Colpitis: sintomi e trattamento
medicina online

Colpitis: sintomi e trattamento

contenuto:

La colite (sinonimo di vaginite) è una delle patologie più comuni degli organi genitali femminili. Questa condizione patologica è caratterizzata da un'infiammazione della mucosa della vagina, che si sviluppa a causa della penetrazione di agenti infettivi, nonché a causa di esposizione traumatica chimica o meccanica.

Molto spesso, le vaginiti colpiscono le donne in età riproduttiva. La sua intensità dipende da ciò che ha causato lo sviluppo della malattia, così come dall'età del paziente.

Va notato che la vaginite può manifestarsi non solo in età riproduttiva, ma anche nelle donne anziane e nelle ragazze. In ogni caso, la malattia procede con le sue caratteristiche caratteristiche, accompagnate dall'infiammazione della vulva.



Patogenesi della malattia

Le ragioni principali per lo sviluppo della colpite includono:

  1. Infezioni batteriche, fungine e virali (comprese le infezioni trasmesse sessualmente).
  2. Varie reazioni allergiche.
  3. Farmaci per uso locale (compresse e supposte);
  4. Reagenti chimici usati come soluzioni di pulizia;
  5. Corpi estranei

I fattori interni allo sviluppo della malattia sono i disturbi funzionali delle ovaie, i malfunzionamenti del pancreas e della tiroide, la digestione compromessa e la ridotta immunità.

I fattori esterni che provocano lo sviluppo del processo patologico includono l'uso a lungo termine e inadeguato di antibiotici, citostatici e farmaci ormonali. Allo stesso tempo, i contraccettivi intrauterini, gli effetti dello stress, così come i fattori ambientali, climatici e igienico-sanitari possono provocare la colpite.

L'agente causativo più comune della colpite diventa stafilococco o streptococco, Proteo, E. coli, micoplasma , gonococco, clamidia, trichomonas e fungo simile al lievito del genere Candida. Di norma, i microrganismi e i virus che penetrano nella vagina muoiono molto rapidamente nel processo di auto-purificazione inerente a un corpo femminile sano. Tuttavia, con lo sviluppo di patologie ginecologiche, l'uso irrazionale di contraccettivi contraccettivi, violazione dei principi di igiene sessuale, lesioni vaginali e non seguendo le regole dell'igiene intima, il processo naturale di auto-purificazione è disturbato, il che contribuisce allo sviluppo della malattia.

Molto spesso, la colpite è una manifestazione di gardnerella, tricomoniasi, mughetto e altre condizioni patologiche.

Classificazione della colpite

Nella pratica clinica, la colpite differisce nel tipo di agente patogeno.

Nel caso in cui la malattia sia causata da un'infezione da trichomonas, viene diagnosticata la colpite da trichomonas;

Secchezza vaginale provoca lo sviluppo di colpitis atrofica;

I funghi simili al lievito del genere Candida causano la colpite candidale;

Nel caso in cui il paziente sviluppi infiammazione purulenta della vagina causata da E. coli, streptococco, stafilococco e altri microrganismi, si parla di colpite aspecifica (aerobica).

Se la vaginite si verifica a causa dell'esposizione simultanea di diversi tipi di microrganismi, viene diagnosticata una forma mista della malattia.

Dalla natura della malattia, la colpite è acuta e cronica.

Sintomi caratteristici della colpite

I sintomi più caratteristici della malattia includono prurito e bruciore nella vagina, oltre a gonfiore e iperemia della mucosa. Nelle donne, il dolore si sviluppa durante il rapporto sessuale, in alcuni casi si verifica l'erosione, e ci sono abbondanti scarichi di carattere purulento o di formaggio, spesso con un odore sgradevole.

Tuttavia, con un lungo decorso della malattia, i segni di colpite diventano meno evidenti. Tuttavia, dopo un raffreddore, ipotermia, superlavoro o dopo il rapporto sessuale, possono manifestarsi con una nuova forza. Può anche provocare una ricaduta della malattia in grado di chiudere il lino sintetico, che ha un effetto irritante sui genitali esterni.

Spesso con trattamento inadeguato della colpite, il processo patologico diventa cronico, e quindi l'infiammazione si diffonde lungo i percorsi ascendenti, colpendo l'uretra, l'utero e le tube di Falloppio e causando malattie gravi come la cistite , l'endometrite, la cervicite e persino l'infertilità.

Trichomonas colpit

La vaginite da Trichomonas è una delle più comuni anomalie urogenitali causate da uno specifico microrganismo più semplice che si muove con l'aiuto del flagello. In alcuni casi, Trichomonas non causa alcun sintomo clinico e la persona, anche inconsapevole di essere malato, è portatrice dell'infezione (in assenza di un processo infiammatorio, è una questione di portatore tricomonadico). Il periodo di incubazione della vaginite da trichomonas può durare fino a 1 mese (di solito 1-15 giorni). Durante questo periodo c'è una riproduzione attiva del patogeno sulle mucose degli organi genitali.

Spesso la colpite da Trichomonas può essere integrata con altre infezioni urogenitali (questa condizione nella pratica clinica è chiamata infezione da nebbia). Questa forma della malattia porta al fatto che la funzione sessuale femminile inizia a svanire, cioè il sesso diventa doloroso e cessa di portare soddisfazione. Nella forma acuta della vaginite da Trichomonas, in media una settimana dopo l'infezione, prurito e bruciore compaiono nell'area dei genitali esterni nelle donne (il processo infettivo procede con danni ai genitali esterni sotto forma di vulvovaginite). Inoltre, ci sono abbondanti spuma schiumosa di colore giallo-grigio, con impurità di pus e con un odore molto sgradevole. Il paziente diventa irritabile e nervoso, le sue prestazioni sono compromesse e l'insonnia si sviluppa.

Quando la malattia diventa subacuta, i sintomi della vaginite da Trichomonas non sono così pronunciati. In assenza di un trattamento adeguato, la malattia diventa cronica, il che porta allo sviluppo di processi infiammatori non solo nel sistema urinario, ma anche in altri organi pelvici (endometrite, cervicite, salpingoophorite).

Colpite atrofica

La vaginite atrofica o senile (senile) è una malattia infiammatoria della vagina che si sviluppa nelle donne dopo l'inizio della menopausa naturale, l'ovariectomia o l'irradiazione ovarica. Più spesso, colpisce i pazienti che hanno raggiunto 55-60 anni di età.

La causa principale dello sviluppo della malattia è la mancanza di ormoni sessuali femminili (ipoestrogenismo). A causa della loro carenza, i processi proliferativi nell'epitelio vaginale cessano, la membrana mucosa diventa più sottile e diventa secca e vulnerabile. La scomparsa dei lattobacilli porta all'attivazione di microflora non patogena, vegetativa nella vagina. I sintomi clinici più caratteristici della colpite atrofica comprendono prurito, bruciore, secchezza e abbassamento delle pareti vaginali, dolore nel processo di minzione, dispareunia, perdite di sangue vaginale a contatto.

Secondo gli esperti, la sensazione di secchezza nella vagina si verifica a causa di una violazione della circolazione del sangue nelle pareti vaginali. Di conseguenza, sullo sfondo della carenza ormonale, si sviluppano processi atrofici nei muscoli, nei vasi e nelle membrane mucose, che portano allo sviluppo di ipossia progressiva della parete vaginale.

Prurito e indolenzimento derivanti da colpitis atrofica sono dovuti a cambiamenti atrofici che si verificano nelle piccole labbra. Allo stesso tempo, i processi sclerotici possono svilupparsi nell'anello vulvare, portando all'atrofia dell'epitelio squamoso stratificato (condizione precancerosa).

Candida colpitis

La vaginite del tordo o candidosi è una lesione della mucosa vaginale, innescata da funghi di lievito opportunistici del genere Candida. Molto spesso, questa forma di patologia colpisce le donne in età riproduttiva. Tipicamente, la colpite candidale si sviluppa a causa della ridotta immunità, dopo malattie infettive, uso a lungo termine di farmaci ormonali e antibatterici, in pazienti affetti da diabete e con una dieta squilibrata, quando i carboidrati predominano nella dieta. Inoltre, stress severi, un cambiamento nel pH della vagina e condizioni ambientali povere possono provocare lo sviluppo di colpite candidale.

La sintomatologia di questa malattia dipende dalla forma del processo patologico.

La candidatura è una condizione che procede senza segni clinici che non causano alcun disagio alla donna. Allo stesso tempo, questa forma di patologia può essere facilmente rilevata dalla ricerca di laboratorio e può anche essere la causa dell'infezione del bambino mentre attraversa il canale del parto infetto della madre.

La colpite acuta candidale è una malattia con sintomi pronunciati. I pazienti si lamentano di bruciore e prurito e nella vagina, aggravati dal contatto sessuale, dopo la minzione e dopo aver fatto un bagno caldo. Uno scarico di colore grigiastro-bianco che non ha un forte odore appare, gonfiore e iperemia vaginale sono annotati.

La vaginite cronica candidosa è una malattia caratterizzata da un decorso recidivante. Si verifica in circa il 2-3% delle donne in età riproduttiva. Molto spesso, i sintomi della malattia si verificano una settimana prima delle mestruazioni o dopo il contatto sessuale.

Colpite aspecifica

Questa forma del processo patologico si sviluppa a causa dello squilibrio della microflora vaginale. È provocato da alcuni microrganismi condizionatamente patogeni (E. coli, Staphylococcus aureus, Streptococcus, Proteus, ecc.). Normalmente, in piccole quantità sono abitanti permanenti di ogni organismo sano, tuttavia, con fattori sfavorevoli, la microflora condizionatamente patogena viene attivata e inizia a moltiplicarsi rapidamente, spostando i lattobacilli. Questa condizione si sviluppa a causa di un'interruzione del sistema immunitario o endocrino, a causa di patologie ormonali e infettive, disturbi metabolici e anche a causa della non conformità con le regole dell'igiene intima.

Con lo sviluppo di colpite aspecifica, i pazienti sviluppano perdite acquose, sanguinolente, schiumose o purulente, gonfiore e iperemia vaginale, dolore, prurito e bruciore, aumentando durante la minzione e il processo di contatto sessuale.

Nota: la vaginite aspecifica può essere acuta o cronica, diffusa o siero-purulenta. Da quale forma prende la malattia, dipenderà dalla gravità dei suoi segni clinici.

Diagnosi di colpitis

La diagnosi viene effettuata dopo aver studiato i dati dell'anamnesi, il quadro clinico, i reclami del paziente e i risultati dell'esame di laboratorio. Prima di tutto, identificare la natura della malattia consentirà una storia accuratamente raccolta e un esame ginecologico della vagina e della cervice con l'aiuto di specchi. Per la forma acuta di coleite caratterizzata da friabilità, gonfiore e iperemia delle mucose delle pareti vaginali. Sono fortemente addensati e ricoperti da un rivestimento filmoso sieroso o sieroso. Nella forma cronica della malattia, si nota una scarica insignificante, i difetti della mucosa sono lievi.

Al fine di comprendere meglio la natura dei cambiamenti patologici, il paziente viene eseguito colposcopia. Tuttavia, gli specialisti ricevono le informazioni più obiettive dopo aver effettuato i metodi di ricerca di laboratorio.

Innanzitutto viene eseguito l'esame microscopico degli strisci, che consente di determinare la natura dell'agente eziologico della colpite. Nel condurre analisi batteriologiche specifica la natura della malattia (specifica o non specifica). E anche dopo aver studiato la semina batteriologica di scarico dalla vagina, viene determinata la sensibilità della microflora ai farmaci antibatterici.

Allo stadio attuale, il metodo più promettente con cui tali agenti causali specifici di colpitis, come micoplasma, clamidia, ureaplasma, leptotriks, mobilunkus, ecc., Sono identificati, è la reazione a catena della polimerasi (PCR).

Allo stesso tempo, secondo le indicazioni mediche, può essere prescritto un test immunoenzimatico, una coltura di batteriologia urinaria, uno striscio citologico prelevato dalla cervice e un'analisi per determinare lo stato ormonale. Per identificare patologie ginecologiche concomitanti, viene eseguita un'ecografia degli organi pelvici.

Trattamento della colpite

Il trattamento della colpite comporta l'uso di farmaci sistemici e locali che sopprimono l'attività e riducono drasticamente il numero di agenti patogeni. Di norma, il trattamento della malattia viene effettuato in un complesso ed è selezionato in base al tipo di agente patogeno, alla presenza di comorbidità e all'età del paziente.

Trattamento locale della colpite

La terapia locale comprende due fasi: trattamento etiotropico finalizzato all'eliminazione della causa della malattia e ripristino della microflora naturale della vagina.

Il trattamento etiotropo prevede la riorganizzazione della vagina e degli organi genitali esterni (siringatura e inserimento di speciali tamponi, supposte vaginali e palline nella vagina). In questo caso, vengono utilizzati decotti a base di erbe, una soluzione di rivanolo, solfato di zinco e permanganato di potassio, olio di olivello spinoso, galascorbina e vari antimicrobici locali. Se la malattia differisce in modo progressivo progressivo, l'uso di agenti antibatterici locali è indicato per i pazienti e vengono prescritte procedure fisioterapiche speciali.

Alla fine del corso di terapia etiotropica, si raccomanda l'uso locale di farmaci, che includono probiotici vivi o secchi. Aumentano le proprietà protettive e contribuiscono al ripristino della microflora naturale della vagina.

Trattamento generale della colpite

La terapia sistemica della malattia è prescritta a pazienti con manifestazioni cliniche pronunciate di colpite in assenza di un effetto dal trattamento locale e in base al tipo di patogeno che ha provocato lo sviluppo del processo infiammatorio. In accordo con l'agente infettivo, vengono selezionati i farmaci antibatterici e sulfurei, vengono prescritte la vitamina e l'immunoterapia e viene effettuato un trattamento fitoterapico e fisioterapico.

Nota: nella nomina di procedure fisiche dovrebbe tener conto delle controindicazioni esistenti.

Nella fase acuta della colpite, l'UHF viene mostrato ai pazienti sulla regione perineale e l'irradiazione ultravioletta della vulva.

Negli stadi subacuta e cronica, la terapia CMW sull'area vaginale, la cauterizzazione elettrolitica, la darsonvalizzazione locale, la fonoforesi, l'irradiazione laser della vulva e l'UHF sulla regione perineale si sono dimostrati utili.

L'ozono terapia è attualmente utilizzata nel trattamento della colpite aspecifica e batterica. Grazie all'ozono, che ha proprietà immunomodulanti, battericide, antistress, virus-volatili, fungicide e desensibilizzanti, l'aggressione microbica viene prevenuta e viene attivato il livello di protezione. A differenza degli antibiotici, l'ozono terapia non ha un effetto negativo sul corpo e la resistenza al farmaco del patogeno non si verifica nell'ozono.

Di norma, con trattamento tempestivo per le cure mediche e prestazioni adeguate di tutte le prescrizioni necessarie, il corso del trattamento per la vaginite è di 5-7 giorni. Durante questo periodo, gli esperti raccomandano vivamente di astenersi dal contatto sessuale e, se necessario, dovrebbero trattare contemporaneamente il partner sessuale del paziente.

Durante il trattamento delle vaginiti viene indicata una dieta delicata di verdure e latte acido. Gli alimenti affumicati, i sottaceti e i cibi piccanti devono essere eliminati dalla dieta, poiché irritano le membrane mucose e, per ridurre il gonfiore delle mucose, limitano l'assunzione di liquidi.

Trattamento della vaginite atrofica

Il trattamento di questa forma di obesità comporta il ripristino dello strato epiteliale vaginale trofico e la prevenzione della ricorrenza della malattia. Di norma, la terapia ormonale sostitutiva (preparazioni locali sotto forma di unguenti o supposte vaginali) è indicata per colpitis atrofica. Tuttavia, al paziente possono essere prescritti farmaci di azione sistemica, usati sotto forma di compresse e cerotti.

Nota: la terapia ormonale sistemica solo con un uso prolungato (fino a 5 anni) consente di ottenere il massimo effetto.

Anche i fitoestrogeni (preparati a base di erbe) si sono dimostrati efficaci.

Nella diagnosi di colpitis atrofica, l'efficacia del trattamento è monitorata durante gli esami periodici del paziente. Mostra colposcopia, pH-metria vaginale e citologia. Nel caso in cui l'uso di estrogeni sia controindicato in una donna, sono prescritti bagni a base di erbe e douching speciali.

Prevenzione e prognosi della colpite

Va sottolineato che le vaginiti, con un trattamento adeguato e tempestivo, non rappresentano una seria minaccia per la salute delle donne. Allo stesso tempo, l'inosservanza delle misure preventive può seriamente compromettere la funzione riproduttiva e le condizioni generali del paziente. Prima di tutto, dovresti seguire attentamente le regole dell'igiene intima e le regole della vita sessuale, trattare tempestivamente le patologie generali e urogenitali, sanificare i focolai cronici di infezione, mangiare pienamente, evitare gli effetti dello stress. Se cambi la natura dello scarico, sarebbe più saggio vedere un ginecologo che, se necessario, prescriverà un esame diagnostico e un trattamento adeguato.

Le donne nel periodo della menopausa per prevenire lo sviluppo di vaginite senile (atrofica) si raccomanda di essere regolarmente osservate da uno specialista. Il medico prescriverà tempestivamente farmaci ormonali sostitutivi che ridurranno le manifestazioni della menopausa, preveniranno lo sviluppo di patologie cardiovascolari e l'osteoporosi e avranno un impatto significativo sullo stato dell'epitelio vaginale. Al fine di prevenire lo sviluppo della menopausa precoce, gli esperti raccomandano di smettere di fumare, mangiare razionalmente e rafforzare il sistema immunitario. Il decorso della vaginite atrofica è favorevole, ma in alcuni casi la malattia può ripresentarsi, riducendo significativamente la qualità della vita della donna.


| 12 agosto 2014 | | 11 311 | Senza categoria
Lascia il tuo feedback