Clamidia: sintomi e trattamento, foto di clamidia
medicina online

Clamidia: sintomi e trattamento

contenuto:

Foto di Chlamydia La clamidia è una delle più comuni malattie infettive del nostro tempo, trasmessa attraverso il contatto sessuale. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, il tasso di incidenza aumenta ogni anno e oggi quasi il 30% della popolazione mondiale è infetto da clamidia. A causa delle difficoltà di diagnosi, il decorso clinico della malattia e le numerose complicanze, la clamidia urogenitale, che si verificano con danni all'epitelio cilindrico o transitorio dell'epitelio e alle cellule monocitiche, costituiscono una minaccia diretta per la salute riproduttiva femminile e maschile. Tuttavia, questa malattia può causare lo sviluppo di artrite, congiuntivite, linfogranuloma venereo, polmonite e patologie cardiovascolari.

La clamidia è una patologia infettiva trasmessa sessualmente e occupa una posizione dominante nella prevalenza sul globo, che si verifica sette volte e mezza più spesso della sifilide e quattro volte più spesso della gonorrea .

Secondo statistiche tristi, il tasso di incidenza cresce ogni anno e oggi quasi il 30% della popolazione mondiale è portatore di infezione da clamidia. L'agente eziologico della clamidia viene diagnosticato ogni anno in 90 milioni di persone.

Tra le ragazze adolescenti, sessualmente attive, la prevalenza di questa malattia è del 10-15%, tra le donne - 5-20%, e tra i rappresentanti della metà forte dell'umanità - 10-20%. In questo caso, la clamidia si verifica più spesso nei pazienti di età compresa tra 18 e 30 anni.



Agente causale

La clamidia è un parassita obbligato intracellulare con un ciclo di sviluppo unico che è capace di divisione binaria nel processo di riproduzione. È caratterizzato da due forme di esistenza completamente diverse, che sono designate come ET (corpi elementari) e RT (corpi reticolari).

I corpi elementari di clamidia, dotati di proprietà infettive, sono capaci di esistenza extracellulare. Sono trasmessi da persona a persona, per endocitosi penetrano in una cellula di un epitelio cilindrico o transitorio, e lì subiscono un ulteriore ciclo di sviluppo con trasformazione in corpi reticolari (dopo 8 settimane).

RT è una forma del patogeno, parassitizza e si moltiplica per divisione, trovandosi nel mezzo della cellula. Le microcolonie Chlamydial si trovano all'interno del vacuolo, che occupa la maggior parte delle cellule infette. Dopo 24 ore, PT compattato, circondato dalla parete cellulare e trasformarsi in ET. Dopo questo, il vacuolo si rompe, gli agenti patogeni escono e penetrano nelle strutture cellulari vicine.

Nel caso in cui la cellula ospite muoia prima della formazione di ET infettiva, la malattia non si sviluppa.

Va sottolineato che l'infezione di nuove cellule e i cicli di sviluppo ripetuti di chdamydia stimolano la risposta immunitaria del corpo, aumentando così il grado di danno patologico.

L'agente causale della clamidia è instabile nell'ambiente ed è sensibile agli effetti delle alte temperature, quasi istantaneamente perde le sue proprietà aggressive quando viene essiccato, esposto a reagenti chimici e ai raggi UV.

Fonti di infezione e trasmissione di clamidia

Nella clamidia urogenitale, la fonte di infezione è una persona, sia con segni pronunciati della malattia, sia con malattia asintomatica.

Le principali vie di trasmissione dell'infezione da clamidia includono:

  • il sesso;
  • Contatto e famiglia;
  • Verticale.

Modi per diffondere l'infezione da clamidia

  • Attraverso la cervice e la cavità uterina, le tube di Falloppio, il peritoneo e gli organi pelvici (via canalicolare);
  • Attraverso focolai extragenitali (via ematogena);
  • Sui vasi linfatici;
  • Insieme al segreto del seme;
  • Attraverso la contraccezione intrauterina.



Chlamydia Development Mechanism

Ad oggi, la patogenesi della clamidia non è completamente conosciuta, ma, tuttavia, nella pratica clinica è consuetudine distinguere cinque stadi della malattia:

  1. La sconfitta delle mucose.
  2. Danno cellulare bersaglio (infezione regionale primaria).
  3. La sconfitta di un gran numero di cellule epiteliali e l'insorgenza di segni clinici della malattia.
  4. Formazione della risposta immunitaria (reazioni immunopatologiche).
  5. Fase residua, accompagnata da cambiamenti morfologici e funzionali in vari organi e tessuti (in assenza dell'agente patogeno nel corpo)

Clamidia clinica

  1. Forma acuta (non complicata) di infezione da clamidia che si sviluppa nel tratto urogenitale inferiore;
  2. Forma cronica (malattia ricorrente a lungo termine che colpisce le parti superiori del tratto urogenitale, compresi gli organi della cavità addominale).

I segni clinici di infezione da clamidia sono abbastanza diversi. In caso di infezione, si osserva spesso uno stato portatore asintomatico o si osservano eventi infiammatori marcati. Nelle malattie della parte inferiore del tratto urogenitale, i pazienti possono essere diagnosticati con condizioni patologiche quali uretrite, endocervicite, coleite , bartolinite e durante un'infezione ascendente, endometriosi, salpingite, pelvioperitonite, ecc.

Sintomi di clamidia

I sintomi della clamidia nelle donne

Quando una infezione entra nel corpo femminile, appaiono spesso scarichi mucosi o muco-purulenti, che si differenziano da quelli normali per una sfumatura giallastra e un odore sgradevole. A volte, nella zona dei genitali esterni, c'è bruciore e prurito, dolore nel basso addome, aggravamento prima delle mestruazioni, sanguinamento intermestruale. Alcuni pazienti hanno lamentele di debolezza generale e la loro temperatura corporea può aumentare leggermente.

Durante la gravidanza, durante la menopausa e durante un periodo di aumento dell'attività ormonale (nelle ragazze adolescenti), l'infezione da clamidia può provocare lo sviluppo di colpite. In questo caso, la macerazione dell'epitelio squamoso stratificato si osserva intorno alla cervice, diventa edematosa e facilmente vulnerabile (ectopia ipertrofica della cervice).

Attraverso il canale cervicale, l'infezione ascendente da clamidia può diffondersi per via ematogena o linfatica nella cavità uterina, nelle tube di Falloppio, nel peritoneo e negli organi pelvici vicini. Le manifestazioni più frequenti di infezione ascendente sono la salpingite da clamidia e la salpingo-ooforite. Sono caratterizzati da un corso cancellato (subacuto), non incline alla ponderazione. Come risultato, si sviluppa impassability delle appendici, che è irto di una gravidanza extrauterina, e questa condizione porta alla sterilità tubarica, aborto e lo sviluppo di processi adesivi nel bacino.

I sintomi della clamidia negli uomini

Nelle prime fasi della malattia negli uomini, l'uretrite si sviluppa, che può durare per diversi mesi. Allo stesso tempo, c'è una leggera infiammazione dell'uretra e la comparsa di scarse secrezioni vetrose. A volte i pazienti si lamentano di prurito e bruciore, che appaiono durante la minzione.

Nell'uretra, scroto, testicoli e parte bassa della schiena spesso sviluppano dolori di varia intensità e, a seguito dell'intossicazione, la temperatura corporea può salire a 37 gradi. Nella pratica clinica, ci sono casi di sanguinamento durante l'eiaculazione e alla fine della minzione. Allo stesso tempo, può verificarsi torbidità dell'urina a causa di filamenti purulenti e corde che si trovano in esso.

Nel caso in cui la clamidia forma colonie e in questa forma persistono a lungo sulla superficie della membrana mucosa, stiamo parlando del trasporto dell'infezione. Questa condizione è dovuta al fatto che il sistema immunitario umano sopprime la riproduzione dell'agente patogeno. Secondo molti autori, i portatori non sono in grado di infettare i loro partner sessuali, e quindi, da un punto di vista epidemiologico, sono assolutamente sicuri.

Quando la clamidia entra nella fase cronica, i pazienti lamentano disagio nella regione perineale, dolore intorno all'ano e alla prostata, compromissione della funzione erettile, frequente minzione notturna, dolorabilità nei testicoli, eiaculazione dolorosa, cambiamento nel colore dello sperma e diminuzione del volume.

при развитии хламидиоза в аноректальной области патологический процесс зачастую протекает бессимптомно. Nota: con lo sviluppo della clamidia nella regione anorettale, il processo patologico è spesso asintomatico. Tuttavia, a volte i pazienti lamentano prurito e dolore al retto, così come la presenza di scarico dall'ano.

Chlamydia e gravidanza

Nel caso in cui l'infezione da clamidia colpisce una donna all'inizio della gravidanza, questa condizione è irta di malformazioni congenite e insufficienza placentare primaria. Di conseguenza, gli aborti si verificano spesso nelle donne malate, così come la gravidanza non in via di sviluppo sono diagnosticati.

Nelle fasi successive del parto, la clamidia è una minaccia diretta all'aborto, provoca lo sviluppo di insufficienza della placenta secondaria e una ridotta produzione di liquido amniotico.

Uno studio morfologico dei corpi di bambini morti ha rivelato un danno da clamidia alle loro meningi, ai polmoni e ai plessi coroidi. Questi dati confermano l'infezione transplacentare.

Come risultato di infezione ematogena del feto, si osservano sindrome emorragica edematosa, pneumopatie, emorragie nei ventricoli cerebrali, insufficienza epatica, renale e surrenalica. Questi fattori spesso portano alla morte intrauterina o precoce post-natale del bambino.

In alcuni casi, l'infezione da patogeni colpisce solo la placenta, motivo per cui sviluppa reazioni compensative-adattive. Tuttavia, con l'attivazione del processo infettivo, viene disturbata la funzione protettiva della placenta, che alla fine porta alla formazione di insufficienza placentare. A causa del ridotto apporto di nutrienti al feto, si sviluppano ipossia cronica e ipotrofia.

Con la forma cervicale della clamidia, spesso si verifica un travaglio prematuro o una rottura precoce delle membrane. Quando si ingerisce il liquido amniotico infetto, anche prima della nascita del bambino, i suoi polmoni e il tubo digerente sono danneggiati. Tuttavia, l'infezione del neonato può verificarsi quando una madre infetta passa attraverso il canale del parto.

Diagnosi di Chlamydia

Nella diagnosi di clamidia nella pratica di laboratorio, sono utilizzati simultaneamente diversi metodi: metodo di coltura, PCR, metodo di immunofluorescenza, reazione di amplificazione della trascrizione e metodi sierologici.

Va notato che durante l'esame della raschiatura (striscio) si può solo sospettare la clamidia, e quindi questo metodo diagnostico viene utilizzato come analisi rapida, non è al 100% informativo e deve essere confermato.

Metodo culturale

Questa tecnica prevede il posizionamento di materiale biologico su un terreno nutritivo sterile, in cui il patogeno si moltiplica in condizioni appositamente progettate per questo scopo e spesso le sue colonie possono essere distinte anche a occhio nudo. Nonostante sia un processo piuttosto lungo, è considerato uno dei più istruttivi, in quanto consente di stabilire il tipo e il tipo di infezione da clamidia, oltre a determinare la sensibilità del microrganismo agli antibiotici.

PCR

La reazione a catena della polimerasi è una tecnica che prevede la combinazione di molecole di DNA di clamidia con primer appositamente progettati. Oggi è il più preciso e affidabile di tutti.

Analisi RIF

Il metodo di immunofluorescenza è lo studio di raschiature dall'uretra, macchiate con coloranti speciali usando un microscopio a fluorescenza. In questo caso, la rilevabilità del patogeno è 70 su 100.

Metodo ELISA

Quando si esegue la diagnostica ELISA, nel sangue del paziente vengono rilevati anticorpi specifici (immunoglobuline) che si formano alla clamidia. Tuttavia, come un biomateriale può essere usato raschiando dall'uretra. Tuttavia, secondo gli standard medici stranieri, questa tecnica non è raccomandata per la diagnosi di clamidia.

Trascrizione Amplificazione Reazione

Un metodo diagnostico di altissima precisione basato sul rilevamento dell'agente causativo della clamidia nei campioni di RNA studiati. Le molecole di RNA, a differenza delle molecole di DNA, non vengono rilevate dopo la sua morte, il che consente una valutazione più accurata dei risultati dello studio. In questo caso, come biomateriale si usano raschiature dall'uretra, dalla vagina e dal canale cervicale o dall'urina del paziente.

Metodo sierologico

Questa è una tecnica aggiuntiva per rilevare gli anticorpi anti-Chlamydia nel siero del paziente.

Nel caso in cui si riscontri clamidia in una persona, si raccomanda di superare i test per rilevare l'infezione dal suo partner sessuale (anche in assenza di sintomi).

Trattamento con clamidia

Il trattamento per la clamidia viene effettuato con l'osservanza di tre principi di base:

  • Terapia antibatterica;
  • Normalizzazione delle funzioni protettive del sistema immunitario (immunomodulazione);
  • Ripristino della normale microflora vaginale.

La terapia patogenetica dell'infezione da clamidia è considerata efficace solo quando al paziente vengono prescritti farmaci ad elevata attività anti-clamidia. Devono avere una buona capacità penetrante, cioè penetrare attraverso la membrana cellulare nella cellula infetta. Allo stesso tempo, il trattamento prescritto deve essere eseguito per 2-3 settimane (il tempo di passaggio di 6-7 cicli di sviluppo della clamidia), e anche, quando si prescrive la terapia farmacologica, devono essere presi in considerazione i tempi di infezione, il quadro clinico della malattia e la diagnosi topica (localizzazione del nidus).

La clamidia è una malattia causata da un'infezione intracellulare. Pertanto, il suo trattamento è prescritto farmaci antibatterici che possono penetrare e accumularsi nelle cellule infette, bloccando la loro sintesi proteica intracellulare. In precedenza, i pazienti venivano prescritti farmaci per la teteraciclina nel corso del trattamento, tuttavia, a causa della durata della terapia antibiotica e del verificarsi di gravi effetti collaterali, ora sono stati sostituiti dai macrolidi.

лечение хламидиоза у беременных производится по специально составленным схемам, эффективным с точки зрения перинатальной патологии. Nota: il trattamento della clamidia in donne in gravidanza viene eseguito secondo schemi appositamente progettati, efficaci dal punto di vista della patologia perinatale.

Parallelamente alla terapia antibiotica, ai pazienti viene somministrato un trattamento immunomodulatorio. Ha lo scopo di eliminare i cambiamenti immunologici che si verificano nel corpo affetto da infezione da clamidia.

È obbligatorio quando la conduzione della terapia patogenetica è la prevenzione della disbiosi intestinale, che comporta l'uso di probiotici (farmaci contenenti batteri lattici vivi).

Quando si effettua un trattamento etiotropico, vengono prescritte procedure locali (trattamento della vagina con disinfettanti speciali) e anche farmaci antimicotici possono essere prescritti per la prevenzione della candidosi.

Contemporaneamente all'assunzione di antibiotici, il trattamento della clamidia comporta terapia enzimatica, vitamine, adattogeni e antistaminici.

Prevenzione della clamidia

Al fine di prevenire l'ulteriore sviluppo e diffusione della malattia, è necessario un trattamento tempestivo e completo dei pazienti che hanno un'infezione da clamidia, compresi i portatori asintomatici.

È obbligatorio identificare ed esaminare tutti i partner sessuali esistenti del paziente con clamidia, dopo di che viene loro prescritto un trattamento profilattico.

Lavoro educativo-sanitario tra la popolazione (promozione di uno stile di vita sessuale sano e informazioni sui percorsi delle infezioni e segni clinici della malattia).

Prima di tutto, le donne che hanno più partner sessuali, i pazienti con registrazione ginecologica dovrebbero sottoporsi a esami regolari.

Molti autori sostengono che anche se è impossibile diagnosticare con precisione il processo patologico, cioè, per fare la diagnosi finale, il paziente deve prendere tutte le misure preventive e terapeutiche necessarie previste nel corso del trattamento della clamidia urogenitale.

In conclusione, vorrei sottolineare che la diffusa prevalenza dell'infezione da clamidia è legata al fatto che attualmente, durante gli esami preventivi, non viene prestata sufficiente attenzione a questo problema. Altrettanto importante nella diffusione dell'infezione è il fatto che la clamidia è più spesso asintomatica. Allo stesso tempo, medici specialisti di vari settori spesso danno raccomandazioni contraddittorie, e non l'ultimo posto in questa lista è occupato da un'alta percentuale di auto-trattamento, che porta alla sopravvivenza (persistenza) del patogeno nell'organismo ospite e alla ricorrenza della malattia, portando a serie complicazioni. Di conseguenza, il costante aumento del numero di coppie che soffrono di infertilità.


25 Март 2014 | 5 830 | Senza categoria
Lascia il tuo feedback