Posso bere latte con pancreatite? Latticini per pancreatite
medicina online

Posso bere latte con pancreatite?

Posso bere latte con pancreatite?

Posso bere latte con pancreatite ?

Il latte è un dono inestimabile della natura, che dovrebbe essere presente nella dieta quotidiana degli adulti e, soprattutto, dei bambini. Latte e latticini sono un'ottima fonte di proteine ​​animali per i pazienti con pancreatite. Tuttavia, se ci sono problemi nel funzionamento del pancreas, non è possibile rispettare alcune regole e restrizioni alimentari.

sotto un divieto

Ci sono un certo numero di prodotti che sono assolutamente controindicati per i pazienti con pancreatite, questi sono:

  • latte intero (non diluito) - può provocare un processo di fermentazione nell'intestino che, con pancreatite, aumenta il rischio di esacerbazione della malattia;
  • latte condensato;
  • gelato;
  • formaggi lavorati, affumicati e taglienti;
  • tutti i prodotti caseari sugli scaffali dei negozi realizzati con l'uso di coloranti, aromi, additivi aromatizzanti artificiali (cocktail, bacche e yogurt alla frutta, ecc.).

Bene, e, naturalmente, non è raccomandato mangiare prodotti caseari durante una esacerbazione della malattia. Inserirli nella dieta è soggetto a determinate regole.

Latte e latticini nel periodo di esacerbazione

L'introduzione di prodotti caseari nella dieta non è auspicabile fino a quando non ci vogliono 3 giorni dal momento di esacerbazione della pancreatite. Dopo aver atteso un periodo fisso, è permesso mangiare porridge liquido cotto nel latte (contenuto di grassi non superiore al 2,5%) e acqua in proporzioni uguali.

Dopo 5 giorni dal momento di esacerbazione, è possibile diversificare il menu con ricotta a basso contenuto di grassi (si consiglia di iniziare con 50 grammi al giorno, portando gradualmente la porzione a 100 grammi.). Sempre nello stesso periodo, si consiglia di introdurre nella razione di una frittata al vapore (in latte diluito con acqua).

Dopo circa 2 settimane, purché si mantengano le dinamiche positive, la composizione e la quantità di prodotti lattiero-caseari consentiti si espande e aumenta: 1% di yogurt grasso, burro non salato, che può essere aggiunto quotidianamente ai piatti (non più di 5 grammi al giorno). Dopo circa 2 mesi, con l'inizio di un periodo di remissione stabile, il menu del paziente con pancreatite diventa ancora più vario.

Latte e prodotti lattiero-caseari in remissione

Durante il periodo di remissione stabile, latte e latticini, come fonte di proteine ​​animali facilmente consumate, dovrebbero essere presenti quotidianamente nella dieta dei pazienti con pancreatite. Fino a 10 grammi. burro al giorno (aggiunto ai piatti), ricotta a basso contenuto di grassi, kefir all'1% (che, tuttavia, può essere sostituito con qualsiasi altro prodotto a basso contenuto di grassi: yogurt, varenets, ryazhenka, ecc.). I porridge, le zuppe e le frittate senza esasperazione sono ancora preparati esattamente sul latte diluito con acqua. Permesso di utilizzare formaggi a basso contenuto di grassi non acuti. È possibile diversificare il menu anche con panna acida e panna (ovviamente con un basso contenuto di grassi - non più del 10%) - sebbene si consiglia di consumarli non più di un giorno sì e di un massimo di 1 cucchiaio.

E l'ultima cosa - non dovresti comprare il latte "dalle mani" (o, almeno, dovrebbe essere bollito allo stesso tempo). Questo prodotto è un ottimo terreno fertile per i microrganismi, specialmente se non è stato pastorizzato in fabbrica. E qualsiasi infezione intestinale in un paziente con pancreatite può causare gravi complicazioni.

Latte di capra per pancreatite

Ma il latte di capra per la pancreatite è anche raccomandato per l'uso. Ha molte proprietà utili ed è ipoallergenico. La composizione del latte di capra è una sostanza lisozima, che attiva il restauro del pancreas e riduce l'infiammazione. Inoltre, la bevanda neutralizza molto rapidamente l'acido cloridrico - uno dei componenti del succo gastrico. Questo processo avviene senza reazioni violente, manifestate attraverso bruciore di stomaco, eruttazione, gonfiore. Tuttavia, con il latte di capra è necessario osservare la misura - il suo uso in quantità superiori a un litro al giorno può provocare fermentazione nell'intestino con tutte le conseguenze che ne conseguono.


| 7 gennaio 2015 | | 3,269 | Malattie del tubo digerente