Colecistite cronica: sintomi e trattamento
medicina online

Colecistite cronica

contenuto:

Colecistite cronica

Colecistite cronica

La colecistite cronica è una malattia molto comune della cistifellea, caratterizzata dall'infiammazione delle sue pareti. La causa più comune di questa malattia è la formazione nel lume delle pietre e delle infezioni del dotto biliare.

La cistifellea è un organo cavo situato vicino alla superficie inferiore del fegato. La funzione principale della vescica è l'accumulo di bile prodotto dal fegato. Nel processo di digestione, questo segreto svolge un ruolo molto importante:

  • distrugge i batteri patogeni che entrano nell'intestino con il cibo;
  • stimola la peristalsi intestinale;
  • promuove la divisione del grasso;
  • partecipa alla rimozione del colesterolo in eccesso e delle sostanze tossiche.

Come risultato della formazione di calcoli, l'infezione e l'infiammazione della parete della cistifellea vengono gradualmente distrutte, la sua capacità di accumulare la bile diminuisce sempre di più. Questo, ovviamente, influisce sempre sulla qualità dell'assimilazione e della trasformazione del cibo. L'intero sistema digestivo del corpo della persona malata soffre. Secondo i dati, la colecistite cronica colpisce attualmente fino al 20% della popolazione mondiale.



Cause di colecistite cronica

Direttamente coinvolto nello sviluppo della malattia è un'infezione di natura parassitaria, virale o batterica. Molto spesso, questa è una microflora condizionatamente patogena - cioè microrganismi che sono costantemente presenti nell'intestino di una persona sana e sono coinvolti nella digestione: streptococco, stafilococco, enterococco, escherichia, bacillo di Pseudomonas e altri. questo fattore è la malnutrizione.

Meno comunemente, la colecistite cronica è causata da batteri patogeni - microrganismi che non si trovano nel corpo di una persona sana e in quello che vi entrano dall'esterno: cellule di lievito, shigella, bacillo tifoide, bacillo paratifo, ecc.

In alcuni casi, la causa della colecistite sono anomalie anatomiche dei dotti e della cistifellea (compressione, pieghe), nonché una violazione del tono delle vie biliari e delle loro funzioni motorie in background:

  • disturbi endocrini;
  • processi infiammatori cronici nel tratto digestivo;
  • stress emotivo.

Il cambiamento e la composizione della bile (discholio) è anche uno dei fattori significativi nel verificarsi della colecistite cronica. Si verifica a causa di un eccesso di colesterolo nel cibo, processi metabolici alterati nel corpo e discinesia (diminuzione della funzione motoria) delle vie biliari e della cistifellea. Contribuire allo sviluppo di queste violazioni:

  • stile di vita sedentario;
  • l'obesità;
  • cibo squilibrato e ipercalorico;
  • prendendo alcuni farmaci, un effetto collaterale dei quali è l'ispessimento della bile;
  • nelle donne, cambiamenti ormonali durante la gravidanza, contraccettivi orali;
  • lesione della cistifellea;
  • immunità ridotta;
  • aterosclerosi delle arterie che forniscono sangue alla cistifellea;
  • la presenza di focolai di infezione cronica nel corpo;
  • malattie parassitarie

In alcuni casi, l'infiammazione delle pareti della cistifellea può verificarsi senza la partecipazione di microflora patogena. Questo è possibile con malattie autoimmuni, allergie e dermatite atopica ed è causato dalla risposta dell'organismo agli allergeni di varia origine. È stato anche osservato che la colecistite cronica colpisce più spesso le donne.

Tipi di colecistite cronica

La malattia è caratterizzata da un decorso cronico e una tendenza ad alternare esacerbazioni e remissioni. Dato il loro numero durante l'anno, gli esperti determinano la natura della malattia: lieve, moderata o grave.

Esistono 2 tipi principali di colecistite cronica:

  • non calculo (senza pietre) - (infiammazione delle pareti della cistifellea senza formazione di calcoli);
  • calculous (con la formazione di pietre dure - pietre).

A seconda del decorso della malattia, si distinguono 3 forme della malattia - lenta, ricorrente e suppurativa.

Colecistite disossata

Le cause di colecistite disossata sono il ristagno della bile e il cambiamento nella sua composizione, così come la presenza di infezione. Entrambi questi fattori si rafforzano a vicenda. Il ristagno della bile contribuisce alla penetrazione dell'infezione nella cistifellea e l'infiammazione conseguente del dotto escretore e delle sue pareti, a sua volta, rafforza ulteriormente questo fenomeno. La superficie delle pareti viene gradualmente distrutta.

Tuttavia, a causa delle proprietà batteriostatiche della bile, la microflora patogena nella colecisti umana può portare allo sviluppo della malattia solo se ci sono fattori che indeboliscono il corpo:

  • distrofia della mucosa;
  • cambiamenti nella composizione della bile;
  • immunità ridotta;
  • disfunzione epatica;
  • malattie infiammatorie del duodeno.

La superficie delle pareti della cistifellea con una colecistite cronica senza pietre viene progressivamente distrutta. Questo processo può essere accompagnato da una violazione del tono della cistifellea e, nei casi più gravi, dalla presenza di tali comorbilità come la pancreatite , la pericholecistite, l'epatite reattiva.

Colecistite cronica

Nonostante il fatto che la colecistite cronica senza calcoli sia molto più comune della malattia del calcoli biliari, il ristagno della bile in ogni caso porta alla comparsa del calcolo - è solo una questione di tempo. Contribuire a questo processo cambia nella composizione della bile e la presenza di infiammazione.

La bile è composta da acidi biliari, lipidi, pigmenti e minerali. Quando il rapporto di questi componenti cambia, il colesterolo che entra nel corpo con il cibo precipita e cristallizza: si formano dei solidi concrementi. Le ragioni di tali cambiamenti sono errori costanti nella nutrizione e alcuni stati:

  • eccesso di grassi alimentari, colesterolo, carenza di vitamine;
  • in sovrappeso;
  • diabete mellito;
  • malattie infettive.

La dimensione delle pietre può essere diversa - da 1-2 mm alle dimensioni di un uovo di gallina, il loro numero può variare da unità a decine e persino a centinaia. Molto vario e la forma delle pietre.

Esistono diversi tipi di colecistite calcicola: tipica, atipica, esofagalica, cardio-gica e intestinale. La malattia può avere forme acute e croniche, spesso accompagnate da disfunzione della colecisti e comparsa di gravi complicanze, tra cui:

  • violazione della pervietà dei dotti della cistifellea;
  • idropisia;
  • indurimento;
  • ascesso cronico;
  • colangite cronica;
  • cirrosi biliare;
  • l'epatite;
  • cancro della cistifellea.

Ci sono quattro fasi nello sviluppo della colecistite calcicola. Il primo stadio pre-stone è caratterizzato dall'ispessimento della bile e dalla presenza di microliti nella cistifellea. Nelle fasi successive, la formazione del calcolo (stadio 2), la transizione della malattia in fase cronica (stadio 3) e l'emergere di complicanze (fase 4).

Sintomi di colecistite cronica

Il principale sintomo della colecistite cronica è il dolore nell'ipocondrio destro - prolungato o episodico, che si irradia alla scapola e alla spalla destra. Può diffondersi in un'area abbastanza ampia del torace e della schiena. A volte il dolore è accompagnato da debolezza, cardialgia, febbre e altri sintomi:

  • dolore addominale;
  • nausea, vomito;
  • flatulenza, pesantezza nella cavità addominale;
  • costipazione cronica o diarrea (diarrea);
  • metallico, sapore amaro in bocca.

Al di fuori delle esacerbazioni, il paziente di volta in volta sperimenta un dolore sordo nella regione epigastrica e nell'ipocondrio destro. Durante le riacutizzazioni, i sintomi della colecistite cronica sono simili ai sintomi della forma acuta della malattia, pertanto la recidiva viene trattata e trattata di conseguenza.

Corso della malattia

La colecistite cronica compare più spesso come una malattia indipendente (primaria), soprattutto se ci sono fattori che contribuiscono al suo sviluppo. Accade anche che si manifesti dopo le manifestazioni di colecistite acuta - infiammazione delle pareti della cistifellea (secondaria). La ragione per questo sono:

  • infezione
  • blocco della pietra del condotto.

Dopo episodi di infiammazione acuta, il normale funzionamento della cistifellea si deteriora - diventa denso, compresso e perde la sua capacità di preservare la bile, che alla fine porta ad un decorso cronico della malattia.

La colecistite cronica si manifesta a lungo, per molti anni. Se un trattamento adeguato è stato prescritto in tempo, può essere raggiunta una remissione a lungo termine della malattia, altrimenti porta alla corrugazione della cistifellea e, di conseguenza, alla perdita delle sue funzioni.

Opzioni cliniche

Gli esperti identificano diverse varianti cliniche della malattia, caratterizzate dal decorso e dai sintomi:

  • cardiaco - caratterizzato da una violazione del ritmo cardiaco;
  • basso grado - aumento prolungato della temperatura corporea a 37-38 gradi, brividi, segni di intossicazione;
  • dolore artritico alle articolazioni;
  • ipotalamo - aumento della pressione sanguigna, tachicardia , debolezza, angina pectoris , iperidrosi;
  • nevrastenico - distonia vegetativa, malessere, insonnia, irritabilità.

In alcuni casi, potrebbe esserci un certo grado di ingiallimento delle membrane mucose e della pelle del paziente, tensione muscolare nell'ipocondrio destro, dolore nel fegato, cistifellea, aumento.

Diagnosi di colecistite cronica

Nella diagnosi della malattia, il ruolo principale è svolto dal suono duodenale e dagli ultrasuoni. Il sondaggio consente di ottenere il succo biliare, intestinale e pancreatico per studi citologici e batterici. L'ecografia consente anche di determinare le dimensioni della cistifellea, le condizioni delle sue pareti, per rivelare la presenza di pietre e altre strutture.

Dopo l'esame e l'esame da parte di un gastroenterologo e di un chirurgo, vengono eseguiti anche test di laboratorio obbligatori:

  • analisi delle urine;
  • analisi del sangue (totale, bilirubina, frammenti di fegato, colesterolo, contenuto proteico);
  • analisi delle feci.

Se necessario, vengono condotti ulteriori studi, come la tomografia, i raggi X e gli studi sui radioisotopi.

Trattamento di colecistite cronica senza pietre

Trattamento del complesso cronico colecistite. Include:

  • terapia antibiotica;
  • dieta;
  • farmaci coleretici e antispastici;
  • fisioterapia;
  • medicina di erbe.

Su base ambulatoriale, il trattamento della colecistite cronica è possibile nel caso di un decorso lieve della malattia, ma durante il periodo di esacerbazioni pronunciate il paziente deve essere ricoverato in ospedale. Il primo obiettivo è arrestare il dolore e alleviare il processo infiammatorio. Dopo aver ottenuto l'effetto desiderato per normalizzare le funzioni educative, la secrezione della bile e la sua promozione lungo i dotti biliari, il medico prescrive agenti biliare e spasmolitici.

Le piante medicinali - fitoterapia - sono anche ampiamente utilizzate nel trattamento della colecistite cronica. Il loro uso sotto forma di decotti e infusi di cariche coleretiche consente di migliorare e prolungare l'effetto dei farmaci assunti dal paziente.

Trattamento della colecistite calcicola

Nel trattamento della colecistite calcicola, la terapia conservativa è inefficace. Pertanto, il metodo principale di trattamento in questo caso è la rimozione della cistifellea insieme a concrezioni chirurgicamente - cholystectomy. Attualmente, questa è sempre più utilizzata laparoscopia - un'operazione eseguita utilizzando apparecchiature video e strumenti speciali inseriti nella cavità addominale attraverso piccoli fori (fino a 1 cm). Questo metodo ha importanti vantaggi: l'assenza di tracce sulla pelle, un breve periodo postoperatorio (3-4 giorni) e, di conseguenza, un rapido ritorno alla vita normale. Nella stragrande maggioranza dei casi, la colectomia può liberarsi della malattia.

Dieta per colecistite cronica

Nella colecistite cronica è indicata una dieta frazionata (4-5 volte al giorno), in piccole porzioni. Per una maggiore secrezione, l'assunzione di cibo dovrebbe avvenire all'incirca nello stesso tempo. La quantità giornaliera di alcol è di 2-2,5 litri di liquido. La temperatura del cibo non deve superare i 60 ° C e non essere inferiore a 15 ° C. Il tasso giornaliero di assunzione di sale non supera gli 8-10 grammi.

La dieta di un paziente affetto da pancreatite cronica dovrebbe includere prodotti farinacei (pane di grano raffermo, biscotti, cracker bianchi), fiocchi di latte e formaggio in casseruola. Le carni magre (bollite o al forno), le zuppe di verdure, latticini e cereali, la marmellata, i non cioccolati, i formaggi magri e piccanti, le uova (non più di 1 al giorno), i latticini, la frutta e la verdura fresca sono ammessi.

Prodotti vietati nella colecistite

  • Dolce, pasta sfoglia, pane fresco e di segale;
  • Carni grasse;
  • Brodi (funghi, carne, pesce);
  • Pesce grasso, uova di pesce e pesce in scatola;
  • frattaglie;
  • Pasta, fagioli, miglio, porridge friabile;
  • Formaggio piccante, salato e grasso;
  • Latticini ad alto contenuto di grassi;
  • Verdure marinate, salate e sott'aceto;
  • Ravanelli, ravanelli, cavoli, spinaci, funghi, aglio, cipolle, acetosella;
  • spezie;
  • Carne affumicata;
  • Cibi fritti;
  • Bevande fredde e gassate;
  • Caffè, cacao;
  • Gelati, prodotti crema;
  • cioccolato;
  • Frutta acida

| 20 dicembre 2014 | | 9 745 | Malattie del tubo digerente