Chirurgia per carcinoma polmonare, chemioterapia e radioterapia per carcinoma polmonare
medicina online

Trattamento del cancro polmonare

La medicina moderna offre diversi modi per curare il cancro del polmone, per ottenere il miglior risultato, una combinazione di molti di essi viene spesso utilizzata. Immediatamente si dovrebbe dire che non è possibile sbarazzarsi di così tante malattie pericolose da soli senza ricorrere all'assistenza medica. E l'uso di ricette popolari in questo caso è semplicemente inaccettabile.

I principali trattamenti per il cancro del polmone includono:

  • rimozione chirurgica del tumore;
  • radioterapia;
  • la chemioterapia.

La decisione su come esattamente un particolare paziente dovrebbe essere trattato viene presa dopo un esame completo del suo corpo, identificando lo stadio della malattia, così come le comorbidità.



Chirurgia del cancro del polmone

La rimozione chirurgica del tumore viene eseguita nella maggior parte dei casi del suo rilevamento. L'esito di tale operazione è favorevole se la malattia è nelle prime due fasi del suo sviluppo. Se il tumore si è già diffuso a sistemi distanti del corpo o è germogliato in organi vicini, la sua rimozione non porta il risultato desiderato.

La chirurgia polmonare può essere eseguita nei seguenti modi:

  • la resezione marginale dell'organo - la rimozione del tumore stesso, è inefficace per le grandi neoplasie;
  • rimozione di un certo lobo del polmone;
  • pneumonectomia - rimozione dell'intero organo interessato, viene utilizzata nelle ultime due fasi dello sviluppo del tumore ed è associata a un rischio per la vita del paziente;
  • intervento chirurgico per rimuovere il tumore stesso e parti degli organi interessati. Molto spesso, il cancro del polmone si diffonde ai vasi cardiaci, al fegato e alle costole. La procedura è estremamente sfavorevole per la salute umana, tuttavia, consente di aumentare la durata della sua vita.

Le controindicazioni alla chirurgia polmonare sono:

  • insufficienza cardiaca;
  • la presenza di diabete;
  • malattie del fegato, reni;
  • intervento chirurgico recente sul cuore.

Inoltre, l'operazione non viene eseguita in presenza di più metastasi ad altri organi, la germinazione del tumore nel torace o trachea.

Radioterapia

La radioterapia per il cancro del polmone viene eseguita se la rimozione chirurgica del tumore è impossibile per ragioni mediche, oltre che dopo la sua implementazione come terapia aggiuntiva.

L'irradiazione di una parte separata del corpo consente, di regola, di sospendere lo sviluppo della malattia, ma non garantisce la completa distruzione delle cellule maligne. L'uso della radioterapia è dannoso per il corpo umano, può essere associato al verificarsi di tali effetti collaterali come disturbi emorragici, stanchezza cronica, ridotta immunità. Nel caso in cui gli organi interni fossero anche esposti a radiazioni, potrebbero verificarsi problemi di digestione e svuotamento intestinale.

Un tipo di radioterapia è la brachiterapia: l'irradiazione di un organo malato con l'introduzione di una sostanza radioattiva al suo interno. Una piccola dose di radiazioni aiuta anche a fermare il processo di sviluppo del tumore.

Chemioterapia per il cancro ai polmoni

La chemioterapia, il metodo principale per trattare tutti i tipi di tumori maligni, comporta l'introduzione nel corpo del paziente di alcune dosi (a volte molto grandi) di speciali farmaci tossici che distruggono le cellule del neoplasma e fermano lo sviluppo della malattia.

La chemioterapia può essere sotto forma di compresse o iniezioni (per via endovenosa). L'uso di determinati mezzi dipende dal grado di danno d'organo. Il trattamento viene eseguito più spesso nella clinica, ma in alcuni casi il paziente può essere a casa e visitare la struttura medica solo per la procedura.

Il carcinoma a piccole cellule richiede chemioterapia obbligatoria. Anche nella fase iniziale di sviluppo della malattia, la sopravvivenza dei pazienti senza assunzione di farmaci speciali non supera i quattro mesi. Il loro trattamento viene effettuato in cicli o corsi, con una pausa obbligatoria.

Più spesso, il platino è prescritto per il trattamento del cancro del polmone. Al fine di evitare l'intossicazione del corpo, dovrebbero essere portati con una grande quantità di liquido. Immediatamente si dovrebbe notare che tale trattamento è molto costoso.

L'introduzione della chemioterapia nel corpo del paziente impedisce la divisione non solo delle cellule maligne, ma anche delle proprie cellule. Di conseguenza, ci sono un sacco di effetti collaterali, tra cui perdita di capelli, sanguinamento spontaneo, perdita di peso, pallore, nausea frequente, problemi di digestione, sgabelli sconvolti, svenimenti. Tutti i sintomi sgradevoli scompaiono dopo l'interruzione del trattamento.

La terapia del cancro può essere diretta non solo ad eliminare la malattia, ma anche ad alleviare le condizioni del paziente. Anche la completa rimozione del tumore e l'assenza di metastasi non possono garantire che la malattia non ritorni tra qualche anno. La probabilità della sua ricorrenza è estremamente alta.


| 19 maggio 2013 | | 1,400 | oncologia
Lascia il tuo feedback