Colecistite: sintomi, segni, trattamento. Come trattare la colecistite
medicina online

Colecistite: sintomi, trattamento

contenuto:

colecistite La colecistite è una malattia infiammatoria in cui la parete della cistifellea è interessata e le proprietà biochimiche e fisiche della bile cambiano.

I chirurghi (con una forma acuta di colecistite) e terapeuti (con colecistite cronica) spesso si imbattono in questa malattia. Negli ultimi decenni, le statistiche mediche hanno rilevato una costante tendenza all'aumento dell'incidenza di questa malattia.



Cause di colecistite

L'infiammazione della colecisti può verificarsi per una serie di motivi. I principali sono:

  • la formazione di pietre che danneggiano permanentemente la mucosa e possono interferire con il normale flusso biliare;
  • dietetico (abuso di cibi grassi, ipercalorici e fritti, bevande forti, cibo a caso);
  • sovraccarico psico-emotivo;
  • ereditarietà gravata;
  • forma anormale (spesso congenita) della cistifellea (diversi girovita, pieghe, partizioni predisposte a disturbi del flusso biliare);
  • squilibri ormonali e agenti ormonali (compresi i contraccettivi ormonali, i farmaci utilizzati durante la FIV);
  • allergia (ad esempio, cibo);
  • disturbi immunitari;
  • i farmaci (tsiklosporin, clofibrate, octreotide contribuiscono alla formazione di calcoli);
  • perdita di peso drastica;
  • agenti infettivi (batteri, parassiti, virus) che possono penetrare nella cistifellea dai focolai di infezione cronica dormiente già presenti nel corpo.

I fattori infettivi entrano nella cistifellea e nei dotti insieme alla linfa (via linfatica), al sangue (via ematogena) e al duodeno (via ascendente).

L'infiammazione che si verifica nella cistifellea non può influire sulle funzioni di questo organo, ma può anche interferire con la concentrazione e le funzioni motorie (fino a una vescica completamente non funzionante o "disconnessa").

Classificazione di colecistite

Il corso di colecistite è diviso in:

  • acute;
  • cronica.

Sia la colecistite acuta che quella cronica possono essere:

  • calculous (cioè, associato con la formazione di pietre in una bolla, la sua quota raggiunge l'80%);
  • senza pietre (fino al 20%).

Nei pazienti giovani, di norma, si riscontra colecistite senza calcoli, ma dall'età di 30 anni, la frequenza di verifica della colecistite calcificata aumenta rapidamente.

Durante la colecistite cronica, le fasi di esacerbazione si alternano con le fasi di remissione (cedimento delle manifestazioni cliniche e di laboratorio di attività).

Sintomi di colecistite

In una piccola percentuale di pazienti, la colecistite può essere asintomatica (la sua variante cronica), mancano di chiare denunce, quindi la diagnosi viene spesso verificata casualmente durante l'esame.

Tuttavia, nella maggior parte dei casi, la malattia ha manifestazioni cliniche vividi. Spesso si manifestano dopo un qualche tipo di errore alimentare (banchetto, consumo di cibi fritti, alcool), sovraffollamento psico-emotivo, sobbalzo o eccessivo sforzo fisico.

Tutti i segni di colecistite possono essere combinati nelle seguenti sindromi:

  • dolore (dolore opaco o acuto, localizzato, di solito nell'ipocondrio destro, ma a volte si verifica nella regione epigastrica, e nell'ipocondrio sinistro, può dare alla spalla destra, collo, sotto la scapola);
  • dispeptico (gonfiore, sapore amaro in bocca, nausea con vomito, vari disturbi delle feci, sensazione di pesantezza nell'addome superiore destro, intolleranza al grasso);
  • intossicazione (debolezza, febbre, perdita di appetito, dolori muscolari, ecc.);
  • sindrome da disturbi vegetativi (mal di testa, sudorazione, tensione premestruale, ecc.).

I pazienti possono sperimentare lontano da tutti i sintomi elencati. La loro gravità varia da quasi impercettibile (con un decorso cronico lento) a quasi insopportabile (ad esempio, nel caso di colica biliare - un improvviso attacco di dolore intenso).

Complicazioni di colecistite


La presenza di qualsiasi colecistite è sempre irta di possibili complicazioni. Alcuni di loro sono molto pericolosi e richiedono un intervento chirurgico urgente. Quindi, a causa della colecistite, i pazienti possono sperimentare:

  • empiema della cistifellea (infiammazione purulenta);
  • necrosi del muro (necrosi) della cistifellea dovuta a infiammazione e pressione su di essa con pietre (pietra);
  • perforazione del muro (la formazione di fori in esso) a causa di necrosi, a causa del suo contenuto è nella cavità addominale del paziente e porta a infiammazione del peritoneo (peritonite);
  • la formazione di una fistola tra la vescica e l'intestino, la vescica e la pelvi renale, la vescica e lo stomaco (il risultato di cambiamenti necrotici della parete della cistifellea;
  • Cistifellea "disabilitata" (rotta);
  • pericolecistite (transizione dell'infiammazione ai tessuti e agli organi vicini);
  • colangite (diffusione dell'infiammazione nei dotti biliari intra ed extraepatici di varie dimensioni);
  • ostruzione dei dotti biliari;
  • Cistifellea "porcellana" (il risultato della deposizione di sali di calcio nella parete della vescica);
  • cirrosi biliare secondaria (conseguenza di colecistite calcicola prolungata);
  • cancro della cistifellea.

Diagnosi di colecistite

Sintomi di colecistite e diagnosi Dopo aver ascoltato le lamentele del paziente sopra descritte, qualsiasi medico deve esaminarlo, prestando attenzione al colore della pelle, alla sclera, al frenulo della lingua (possono risultare itterici). Quando si sonda l'addome, una possibile colecistite è indicata da dolore localizzato nell'ipocondrio destro e in speciali punti della cistifellea e tensione muscolare locale su questa zona. In tali pazienti, il dolore è spesso presente quando si picchietta delicatamente lungo l'arco costale destro e lungo la regione destra dell'ipocondrio.

Per una diagnosi accurata, il paziente viene quindi generalmente inviato per essere esaminato. I seguenti metodi diagnostici aiutano a identificare la colecistite:

  • emiciclo (con segni di attività patologica di infiammazione rilevati: leucocitosi, trombocitosi, accelerazione della VES);
  • esami del sangue biochimici (marcatori di colestasi come esacerbazione di fosfatasi alcalina, bilirubina, gamma-glutamil transpeptidasi possono essere rilevati durante l'esacerbazione e aumento delle proteine ​​infiammatorie di fase acuta, quali CRP, aptoglobina, ecc.)
  • analisi delle urine (dopo un attacco possono essere presenti pigmenti biliari);
  • ecografia (lo studio valuta le dimensioni della cistifellea, la presenza di deformità, calcoli, tumori, l'uniformità della bile, lo stato delle sue pareti e dei tessuti intorno, nella colecistite acuta le pareti sono stratificate, appare il loro "doppio contorno" e nell'ispessimento cronico, a volte per chiarire disturbi questo studio completano la rottura con colazione coleretica);
  • La risonanza magnetica / TC (capacità diagnostiche degli studi di revisione non contrastanti sono simili all'ecografia, la colangiografia con risonanza magnetica è più informativa, che analizza la condizione e la pervietà dei dotti, escludendo alcune delle complicanze della colecistite);
  • ecografia endoscopica (il metodo combina fibrogastroduodenoscopia ed ecografia, poiché il sensore diagnostico è posto sull'endoscopio, visualizza meglio le condizioni dei dotti biliari);
  • intubazione duodenale (i risultati del metodo indicano indirettamente la colecistite, se nella porzione cistica la bile raccolta è torbida con scaglie, sono presenti parassiti);
  • seminare la bile (rileva gli agenti patogeni, ne chiarisce l'aspetto e la sensibilità a diversi farmaci antibatterici);
  • radiografia addominale generale (un semplice esame può confermare la perforazione della cistifellea infiammata, la sua calcificazione, rilevare alcune pietre);
  • la colecistografia è un metodo di contrasto a raggi x, durante il quale il contrasto viene introdotto direttamente nella vena o attraverso la bocca (rileva le pietre, la bolla è "disattivata", menomazioni funzionali, ma dopo l'introduzione diffusa di ultrasonografia nella pratica di routine, è estremamente raro);
  • colangiopancreatografia retrograda (consente di stabilire una complicazione - blocco del sistema duttale e persino rimuovere alcune pietre);
  • la cholescintigrafia con tecnezio (viene mostrata la tecnica del radioisotopo per verificare la colecistite acuta ed escludere la bolla "disabilitata");
  • epatocardiografia (procedura diagnostica radioisotopica per chiarire il tipo di disturbi funzionali);
  • microscopia fecale per l'individuazione di uova o frammenti di vermi, cisti di lamblia;
  • analisi immunologiche (ELISA) e genetiche molecolari (PCR) per l'individuazione di parassiti.

Trattamento colecistite

Le tattiche mediche sono determinate dalla forma di colecistite, dal suo stadio e dalla sua gravità. Le forme acute della malattia sono trattate esclusivamente in ospedale. Nei casi cronici, i pazienti con forme lievi e non complicate possono fare a meno dell'ospedalizzazione senza una sindrome da dolore intenso.

Le misure terapeutiche possono essere conservative e radicali (chirurgiche).

Trattamento conservativo

Viene utilizzato principalmente in caso di malattie croniche. Possibili metodi non invasivi includono:

  • dieta;
  • terapia farmacologica;
  • litotripsia extracorporea (onda d'urto).

Cibo salutare

Trattamento colecistite La nutrizione dei pazienti nella fase acuta del processo deve necessariamente essere delicata e frazionata. In casi particolarmente gravi, a volte ricorrono anche a un paio di giorni "affamati", durante i quali sono consentiti solo liquidi (tè caldo debole, brodo di rosa canina, bacche diluite o succhi di frutta, ecc.). Inoltre, tutti i prodotti vengono bolliti o cotti usando una doppia caldaia, quindi asciugare. L'estinzione e la cottura prima della remissione sono proibite. Tutti gli alimenti e i cibi grassi (latticini, maiale, oca, agnello, anatra, pesce rosso, strutto, creme pasticcere, ecc.), Cibi affumicati, cibo in scatola, spezie piccanti, dolci, cacao e bevande contenenti caffeina, cioccolato, tuorli d'uovo , cottura. Zuppe di muco, porridge grattugiato, verdure, pesce, carne o cereali, soufflé, gnocchi, cotolette di vapore, baci, mousse, omelette proteiche sono i benvenuti. Sono permessi cremosi (come fonte di protezione delle mucose - vitamina A) e oli vegetali (soia, mais, verdura, cotone, oliva, ecc.). Tutte le bevande e i pasti devono essere serviti al caldo, poiché il freddo può essere la causa di un doloroso attacco doloroso.

Dopo l'inizio della remissione tanto atteso, è consentito cuocere e stufare, i prodotti non vengono più puliti e bacche, verdure, frutta e frutta fresca sono inclusi nella dieta. Per migliorare la composizione della bile e ridurre la sua capacità di formazione di calcoli, viene mostrata la fibra alimentare. È ricco di cereali (grano saraceno, avena, orzo, ecc.), Alghe, crusca, verdure, alghe, frutta.

Trattamento farmacologico della colecistite

Durante l'esacerbazione di qualsiasi colecistite si raccomandano pazienti:

  • antibiotici che penetrano nella bile in concentrazioni sufficienti per uccidere l'infezione (doxiciclina, ciprofloxacina, eritromicina, oxacillina, rifampicina, zinnat, lincomicina, ecc.);
  • agenti antibatterici (Biseptolo, Nevigramon, furazolidone, nitroxolina, ecc.);
  • farmaci antiparassitari (a seconda della natura del parassita, è prescritto - macmorrho, metronidazolo, tiberal, nemozol, biltricid, vermoxum, ecc.);
  • agenti di disintossicazione (soluzioni per la suoneria, glucosio, reamberina, ecc .;
  • analgesici non narcotici (baralgin, spazgan, trigan D, preso, ecc.);
  • antispastici (papaverina, halidor, mebeverin, no-spa, buscopan, ecc.).
  • blocco novenicoide perirenalny (con dolori insopportabili, se non sono tolti da altre medicine);
  • mezzi per la stabilizzazione del sistema nervoso autonomo (Elenium, motherwort, Eglonil, Melipramine, benzogeksony, ecc.);
  • farmaci antiemetici (domperidone, metoclopramide, ecc.);
  • immunomodulatori (imunofan, polyoxidonium, sodio nucleinato, licopid, timoptin, ecc.).

Dopo il sollievo dell'infiammazione in caso di colecistite calcicola, alcuni pazienti cercano di sciogliere le pietre con l'aiuto di medicinali. Per questo, i medici li prescrivono con acido ursodesossicolico o chenodeossicolico (ursofalco, henofalk, urdox, ursosan, ecc.). È meglio non prendere questi farmaci da soli, poiché possono essere efficaci solo nel 20% dei pazienti. Ci sono alcune chiare indicazioni per la loro ricezione che possono essere determinate solo da uno specialista qualificato. Per ogni paziente, la dose ottimale di farmaco è impostata individualmente. Dovrebbero essere presi abbastanza a lungo (circa un anno) e regolarmente. Il trattamento viene effettuato sotto controllo medico e di laboratorio (periodicamente è necessario determinare i parametri biochimici del sangue, eseguire un'ecografia). L'autotrattamento è irto di sviluppo di pancreatite (infiammazione del pancreas), blocco delle vie biliari, dolore intenso, grave diarrea.

Nella fase di remissione della colecistite senza calcoli, i pazienti possono iniziare un ciclo di farmaci coleretici. Ma per questo è consigliabile avere informazioni sul tipo di disturbi funzionali. L'arsenale del colagogo moderno è estremamente ricco. I pazienti sono raccomandati Hofitol, Odeston, Oxafenamide, Zucca, Cholensim, Nicodean, Hepatophilic, Cardo mariano, Tanaceto, Fumo, Crespino, Mortaio di Tissue, Sale, Magnesio, Xilitolo, ecc. Se avete provato pietre, bonstene, olgogum, sali di magnesio, xilitolo, ecc. cistifellea) coleretica pericolosa.

Litotripsia extracorporea (onda d'urto)

Le pietre vengono distrutte dalle onde d'urto generate da installazioni speciali. La tecnica è possibile solo con la composizione del colesterolo delle pietre e la contrattilità conservata della vescica. Spesso è combinato con la terapia litolitica (preparazioni di acido xeno e ursodesossicolico), che è necessaria per eliminare i frammenti di calcoli formatisi a seguito di litotripsia extracorporea. Nella Federazione Russa, questa tecnica è usata abbastanza raramente.

Trattamento chirurgico della colecistite

Con l'inefficacia di questi metodi conservativi, vescica non funzionante, grave malattia acuta, esacerbazioni costanti, frequenti coliche biliare, la comparsa di complicanze, il trattamento può essere solo operativo. I chirurghi eseguono la rimozione della colecisti colpiti dall'infiammazione (colecistectomia). A seconda dell'accesso e del metodo di colecistectomia è:

  • tradizionale con una sezione della parete addominale e accesso aperto (preferibile per un percorso complicato, ma più traumatico, dopo che i pazienti si riprendono più a lungo, più problemi postoperatori rispetto ai due tipi seguenti);
  • laparoscopica (considerata l'opzione principale, l'accesso alla vescica è fornito da diverse forature, l'attrezzatura necessaria e la videocamera sono inserite attraverso di esse, è più facile da trasportare, i pazienti sono meglio riabilitati e in precedenza scaricati dalla clinica);

minicolecistectomia (differisce per un mini-accesso, la cui lunghezza non supera i 5 centimetri, è un metodo intermedio, in quanto vi sono elementi della tecnica "aperta").


| 30 settembre 2014 | | 38 957 | Malattie negli uomini
Lascia il tuo feedback