Linfoadenite: sintomi, trattamento della linfoadenite
medicina online

linfoadenite

contenuto:

Solo in rari casi, la linfoadenite è una malattia indipendente. Molto spesso questo non è altro che un sintomo che segnala un qualche tipo di malfunzionamento nel corpo. Avendo trovato i primi segni di linfoadenite, è necessario consultare urgentemente un medico - a volte la causa della sua comparsa è in condizioni molto pericolose che possono portare a disabilità e persino alla morte.



Linfoadenite: che cos'è?

La linfoadenite è un processo infiammatorio nei linfonodi, spesso accompagnato da suppurazione. Si manifesta attraverso un aumento di uno o più linfonodi e può verificarsi in diverse regioni del corpo contemporaneamente. I suoi sintomi possono essere diversi: sono determinati dal tipo di linfoadenite. I sintomi più comuni includono febbre localizzata e aumento della temperatura corporea, dolore intenso, arrossamento (iperemia) della pelle, gonfiore, prurito, brividi.

Di norma, la linfoadenite è una risposta alla diminuzione dell'immunità a seguito della progressione di una malattia. Ecco perché è così importante trovare ed eliminare la causa di una condizione pericolosa.

Cause della linfoadenite

Tutte le cause che portano alla comparsa della linfoadenite possono essere suddivise in infettive e non infettive.

Le cause infettive sono abbastanza comuni: un'infezione dai suoi punti focali si diffonde attraverso il sistema linfatico e i vasi sanguigni, causando un processo infiammatorio. I "colpevoli" più tipici della linfoadenite sono infezioni batteriche e virali come:

  • streptococco;
  • aureus;
  • HIV;
  • infezioni parassitarie e fungine;
  • tubercolosi , ecc.

Tra le cause non infettive che comunemente si verificano di linfadenite sono le seguenti:

  • oncologia dei linfonodi (linfoma);
  • cancro metastatico (secondario) che si è diffuso da altre aree del corpo;
  • infiammazione come risposta all'introduzione di un corpo estraneo.



Linfoadenite: specie

Esistono diversi criteri per la classificazione della linfoadenite.

  • A seconda della durata e dell'intensità del processo infiammatorio, ci sono:
  • linfoadenite acuta, che è caratterizzata da un improvviso inizio e si verifica a seguito di infezione della ferita, lo sviluppo di una malattia infettiva acuta, o dopo l'intervento chirurgico;
  • linfoadenite cronica, che è il risultato di un processo infettivo a lungo termine o della progressione del cancro (a volte questo tipo di linfoadenite è una conseguenza a lungo termine dell'intervento chirurgico);
  • linfoadenite ricorrente derivante da infezione cronica.
  • Secondo l'eziologia della linfoadenite è:
  • non specifico, causato da flora batterica e fungina, solitamente presente sulla pelle e sulle mucose (se l'infiammazione è locale, allora questo tipo di linfadenite è molto ben curabile);
  • specifico - in questo caso, la linfoadenite segnala la diffusione al di là del fuoco di tali pericolose infezioni specifiche come la peste, la tubercolosi, la toxoplasmosi , la sifilide , la tularemia, la brucellosi.
  • La linfoadenite, a seconda della natura del processo infiammatorio è:
  • purulento - accompagnato da forte dolore, deterioramento della salute e minaccioso in assenza di assistenza tempestiva con sepsi;
  • sieroso - di solito si verifica a causa di infezione virale, metastasi del cancro o linfoma, procede con sintomi lievi ed è spesso lo stadio precedente alla linfoadenite purulenta.
  • Infine, i tipi di linfoadenite si distinguono anche per il sito della malattia:
  • La linfoadenite sottomandibolare non è un evento frequente causato da varie malattie del cavo orale: tonsillite , carie , ecc .;
  • la linfadenite cervicale è particolarmente comune tra i bambini e le persone che spesso soffrono di raffreddore e malattie infettive, come tonsillite purulenta, tonsillite, polmonite, influenza;
  • linfoadenite inguinale - questa condizione è sempre accompagnata da una malattia infettiva primaria, caratterizzata dalla presenza di un processo infiammatorio - di regola si tratta in questo caso di malattie trasmesse sessualmente, molto meno spesso dell'intera infezione delle ferite nell'area della regione inguinale sullo sfondo di una ridotta immunità;
  • linfoadenite sotto le ascelle: in queste zone la linfa viene dal collo, dalla faccia, dalla cintura della spalla, dal torace, rispettivamente, insieme alla sua corrente, i "colpevoli" del processo infiammatorio possono provenire da queste aree colpite da malattie come, per esempio, l'infiammazione cronica delle tonsille o carie;
  • la linfoadenite parotide è una conseguenza delle malattie infiammatorie dell'orecchio interno, dell'orecchio interno o dei tessuti adiacenti, nonché delle lesioni purulente - per esempio, un "piercing" all'orecchio "non riuscito" o addirittura una spremitura dell'acne.

I sintomi della linfoadenite

I segni di linfoadenite dipendono in gran parte dal tipo e dallo stadio. Ad esempio, se i sintomi della linfoadenite acuta sono impossibili da non notare, la cosiddetta semplice linfoadenite in genere procede spesso senza conseguenze gravi e per il momento non provoca ansia.

Di norma, la linfoadenite è ancora accompagnata da gonfiore e tenerezza della pelle intorno ai linfonodi infiammati. A volte si osserva anche il rossore. In alcuni casi, i linfonodi ingrossati (linfoadenopatia) sono visibili a occhio nudo senza palpazione.

Se parliamo di una forma acuta della malattia, in particolare accompagnata da suppurazione, i sintomi si manifestano bruscamente e improvvisamente: dolore, linfonodi ingrossati e perdita di mobilità, oltre a fenomeni generali sotto forma di nausea, febbre, forte mal di testa. Allo stesso tempo, i contorni del nodo si offuscano e perdono i contorni, come se si fondessero con i tessuti circostanti. C'è anche un movimento di pus all'interno del nodo. In assenza di trattamento tempestivo, la probabilità di un ascesso che si rompa nella profondità dei tessuti è alta.

Quando si verifica la linfoadenite cronica, si nota un decorso piuttosto lento della malattia: i linfonodi sono ingranditi, ma praticamente indolori, sono compatti, ma abbastanza mobili alla palpazione. In alcuni casi, gonfiore dei tessuti o degli arti vicini a causa del ristagno linfatico dovuto alla disfunzione dei nodi.

I sintomi individuali della linfoadenite indicano lo sviluppo di gravi condizioni potenzialmente pericolose per la vita. Se sono disponibili, è necessario cercare assistenza qualificata nel più breve tempo possibile, a volte il conto va avanti letteralmente ore e minuti. Questi sono segni come:

  • aumento della temperatura corporea (superiore a 38,5 ° C);
  • difficoltà o respiro rapido;
  • forte dolore, gonfiore, arrossamento pronunciato;
  • palpitazioni cardiache.

Diagnosi di linfadenite

Prima di tutto, uno specialista esaminerà i linfonodi con la palpazione. Nelle persone sane, sono abbastanza morbide, facilmente sostituibili rispetto ai tessuti vicini, assolutamente indolori e non ingrossate - nei pazienti con linfonodi normali è generalmente difficile da sentire, un'altra cosa sono i pazienti magri, in particolare i bambini e gli adolescenti. Inoltre, in base ai risultati dell'indagine, sarà presa una decisione sull'uso di altre misure diagnostiche, in particolare potrebbe essere necessario:

  • emocromo completo che mostra i cambiamenti nella sua composizione. Allo stesso tempo, si può sospettare la presenza di processi tumorali - e quindi dovrà essere eseguita una biopsia del nodo, vale a dire il suo campionamento di tessuto per l'esame istologico;
  • Test dell'HIV;
  • Ultrasuoni dei linfonodi periferici e degli organi addominali (in particolare milza e fegato);
  • tomografia computerizzata;
  • Esame ENT;
  • la chirurgia diagnostica e terapeutica viene eseguita in caso di patologia chirurgica: apertura e drenaggio della cavità risultante, nonché ispezione degli organi e dei tessuti adiacenti per la presenza di ferite ascessuali purulente;
  • nei pazienti pediatrici, la prima cosa viene eliminata (o confermata) edema di Quincke - una reazione allergica che minaccia la vita, così come cisti congenite e tumori nella regione del collo che sono molto simili ai linfonodi ingrossati;
  • Test cutanei allergici, esame microscopico di espettorato e sangue, radiografie, considerazione del contatto con i pazienti con tubercolosi - tutte queste manipolazioni sono eseguite in caso di rilevamento di una linfadenite specifica;
  • la linfoadenite nella regione inguinale richiede l'esclusione della presenza di un'ernia inguinale, oltre a condurre una serie di studi per confermare (escludere) la presenza di malattie sessualmente trasmissibili.

Trattamento della linfoadenite

Poiché la linfoadenite è il più delle volte un segnale di un qualche tipo di malfunzionamento nel corpo, il suo trattamento è accompagnato da una lotta contro una malattia dell'organo o del sistema che ha causato l'infiammazione dei linfonodi. Quindi, nel caso della linfoadenite sottomandibolare, è necessario riabilitare la cavità orale e trattare la tonsillite cronica e il trattamento della linfadenite cervicale è impossibile senza eliminare la tonsillite purulenta o altre malattie che l'hanno causata. Inoltre, la strategia di azione degli operatori sanitari dipende dallo stadio di sviluppo della linfoadenite.

Quindi, se ci sono fasi iniziali di linfoadenite, il trattamento è abbastanza conservativo:

  • creare condizioni di riposo per l'area interessata;
  • trattamento fisiologico: elettroforesi, ultrasuonoterapia, galvanizzazione;
  • unguenti e preparati anti-infiammatori.

In ogni caso, se è confermata la presenza di una causa infettiva di linfoadenite, sono necessari antibiotici del gruppo a cui è sensibile l'agente patogeno.

Quando si conferma un'infezione da tubercolosi, il trattamento è possibile solo in un contesto ospedaliero attraverso una terapia specifica per la tubercolosi.

Nel caso della linfoadenite purulenta, è necessario condurre l'autopsia e il drenaggio della cavità suppurativa il più presto possibile. Dopo la procedura, il paziente richiede regolare cura della ferita e medicazione.

Succede che a causa della biopsia, la presenza di un processo neoplastico è confermata - benigna o maligna. Il trattamento può includere radiazioni e chemioterapia.

In particolare, i seguenti tipi di farmaci possono essere prescritti per il trattamento della linfadenite:

  • antibiotici che eliminano l'infezione;
  • analgesici che riducono la forza e l'intensità del dolore;
  • farmaci antinfiammatori che riducono gonfiore e infiammazione.

Nel caso della linfoadenite, come con qualsiasi altra malattia, è estremamente pericoloso automedicare. Ad esempio, quando vi è un'infiammazione dei nostri linfonodi, accompagnata da sintomi di infezioni virali respiratorie acute, molti cercano di affrontare il problema applicando calore secco alle aree colpite. Tuttavia, nel caso di suppurazione, questa misura è severamente vietata - il riscaldamento può causare serie complicazioni.

Linfoadenite: possibili complicanze

In alcuni casi, la linfoadenite può passare e indipendentemente. Tuttavia, ai primi segni della malattia sarà molto più corretto essere al sicuro e consultare immediatamente un medico. Infatti, in assenza di assistenza tempestiva, la linfoadenite può dare serie complicazioni, come ad esempio:

  • ascesso cutaneo;
  • sepsi;
  • encefalite;
  • osteomielite ;
  • infezione diffusa o cancro;
  • tromboflebite ;
  • sviluppo di elefantiasi di estremità.

Molte di queste condizioni possono rendere una persona invalida o addirittura causare un esito fatale.

Linfoadenite: prevenzione

C'è un piccolo elenco di misure preventive che possono ridurre notevolmente il rischio di linfoadenite:

  • prevenzione del microtrauma cutaneo;
  • prevenzione dell'infezione delle ferite aperte: basta trattarle in tempo con un antisettico;
  • trattamento tempestivo e competente di angina, sinusite e rinite (esclude l'insorgenza di linfadenite sottomandibolare, parotidea e cervicale);
  • eliminazione tempestiva di focolai di infezioni (trattamento di carie, apertura di bolle, eccetera);
  • diagnosi e trattamento di malattie che causano linfadenite specifica: tubercolosi, sifilide, gonorrea , ecc.

| 7 novembre 2014 | | 7 357 | Senza categoria