc.);
  • antispastici (mebeverin, drotaverin, citrato di othilonium, benciclan, papaverina cloridrato, pinaverium bromuro, ecc.);
  • coleretico: cholespasmolitici o colelitici - farmaci che rilassano le vie biliari (odeston, olimetina, aminofillina, ecc.);
  • nitrati (nitrosorbidi, sustak, nitroglicerina, ecc.);
  • M-cholinolytics (Buscopan, metacin, chlorosyl, atropine, eccetera);
  • benzotiazepine (diltiazem);
  • bloccanti dei canali del calcio (nifedipina, alopamidico, verapamil, ecc.).

Indipendentemente dalla forma di disfunzione biliare, molti pazienti sono raccomandati:

  • agenti stabilizzanti vegetativi (motherwort, preparazioni Belladonna, benzogeksonii, ecc.);
  • farmaci psicotropi (amitriptilina, melipramina, attarax, elio, sulpiride, tazepam, grandaxina, oretoil, ecc.).

fisioterapia

L'arsenale di metodi fisioterapici può facilitare significativamente la vita dei pazienti con discinesia biliare. Procedure correttamente selezionate:

  • ridurre il dolore;
  • eliminare lo spasmo dei muscoli lisci;
  • normalizzare il tono dello sfintere biliare e della cistifellea;
  • stimolare la contrattilità della cistifellea.

Nel caso di forme ipercinetico-discinesia ipertoniche sono raccomandati per pazienti inductothermy (disco elettrodo viene posto sul quadrante superiore destro), UHF, terapia con microonde (UHF), ultrasuoni ad alta intensità, elettroforesi Novocaina, applicazioni o cera ozocerite, galvanica, conifere, radon e bagno idrogeno solforato.

Nella variante ipotonica-ipocinetica, le correnti diadinamiche, la faradizzazione, le correnti modulate sinusoidali, le correnti a basso impulso, gli ultrasuoni a bassa intensità, i bagni perlati e carbonici sono più efficaci.

L'agopuntura può normalizzare il tono delle vie biliari in qualsiasi forma di disfunzione biliare.

Medicina di erbe

Molte piante sono in grado di attivare la capacità di formazione della bile del fegato, regolare la funzione motoria dell'apparato sfinterico e dei dotti biliari. Sono utilizzati sotto forma di infusi, decotti, estratti o sciroppi.

Tale coleretico naturale naturale comprende fumo di farmacia, cardo mariano, radice di curcuma, immortelle, prezzemolo, seta di mais, cumino, tanaceto, foglie di tre foglie, radice di dente di leone, achillea, cicoria, menta piperita, rosa canina, crespino celidonia. e altri

Le radici di valeriana e liquirizia, camomilla, aneto, motherwort, salvia steppa, melissa e erba di San Giovanni possono avere un effetto cholespasmolitico.

Trattamento chirurgico

In assenza di un sollievo tanto atteso dopo una terapia conservativa adeguata e complessa, i medici usano tecniche chirurgiche. Possono essere:

  • minimamente invasivo (spesso con l'uso di apparecchiature endoscopiche);
  • radicale.

In caso di disfunzione identificata della spesa dello sfintere di Oddi:

  • iniezioni direttamente in questo sfintere della tossina botulinica (riduce significativamente spasmo e pressione, ma l'effetto è temporaneo);
  • dilatazione del palloncino di questo sfintere;
  • messa in scena di uno stent speciale nel dotto biliare;
  • sfinterotomia endoscopica (la sua escissione con capezzolo duodenale) seguita da (se necessario) sfinteroplastica chirurgica.

Una misura estrema per combattere la grave variante ipotonica-ipocinetica della disfunzione biliare è la colecistectomia (rimozione completa della cistifellea atonica). Viene eseguito per via laparoscopica (invece di un'incisione sulla parete addominale, vengono praticate diverse forature per attrezzature e strumenti) o per un percorso laparotomico (con un'incisione tradizionale). Ma l'efficacia di questo serio intervento chirurgico non è sempre sentita dai pazienti. Spesso dopo questo, il rinnovo dei reclami è associato alla sindrome post-colecistectomia sviluppata. Raramente effettuato.

prevenzione

Per prevenire la disfunzione biliare, i pazienti sono generalmente invitati a:

  • pasti regolari che soddisfano i requisiti di cui sopra;
  • evitare il sovraccarico psico-emotivo;
  • normalizzazione del lavoro;
  • smettere di fumare;

своевременное лечение всех других хронических недугов, так как возможно рефлекторное влияние со стороны пораженных органов на моторику желчевыводящей системы.


| 23 febbraio 2014 | 12 563 | Senza categoria
  • галина | 21 Ноябрь 2015

    Grazie per le informazioni.

Lascia il tuo feedback