Morbillo: foto, sintomi, trattamento, prevenzione del morbillo
medicina online

Morbillo: foto, sintomi, trattamento, prevenzione del morbillo

contenuto:

Il morbillo (morbillo) è un'infezione virale acuta altamente contagiosa, manifestata da temperatura elevata (febbrile), esantema specifico, sintomi di intossicazione generale, lesioni infiammatorie generalizzate della mucosa faringea e organi respiratori.

L'indice di contagio del morbillo è quasi del 100%, vale a dire il rischio di infezione in una persona non vaccinata in contatto con un paziente è estremamente alto. La malattia rimane una delle principali cause di morte tra i bambini in tutto il mondo.



Cause del morbillo

morbillo L'agente eziologico della malattia è un virus RNA appartenente al genere Morbillivinis (famiglia Paramyxoviridae). È caratterizzato da scarsa stabilità in condizioni ambientali: è inattivato dall'esposizione a radiazioni ultraviolette, luce solare, essiccazione e trattamento di disinfezione. Il riscaldamento a 50 ° C ha anche un effetto devastante sul virus. A temperatura ambiente, rimane vitale per un massimo di 1 o 2 giorni, ma più spesso non più di 4 ore. Per mantenere l'attività per diverse settimane, ha bisogno di una temperatura più bassa - l'intervallo di temperatura ottimale va da -15 a -20 0 С. Nonostante l'instabilità nell'ambiente esterno, ci sono stati casi di diffusione di ceppi su una lunga distanza attraverso il sistema di ventilazione in un edificio separato.

La fonte e il serbatoio di virus è una persona malata. Sono distribuiti da goccioline trasportate dall'aria. Una grande quantità viene escreta con il muco quando si tossisce, si starnutisce o semplicemente si parla, a partire dagli ultimi 2 giorni del periodo di latenza, per tutto il periodo prodromico, e continuando fino al 4 ° giorno dell'eruzione. Il paziente non è pericoloso per gli altri dal 5 ° giorno dell'apparizione dell'eruzione maculopapulare. A volte il periodo di contagiosità dura fino a 10 giorni dall'inizio della formazione di esantema. Non sono stati identificati casi di trasporto asintomatico dell'infezione.

Spesso i bambini ammalati di morbillo sotto i 5 anni. Gli adulti che non hanno subito la vaccinazione obbligatoria hanno meno probabilità di ammalarsi, ma il loro rischio di infezione è molto alto e la malattia è più grave rispetto ai bambini. Nel periodo primavera-inverno, si osserva il picco di incidenza e il declino si verifica in agosto e settembre. Dopo il recupero, si mantiene un'immunità permanente per tutta la vita con la conservazione degli anticorpi del morbillo nel sangue. I neonati le cui madri hanno avuto il morbillo hanno l'immunità colostrale (materna), che dura fino a 3 mesi della vita del bambino. Pertanto, l'infezione da morbillo in questi mesi è improbabile. Casi isolati noti di infezione intrauterina del feto dalla madre che ha avuto il morbillo durante la gestazione.

Attualmente, vi è una diminuzione dell'incidenza del morbillo a causa di una vaccinazione totale programmata in molti paesi in tutto il mondo. Vengono rilevate solo mini-epidemie o infezioni isolate.

Meccanismo di sviluppo del morbillo

L'introduzione di virus nel corpo avviene attraverso l'epitelio delle vie respiratorie, i villi di cui si formano rigonfiamenti, le aree di metaplasia e necrosi delle membrane mucose, viene rilevata una congestione vascolare. L'infiltrazione linfoistiocitotica focale si forma nello strato sottomucoso. Quindi i virus entrano nel flusso sanguigno - viremia primaria, dopo di che, con la sua corrente, raggiungono elementi del sistema reticoloendoteliale in cui si accumulano. Nella milza, nei linfonodi, ecc., Le cellule chiamate Warthin-Finkeldey vengono rilevate in questo momento. Hanno dimensioni gigantesche e molti core.

Dopo la crescita, la riproduzione e l'attività nei linfonodi, i virus rientrano nel flusso sanguigno - viremia secondaria, che colpisce tutti i tipi di globuli bianchi. In questo momento, la persona appare i primi segni clinici della malattia.

Il virus del morbillo, che colpisce i linfociti T, sopprime le risposte immunitarie sia cellulari che umorali. Di conseguenza, l'immunità diminuisce, il corpo diventa suscettibile a varie microflora patogene e condizionatamente patogene, che si conclude con lo sviluppo di gravi complicanze secondarie sotto forma di infezioni respiratorie e una violazione del metabolismo vitaminico con una forte diminuzione del retinolo e dell'acido ascorbico.

L'agente patogeno è predisposto ai tessuti integumentari - congiuntiva, pelle, mucosa orale, epitelio tegumentario degli organi respiratori. Molto raramente viene diagnosticata l'encefalite da morbillo, in cui i virus infettano il cervello.

Classificazione del morbillo

Foto di morbillo Forme di morbillo:

  • tipico;
  • atipico:
  • abortivo;
  • mitigato e altri.

Periodi della malattia:

  • incubazione (latente);
  • prodromo:
  • palcoscenico catarrale;
  • rash di scena.
  • periodo di recupero.

Forme di morbillo che differiscono in gravità:

  • forma lieve;
  • moderatamente severo;
  • forma grave

I sintomi del morbillo

Foto di morbillo La durata del periodo di incubazione varia da 1-2 settimane, a volte fino a 17 giorni. Nei casi di introduzione di una specifica immunoglobulina viene estesa a 3 settimane. La ciclicità della forma tipica del morbillo è suddivisa in diversi periodi: catarrale, periodo di rash e recupero (convalescenza).

Il periodo catarrale (prodromico) è acuto. La temperatura corporea raggiunge 38,8-40 0 С ed è accompagnata da brividi. Le manifestazioni di intossicazione generale sono in aumento: forte dolore alla testa, grave debolezza, debolezza, disturbi del sonno, mancanza di appetito, irritabilità, ecc. I sintomi di intossicazione negli adulti sono più pronunciati, nei bambini sono levigati.

Il primo segno della malattia è un brutto raffreddore, accompagnato da un'abbondante secrezione sierosa o sierosa. Affezioni catarrali delle membrane mucose di diverse parti della faringe si manifestano con una secca "abbaiare" tosse, raucedine e talvolta stenosi della laringe. Allo stesso tempo si sviluppa l'infiammazione della congiuntiva degli occhi ( congiuntivite ) con iperemia e marcato gonfiore delle palpebre. A causa della secrezione purulenta dagli occhi del paziente, è spesso difficile aprire le palpebre al mattino. C'è bruciore e prurito agli occhi, lacrimazione, fotofobia.

Nei bambini prevalgono i sintomi di infiammazione catarrale. All'esame della faringe si notano la granulosità della parete posteriore e l'iperemia marcata della faringe. Faccia gonfia. Sullo sfondo del rossore congiuntivale, le emorragie (emorragie) sono visibili nella retina dell'occhio. Negli adulti, i segni di linfadenite regionale e lesioni delle vie aeree vengono prima di tutto. I linfonodi, spesso cervicali, sono ingrossati e dolorosi alla palpazione. Con l'auscultazione dei polmoni che respirano forte, si sentono rantoli secchi. In alcuni casi, sintomi di dispepsia - nausea, diarrea, eruttazione o bruciore di stomaco - sono associati ai suddetti sintomi.

A circa 2 o 3 giorni la prima ondata di febbre si attenua, la temperatura diminuisce e il paziente sperimenta sollievo, ma il giorno successivo aumenta di nuovo bruscamente, aggravando l'intossicazione e i fenomeni catarrali. Sulla mucosa delle guance nella regione dei molari (meno spesso sulle gengive e sulle labbra) ci sono i granelli Velskiy-Filatov-Koplik, che sono piccole formazioni biancastre che sembrano grani di semola con un bordo rosso attorno al perimetro. Sono un segno patognomico di morbillo.

Contemporaneamente con punti specifici o fino a quando non appaiono sulla membrana mucosa del morbido e parte del palato duro, si forma un enanthema del morbillo - macchie rosse, ognuna delle quali non supera la dimensione della testa del perno. Fusione dopo 1 o 2 giorni dal momento dell'apparizione, cessano di essere evidenti sullo sfondo di arrossamento generale.

La fase catarrale dura non più di 3-5 giorni nei bambini, negli adulti non dura più di una settimana.

Il periodo di eruzione sostituisce la catarrale. L'eruzione del morbillo sulla pelle è una caratteristica di questo periodo. Inizialmente appare dietro le orecchie e sul cuoio capelluto nell'area della crescita dei peli, diffondendosi su viso, collo e petto. Il secondo giorno, la pelle delle spalle, delle braccia, della schiena, dell'addome è coperta da un'eruzione cutanea, sul terzo degli arti inferiori, comprese le dita, e sul viso diventa pallido. Tale sequenza di diffusione dell'eruzione cutanea, caratteristica del morbillo, è un criterio significativo per la diagnosi differenziale.

L'esantema post-papulare è più pronunciato negli adulti che nei bambini. Ha una tendenza a fondersi e l'acquisizione di natura emorragica nella malattia grave.

Il periodo di eruzione è considerato l'altezza del morbillo. Sullo sfondo della comparsa di un'eruzione cutanea, la febbre diventa massima pronunciata, i sintomi di intossicazione si aggravano, i sintomi catarrali si intensificano. L'esame del paziente rivela ipotensione, tachicardia , segni di bronchite e / o tracheobronchite.

Il periodo di convalescenza o pigmentazione si verifica dopo circa 8-10 giorni dall'esordio della malattia, negli adulti pochi giorni dopo. La temperatura corporea ritorna normale, i segni di infiammazione catarrale scompaiono gradualmente. Le eruzioni cutanee regrediscono nell'ordine in cui appaiono. Al loro posto rimangono aree pigmentate che scompaiono completamente in 5-7 giorni, lasciando però un peeling temporaneo, squamoso, soprattutto sul viso. Il paziente si sente soddisfacente.

In questo periodo si sviluppa spesso una sindrome astenica, manifestata da sintomi di disturbi neurologici: diminuzione del tono muscolare e dei riflessi della pelle, tremore della testa e / o delle mani. Sono possibili episodi di convulsioni. Questi fenomeni sono transitori.

Il morbillo misurabile è una delle forme cliniche atipiche di infezione. Questa variante del morbillo viene diagnosticata in persone che hanno precedentemente avuto questa infezione o che sono state sottoposte a immunizzazione passiva o attiva. Differenze significative dalla forma tipica:

  • incubazione più lunga;
  • periodo abbreviato di fenomeni catarrale;
  • assenza di Velsky - Filatov - eruzione di Koplik;
  • completa assenza o minima gravità dei segni di intossicazione;
  • piccola quantità di elementi avventati;
  • sequenza atipica di eruzioni cutanee: rash esantematico può apparire immediatamente sulla pelle di tutto il corpo, o nella sequenza inversa - ascendente dagli arti inferiori alla faccia.

Il morbillo abortivo è un'altra variante della forma atipica della malattia. L'inizio è simile al morbillo tipico, ma i sintomi regrediscono già da 2-3 giorni. La temperatura febbrile viene mantenuta il primo giorno dell'eruzione. L'eruzione cutanea è localizzata solo sulla pelle del viso e del tronco.

Nella intossicazione iperossica del morbillo è pronunciata. La variante emorragica del morbillo atipico si manifesta con ematuria, emorragie multiple nelle mucose e pelle, feci mescolate con sangue.

Le forme subcliniche di infezione sono rilevate solo quando gli studi sierologici sul siero accoppiato.

Complicazioni e possibili effetti del morbillo

Diverse conseguenze derivano dall'indebolimento dell'immunità, motivo per cui un'infezione virale è complicata dall'infezione batterica. Nei pazienti con morbillo, viene spesso diagnosticata una polmonite batterica secondaria. Raro, ma possibile stomatite.

Altre complicazioni tipiche degli organi respiratori:

Da parte del sistema digestivo:

  • enterocolite con disfunzione intestinale;
  • epatite da morbillo.

Dal sistema linfatico:

Il più grande pericolo è il danno al sistema nervoso. L'infezione può portare allo sviluppo di meningoencefalite o meningite, oltre a polineurite. Il danno cerebrale infiammatorio - l'encefalite - nei bambini può essere accompagnato da convulsioni, ipercinesia, deficit visivo progressivo, paralisi.

Una complicazione rara ma molto pericolosa è la panencefalite sclerosante subacuta, caratterizzata da un decorso progressivo con esito fatale.

Diagnosi del morbillo

In una forma tipica di morbillo, la diagnosi non è difficile, si basa su un quadro clinico caratteristico e dati epidemiologici.

Diagnosi di laboratorio:

  • Analisi cliniche del sangue . Un'infezione virale è caratterizzata da una diminuzione del numero di leucociti (leucopenia) e linfociti (linfopenia) per unità di volume di sangue. Con una complicazione di natura batterica, viene rilevato un aumento del numero di leucociti (leucocitosi), granulociti neutrofili (neutrofili) e ESR.
  • Il metodo immunologico - RPHA (reazione di emoagglutinazione diretta) - è necessario per il rilevamento degli anticorpi del morbillo.
  • La reazione di inibizione dell'agglutinazione (rtga) è un test diagnostico specifico, che consente, a seconda della crescita degli anticorpi del morbillo, di confermare la diagnosi.
  • Test sierologici per rilevare gli anticorpi del virus stesso o dei suoi componenti.
  • Il test immunoassorbente legato all'enzima (ELISA) è uno studio immunologico che aiuta a rilevare gli anticorpi contro un virus. Nel processo acuto, viene rilevato un aumento delle immunoglobuline IgM specifiche, nel caso di un'infezione cronica o precedentemente trasferita, è presente un anticorpo IgG.
  • Metodi di immunofluorescenza (MFA) - esame immunofluorescente mediante vari metodi per la determinazione quantitativa e qualitativa di anticorpi e antigeni.

L'analisi batteriologica del lavaggio nasofaringeo e gli studi sierologici sono raramente utilizzati nella pratica clinica, poiché i loro risultati sono retrospettivi.

A seconda delle complicanze prescritte ulteriori studi strumentali. Se si sospetta la polmonite, è necessaria una radiografia dei polmoni, per la meningite - puntura lombare, danno cerebrale - elettroencefalografia o rheoencephalography del cervello.

Trattamento del morbillo

Il morbillo viene solitamente trattato in regime ambulatoriale. Il ricovero nel reparto di malattie infettive è richiesto in caso di malattia grave con complicanze. Il rispetto del riposo a letto è necessario per tutto il periodo della febbre e nei due giorni successivi alla normalizzazione della temperatura.

La terapia etiotropica specifica non è stata ancora sviluppata. Il trattamento è sintomatico, mirato a fermare le manifestazioni della malattia e prevenire lo sviluppo di complicazioni. L'intossicazione nel decorso lieve della malattia viene eliminata bevendo molta acqua. Nelle condizioni di un ospedale effettui la terapia di disintossicazione con amministrazione endovenosa di soluzioni saline e polarizzanti.

Per abbassare la temperatura vengono utilizzati farmaci antiinfiammatori antipiretici e anti-steroidei. Gli antistaminici aiutano ad alleviare il prurito e l'irritazione. Le vitamine sono necessarie per compensare la loro carenza. Il ricevimento di farmaci antivirali dai primi giorni della malattia migliora significativamente il suo corso. Con la minaccia di un'infezione batterica o l'insorgere di polmonite, laringite, bronchite o altre infiammazioni delle vie respiratorie, deve essere prescritto un ciclo di antibiotici ad ampio spettro. Le manifestazioni catarrali vengono rimosse dai mucolitici e dagli aerosol anti-infiammatori. Quando il trattamento congiuntivite aggiunge colliri.

Il paziente deve osservare l'igiene degli occhi, della bocca e di tutto il corpo. Sciacquare gli occhi con furatsilinom, tè forte o una soluzione debole di bicarbonato di sodio, faringe e l'intera cavità orale con clorexidina o altro antisettico. Per l'infiammazione della laringe, accompagnata da stenosi o da encefalite da morbillo, sono necessarie grandi dosi di corticosteroidi.

Prevenzione del morbillo

La prevenzione più affidabile del morbillo è la vaccinazione di routine con vaccino vivo contro il morbillo, condotta in conformità con il programma di vaccinazione sviluppato, per creare un'immunità attiva contro i virus del morbillo. Secondo il piano, la prima vaccinazione combinata contro tre malattie infettive contemporaneamente - parotite, morbillo e rosolia - viene somministrata a bambini di un anno, quando l'immunità passiva (innata) cessa di agire, trasmessa a loro attraverso la placenta dalla madre.

È consentita l'introduzione di vaccini associati contro queste infezioni nello stesso giorno con vaccinazione contro difterite, poliomelite, tetano, epatite B, varicella, ecc .. La questione della vaccinazione simultanea viene decisa individualmente dal pediatra per ciascun bambino, in base alla sua salute.

La seguente vaccinazione (rivaccinazione) viene somministrata ai bambini di 6 anni prima di iniziare la scuola. Gli adolescenti fino a 17 anni inclusi, e gli adulti fino a 35 anni che non sono stati vaccinati e che non hanno mai sofferto prima, ricevono anche un vaccino contro il morbillo. Secondo le istruzioni mettere due vaccinazioni, l'intervallo tra i quali non dovrebbe essere inferiore a 3 mesi. Le persone nella zona del focolaio e non precedentemente vaccinate, hanno richiesto la vaccinazione obbligatoria, indipendentemente dalla loro età.


| 19 giugno 2015 | | 1 990 | Malattie infettive
Lascia il tuo feedback