Osteomielite: sintomi, trattamento dell'osteomielite
medicina online

osteomielite

contenuto:

osteomielite L'osteomielite è una malattia infiammatoria infettiva in cui non solo l'osso e il midollo osseo soffrono, ma l'intero corpo nel suo complesso. Per imparare come vivere con una tale diagnosi, è necessario conoscere tutte le sottigliezze della diagnosi, il trattamento e la prevenzione di questa malattia.



Cause di osteomielite

Osteomielite ( osteo greco - "osso"; mielo - "cervello"; - anite - "infiammazione") - una malattia infettiva che danneggia il midollo osseo e tutti gli elementi costitutivi dell'osso (periostio, sostanza spugnosa, sostanza compatta). Durante il processo purulento-necrotico nei tessuti ossei, vengono rilasciate molte tossine che causano grave intossicazione dell'intero organismo e sono accompagnate da febbre alta e sindrome da dolore grave.

Le cause principali di questa malattia sono i patogeni batterici:

  • Staphylococcus aureus ,
  • staphylococcus epidermico,
  • streptococchi,
  • enterobatteri gram-negativi,
  • Pseudomonas aeruginosa,
  • bacillo emofilico,
  • Mycobacterium tuberculosis (la bacchetta di Koch).

I microrganismi patogeni possono entrare nel corpo e causare lo sviluppo di osteomielite in diversi modi:

  • esogeno - con contatto diretto del patogeno nell'osso in caso di lesioni, lesioni, frattura aperta, infiammazione purulenta dei tessuti circostanti o durante l'intervento chirurgico;
  • endogeno (ematogeno) - con flusso sanguigno in presenza nel corpo di infezione cronica ( tonsillite , carie ).

A seconda del meccanismo di osteomielite, ci sono:

  • ematogena,
  • arma da fuoco,
  • post-operatorio,
  • post-traumatico,
  • pin.

Nella maggior parte dei casi, lo Staphylococcus aureus diventa la causa dell'osteomielite, che è spesso causa di tonsillite, carie o omphalitis nei neonati.

Il più delle volte, il patogeno di osteomielite colpisce:

  • ossa tubolari degli arti superiori e inferiori,
  • ossa della mascella superiore
  • ossa del cranio
  • costole e colonna vertebrale.

Fattori che contribuiscono allo sviluppo di osteomielite:

  • fratture ossee
  • trapianto articolare
  • rene e insufficienza epatica
  • malattie che causano l'indebolimento delle difese dell'organismo (diabete, AIDS, chemioterapia, trapianto di organi),
  • beri-beri,
  • frequenti cambi di temperatura,
  • dipendenza
  • malattie di vasi periferici e nervi.

Quando il tessuto osseo viene danneggiato da microrganismi patogeni, i leucociti migrano verso siti infiammati, che secernono enzimi litici che decompongono l'osso. La diffusione del pus attraverso i vasi sanguigni contribuisce al rigetto del tessuto osseo necrotico, creando così condizioni favorevoli per la crescita e la riproduzione della microflora patologica. C'è un'infiammazione purulenta acuta, che può spostarsi in una fase di infiammazione cronica.

L'infiammazione da arma da fuoco, post-traumatica e postoperatoria è una conseguenza dell'infezione della ferita ossea. In questo caso, il processo infiammatorio si sviluppa al posto dei frammenti ossei fratturati e non in un canale del midollo osseo chiuso. Il midollo osseo è infetto da tessuto infetto vicino. I frammenti si spengono e causano suppurazione e formazione di cavità e fistole purulente. Questi processi patologici impediscono la formazione di callo normale.

Sintomi osteomielite

Il quadro clinico dell'osteomielite dipende in gran parte da:

  • sul tipo di agente patogeno,
  • dal luogo di localizzazione e diffusione del processo infiammatorio,
  • sull'età e le condizioni del sistema immunitario del paziente.

L'osteomielite acuta può avere 3 forme cliniche:

  • piemicheskaya settica,
  • locali,
  • tossico.

Il primo sintomo di osteomielite settica-piemica è la febbre con una temperatura corporea fino a 39-40 0 , accompagnata da sintomi di intossicazione generale (sudorazione eccessiva, debolezza, irritabilità, dolori muscolari, nausea, vomito, mal di testa). Il dolore dell'osso si unisce ai sintomi dell'intossicazione generale. Cambia gradualmente il suo carattere da noioso ad arcuato, con un aumento del dolore osservato durante i movimenti. I cambiamenti si verificano anche con i tessuti appropriati: arrossamento, febbre locale, edema, pelle e fistola ossea con secrezioni purulente.

Quasi 48-72 ore dopo l'inizio della malattia, c'è una violazione dell'equilibrio acido-base del corpo (acidosi):

  • iperkaliemia,
  • ipercalcemia,
  • iponatriemia.

Cambiamenti con il sistema di coagulazione del sangue si verificano anche: ipercoagulazione (aumento della coagulazione) viene sostituita da ipocoagulazione (riduzione della coagulazione), dopo di che inizia la fase di fibrinolisi (scissione di coaguli di sangue e coaguli di sangue).

Molto spesso si ammalano di osteomielite nell'infanzia e nella vecchiaia, negli uomini questa malattia si verifica due volte più spesso delle donne. Nei bambini, l'osteomielite ematogena è più comune, mentre negli adulti la causa è una lesione o un intervento chirurgico infetto.

Nell'osteomielite tossica, la malattia si sviluppa alla velocità della luce con un quadro clinico di sepsi acuta. Durante le prime 24 ore, i sintomi gravi di intossicazione aumentano e sono accompagnati da:

  • alta temperatura corporea
  • sintomi meningei
  • convulsioni e perdita di conoscenza,
  • diminuzione critica della pressione sanguigna
  • aumento dell'insufficienza cardiovascolare, che è spesso fatale.

In questo caso, vi è una difficoltà nella diagnosi dell'osteomielite, poiché i sintomi dell'intossicazione generale sono in aumento e l'aspetto di specifici segni della malattia è in ritardo rispetto al momento dell'apparenza.

Quando l'osteomielite locale è dominata dai sintomi del processo infiammatorio, localizzati nei tessuti molli e ossei, accompagnati da una condizione paziente soddisfacente o moderata.

Nell'osteomielite acuta post-traumatica e da arma da fuoco, il quadro clinico dipende dalla localizzazione del sito di infiammazione, dal trattamento chirurgico tempestivo della ferita, dallo stato del sistema immunitario e dall'età del paziente. Il quadro clinico sta crescendo gradualmente, 10-14 giorni possono essere disturbati dalla suppurazione della ferita e solo dopo 2 settimane i sintomi di intossicazione generale aumentano.

Possibili complicanze dell'osteomielite

In caso di trattamento tardivo o inadeguato sono possibili le seguenti complicanze:

  • sepsi,
  • pleurite ,
  • deformità e fratture ossee
  • violazione della struttura e della funzione delle articolazioni,
  • formazione della fistola e loro malignità,
  • transizione del processo infiammatorio alla forma cronica,
  • esito fatale.

Diagnosi di osteomielite

Molto, e anche la vita del paziente, dipende da una diagnosi precoce corretta e da una prescrizione tempestiva del trattamento. I metodi diagnostici di laboratorio e strumentali aiuteranno a identificare l'osteomielite in una fase iniziale:

  • una storia correttamente raccolta della malattia (quando sono comparsi i primi segni della malattia e con cosa sono collegati);
  • Raggi X - metodo a raggi X in cui ricevere e studiare l'immagine a raggi X su un wafer a semiconduttore caricato;
  • termografia: un metodo per registrare la radiazione infrarossa del corpo umano;
  • puntura ossea con osteotonometria - esame dei tessuti dal fuoco dell'infiammazione, che vengono prelevati per l'analisi usando un ago piccolo;
  • diagnostica dei radionuclidi - lo studio della struttura dell'osso attraverso l'introduzione di un mezzo di contrasto;
  • Raggi X: diagnosi mediante raggi X;
  • tomografia computerizzata - diagnostica mediante raggi X, che vengono elaborati al computer, effettuando una scansione del corpo in posizione orizzontale e verticale;
  • la fistulografia è un metodo radiografico per studiare le fistole usando un agente di contrasto;
  • La risonanza magnetica è un metodo diagnostico computerizzato che utilizza potenti magneti che registrano ed elaborano le informazioni delle onde radio, trasformandole in immagini di organi e sistemi interni;
  • Ultrasuoni: un metodo diagnostico che utilizza onde ad alta frequenza;
  • analisi completa del sangue e delle urine - aiuta a identificare i processi infiammatori nel corpo con l'aiuto di parametri emodinamici.

Trattamento osteomielite

Va notato che l'osteomielite è molto difficile da trattare. A volte un ciclo di trattamento antibiotico dura 4-5 mesi. Ma anche dopo la scomparsa dei sintomi clinici e il miglioramento delle condizioni del paziente, è possibile una ricaduta della malattia.

Il trattamento dell'osteomielite e la sua diagnosi devono essere eseguiti da uno specialista esperto, un chirurgo o un traumatologo in un ospedale. Il trattamento di questa malattia dovrebbe essere complesso:

  • riabilitazione dell'infiammazione,
  • terapia antibiotica
  • farmaci anti-infiammatori
  • terapia di disintossicazione,
  • attivazione delle difese del corpo, immunostimolazione,
  • immobilizzazione della parte interessata del corpo.

L'efficacia del trattamento dipende principalmente dall'antibiotico correttamente prescritto. La terapia antibatterica può durare da alcune settimane a diversi mesi e ha molti effetti collaterali. Ma le droghe di questo particolare gruppo sono in grado di riportare il paziente a una vita piena. Nei casi più gravi, è indicato un trattamento chirurgico, il cui scopo è quello di pulire e riabilitare la ferita, rimuovere il tessuto morto e il drenaggio.

In caso di trattamento intempestivo e scorretto, l'osteomielite acuta può trasformarsi in una forma cronica, a volte ricordando a se stessa una recidiva sotto forma di fistole, ulcere, sequesters, false articolazioni.

Dopo un intenso trattamento ospedaliero, al paziente viene prescritto un ciclo di fisioterapia e terapia fisica. L'allenamento fisico terapeutico è indicato per un effetto tonico generale, per ripristinare le funzioni della parte interessata del corpo e stimolare i processi trofici nei tessuti. Da procedure di fisioterapia è mostrato:

  • UHF-terapia,
  • terapia laser a infrarossi
  • elettroforesi,
  • terapia di paraffina
  • ozokeritotherapy,
  • terapia magnetica ad alta frequenza.

Tutte queste procedure sono volte a ripristinare la funzione e la nutrizione della parte danneggiata del corpo. Un ruolo altrettanto importante nel trattamento dell'osteomielite è svolto da uno stile di vita sano e una dieta equilibrata. Inoltre prescrivere vitamine B, C, PP.

Per un recupero completo, si raccomanda un trattamento termale, che mira non solo al ripristino delle funzioni, ma anche alla pulizia del corpo dopo un lungo trattamento ospedaliero. Nel trattamento dell'osteomielite, questi resort climaterici e balneoterapici si sono dimostrati efficaci:

  • Sochi,
  • Pyatigorsk,
  • Chmielnik,
  • Baden-Baden,
  • Nishka Banja.

Come accennato in precedenza, l'osteomielite richiede un trattamento a lungo termine e un'attenta cura. Il pieno recupero è possibile, ma dipende da molti fattori:

  • l'età del paziente
  • la gravità della lesione
  • diagnosi e trattamento tempestivi.

Prevenzione dell'osteomielite

È possibile parlare del trattamento efficace dell'osteomielite solo se si evitasse una recidiva entro 2-3 anni dalla prima rilevazione della malattia. Ma, come dice uno dei principali comandamenti della medicina: "La malattia è più facile da prevenire che curare". Per prevenire l'osteomielite, è necessario:

  • condurre uno stile di vita sano e attivo
  • fornire un sonno completo e riposare,
  • evitare lo stress
  • mangiare equilibrato
  • rafforzare il sistema immunitario
  • tempo di trattare i focolai di infezione (carie, sinusite ),
  • per ferite o ferite da arma da fuoco, dovresti immediatamente cercare aiuto medico,
  • se la temperatura corporea si alza e compaiono altri sintomi, devi andare all'ospedale in modo che, con l'auto-guarigione, non ferisci il resto della tua vita.

L'osteomielite è una grave malattia infettiva che richiede sforzi non solo dal medico curante, ma anche dal paziente stesso. Come dice la saggezza popolare: "La salvezza dell'annegamento è opera delle mani degli affogati". Per sconfiggere una malattia così grave non sono sufficienti cure e sforzi inadeguati da parte del personale medico. Una vita piena e sana dipende direttamente dal morale e dalla fede nella guarigione del paziente.


| 4 dicembre 2014 | | 4.637 | Senza categoria