Appendicite acuta: sintomi, segni, trattamento
medicina online

Appendicite acuta

contenuto:

Appendicite acuta Appendice, lat. appendice vermiformis - un processo a forma di verme, 5-7 cm di lunghezza (a volte 20 cm), 1 cm di diametro, fine cieca, forma tubolare.

Appendicite è un termine che termina in ( -it ). In medicina, questo finale è usato per indicare l'infiammazione, in questo caso l'infiammazione dell'appendice.

La diagnosi di appendicite acuta è clinica. Determinato da una storia tipica della malattia (storia) e altri segni diagnostici. La causa della malattia non è stabilita in modo affidabile e ha una natura multifattoriale. L'appendicite può essere causata da otturazione (sovrapposizione del lume), errori nutrizionali, ereditarietà. Il metodo di scelta (metodo principale) nel trattamento è l'appendicectomia (rimozione chirurgica dell'appendice), che, sempre più spesso, viene eseguita con il metodo laparoscopico.

L'appendicite acuta è la principale causa di condizioni sotto il nome comune di "stomaco acuto", che sono considerate situazioni urgenti. La frequenza varia da 4-5 persone ogni 1000 abitanti all'anno. Può verificarsi a qualsiasi età, ma principalmente nel periodo di 11-20 anni. Secondo le statistiche, c'è una certa differenza nella frequenza di occorrenza per sesso, nel rapporto di 1,4 uomini: 1 donna. A partire dagli anni '40, le cliniche hanno assistito a una diminuzione della morbilità nelle cliniche, sebbene la ragione di questa tendenza non sia stata stabilita.

La diagnosi di appendicite acuta si basa su una storia approfondita e metodi di laboratorio clinici.



Sintomi di appendicite acuta

Il sintomo di base e più importante dell'appendicite è il dolore addominale. Caratteristica patognomonica (una caratteristica di questa particolare malattia) è il trasferimento di sensazioni dolorose dalla regione ombelicale alla regione iliaca. Il paziente dice che inizialmente il dolore è aumentato nell'area dell'ombelico il primo giorno, per poi spostarsi sul lato destro. Questa caratteristica fu notata per la prima volta e descritta nella sua pratica da un chirurgo americano J.B. Murphy. Il trasferimento del dolore è tipico del 50% dei casi di appendicite acuta. Ciò è dovuto alle caratteristiche dell'innervazione intestinale. All'inizio del processo, i segnali del dolore entrano nelle vie nervose viscerali e quindi, a seguito della progressione dell'infiammazione e del coinvolgimento del peritoneo parietale (parietale), il dolore si sposta nella regione iliaca destra.

Altri sintomi caratteristici che spesso accompagnano l'appendicite acuta comprendono perdita di appetito, nausea, diarrea e stitichezza.

Il vomito abbondante e indomito suggerisce che si verifichi una rottura del processo appendicolare e che si sviluppi un'infiammazione della cavità addominale (peritonite). Per appendicite semplice, questo sintomo è insolito.

Una meta-analisi dei sintomi e dei segni di questa malattia non ha permesso nessuna conclusione diagnostica, ma ha determinato che la migrazione del dolore dalla zona paraumbilicale all'iliaca destra, il più delle volte, è associata ad appendicite acuta.

L'immagine della malattia in pazienti con spettro di età estremi, come neonati, bambini e anziani, nonché con la disposizione non specifica dell'appendice può essere molto diversa dalla classica presentazione sintomatica della malattia. Il che porta a difficoltà nel fare la diagnosi corretta, quindi questi pazienti sono osservati con estrema cautela.

Segni oggettivi

Minori eritemi (arrossamento) della pelle, lingua secca, alitosi e febbre fino a 38 ° C sono sintomi comuni che vengono oggettivamente osservati durante l'esame di pazienti con appendicite acuta.

Durante l'esame dell'addome, vengono determinate la tensione dei muscoli della parete addominale e l'aumento della sensibilità nella regione iliaca destra. I pazienti riferiscono che il dolore è aggravato dai movimenti o dalla tosse. Se si disegna una linea dall'ombelico alla spina iliaca anteriore anteriore (la posizione più prominente delle ossa pelviche nella parte anteriore), è possibile determinare il punto di maggiore sensibilità (punto di McBurney), che è 2/3 in basso lungo questa linea.

Con un esame rettale o vaginale del paziente, a volte non ci sono caratteristiche, anche se può esserci una maggiore sensibilità nella parte destra. L'esame rettale è un metodo aggiuntivo di esame e non può essere decisivo nella formulazione della diagnosi.

Ci sono un gran numero di tecniche che vengono utilizzate nella diagnosi di appendicite acuta, tutte mirate a identificare i segni di irritazione peritoneale (è il coinvolgimento del peritoneo nel processo infiammatorio a dare i sintomi dolorosi caratteristici). Ecco alcuni di loro:

  1. Sintomo Aaron - quando si preme nella parte destra il dolore si verifica nello stomaco.
  2. Symptom Bartholomew-Michelson - con la palpazione (pressione) nella parte destra del dolore più quando il paziente si trova sul lato sinistro.
  3. Il sintomo di Britten - quando si preme in un punto doloroso nel lato destro, il testicolo giusto si solleva.
  4. Il sintomo della resurrezione: la camicia del paziente è tesa e un movimento brusco dall'alto verso il basso verso la regione iliaca destra viene eseguito con due dita, mentre alla fine del movimento c'è un forte dolore nella parte destra.
  5. Sintomo Ivanova: la distanza dall'ombelico alla parte più sporgente del bacino a destra è inferiore a quella sinistra.
  6. Il sintomo di Cope - il dolore aumenta, se il paziente si trova sul lato sinistro e estende l'anca.
  7. Sintomo Zatler: se il paziente si siede e solleva la gamba destra, il dolore aumenta.
  8. Il sintomo di Ostrovsky - il dolore si intensifica quando il paziente mente e alza la gamba destra, poi il dottore la abbassa drammaticamente in una posizione orizzontale.



Metodi speciali per la diagnosi di appendicite

La diagnosi di appendicite, nella maggior parte dei casi, non richiede ulteriori metodi di esame ed è clinica. Non esiste un test specifico per la definizione di questa patologia, che potrebbe determinare con precisione, in un caso particolare, la presenza di appendicite. L'uso ragionevole di test generali di urina, sangue, test per reazioni infiammatorie può confermare la diagnosi ottenuta durante l'esame clinico, per differenziare l'infiammazione dell'appendice da altre malattie. Sono stati proposti alcuni schemi e algoritmi per ulteriori metodi di indagine, ma non sono stati ampiamente utilizzati.

L'uso della diagnostica delle onde radio nella determinazione dell'appendicite nell'analisi del sistema ha dimostrato che tali metodi dovrebbero essere utilizzati in quei pazienti che hanno determinate difficoltà nell'esame clinico e di laboratorio. Il metodo degli ultrasuoni richiede un'elevata professionalità da parte del ricercatore e ha una precisione inferiore rispetto alla tomografia computerizzata (CT). Ma a differenza della TC, l'ecografia non espone il paziente alle radiazioni ionizzanti. Le statistiche mostrano che l'uso di queste tecnologie riduce significativamente la frequenza dei ricoveri con appendicite acuta e il rischio di errori diagnostici.

Quali malattie possono essere confuse con l'appendicite acuta?

L'appendicite acuta deve essere distinta da tutte le malattie che sono caratterizzate da dolore nella parte destra.

Malattie chirurgiche:

  • ostruzione intestinale;
  • invaginazione intestinale;
  • colecistite acuta;
  • perforazione nell'ulcera peptica;
  • mezodenit;
  • Il diverticolo di Meckel;
  • pancreatite ;
  • ernia.

Malattie urologiche:

  • colica renale;
  • pielonefrite a destra;
  • infezione del tratto urinario.

Malattie ginecologiche:

  • gravidanza ectopica;
  • apoplessia ovarica;
  • salpingo.

Malattie terapeutiche:

  • gastroenterite;
  • polmonite inferiore;
  • chetoacidosi diabetica;
  • porfiria.

Allo stesso tempo, la diagnosi differenziale non dovrebbe andare oltre un certo lasso di tempo, poiché "l'addome acuto" è un complesso di sintomi che minaccia la vita del paziente.

Trattamento di appendicite acuta

Herbert Fitz è il primo autore, le cui pubblicazioni parlano della necessità di diagnosi precoce e trattamento chirurgico dell'appendicite acuta. Questa tattica di trattamento è rilevante oggi, la chirurgia - il metodo di scelta per l'infiammazione dell'appendice. Non ci sono prove affidabili a supporto dell'idea che l'analgesia per un addome acuto sia controindicata sulla base del possibile rischio di imbrattare il quadro clinico. Inoltre, ai pazienti viene prescritto un trattamento antibatterico preventivo (avvertimento) con agenti con un ampio spettro d'azione, necessario per ridurre il rischio di infezione postoperatoria della ferita.

I tempi del trattamento chirurgico

Un recente studio retrospettivo non ha riscontrato differenze significative tra l'appendicectomia precoce (fino a 12 ore dopo la diagnosi) o tardiva (12-24 ore dopo la diagnosi). Dopo 36 ore dal momento in cui compaiono i primi sintomi, la probabilità di perforazione (rottura) dell'appendice è del 16-36% e aumenta del 5% ogni 12 ore successive. Pertanto, dopo aver confermato la diagnosi, l'operazione deve essere eseguita senza indebito ritardo.

operazione

Tradizionalmente, l'appendicectomia viene eseguita in modo aperto, quando viene eseguita un'incisione sul punto di McBurney perpendicolare alla linea che collega l'ombelico e la spina iliaca anteriore. Tuttavia, la percentuale di interventi chirurgici aperti è diminuita significativamente dopo la comparsa di tecniche laparoscopiche.

Vantaggi dell'appendicectomia laparoscopica:

  • Il rischio di infezioni della ferita è ridotto.
  • Basso dolore postoperatorio.
  • Il tempo trascorso in ospedale è ridotto.
  • Ridotta la durata del periodo di disabilità.

Un altro vantaggio di questa tecnica è la capacità di eseguire preliminarmente la diagnostica laparoscopica e identificare una causa alternativa dell '"addome acuto".

Con il fatto che l'appendicectomia laparoscopica sta guadagnando sempre più popolarità, questo metodo rimane più impegnativo per le attrezzature tecniche della sala operatoria e le qualifiche del chirurgo. La scelta dei metodi operativi è determinata dal livello di conoscenza del chirurgo operativo e dalla disponibilità di attrezzature speciali.

Inoltre, è possibile una risoluzione positiva dell'appendicite senza intervento chirurgico, sullo sfondo dell'uso precoce di antibiotici per via endovenosa. Ma l'alto tasso di recidiva (recidiva della malattia) con trattamento conservativo e un minore rischio di mortalità durante il trattamento chirurgico determinano l'uso della terapia antibiotica per l'appendicite solo in quei pazienti che, per una ragione o l'altra, non sono raccomandati per la chirurgia.

Possibili complicanze dell'appendicite

L'appendicectomia è un'operazione relativamente sicura, il tasso di mortalità per appendicite semplice è compreso tra 0,8 per 1000 casi e per perforazione di appendice 5,1 per 1000. La probabilità di perforazione sopra menzionata è del 16-30%, tuttavia, nei pazienti più anziani e nei bambini questo il tasso può raggiungere il 97%, che è associato a difficoltà nella diagnosi. L'alto tasso di mortalità e le complicanze nei casi di perforazione dell'appendice determinano gli effetti negativi dell'appendicectomia a livello del 20-25%. Diverse complicazioni non sono escluse nel trattamento chirurgico di appendicite semplice, nonostante le tendenze positive a ridurre il loro numero totale.

Infezioni delle ferite

Le infezioni delle ferite si verificano a seguito della contaminazione intraoperatoria con microrganismi patogeni. La probabilità di sviluppare questa complicanza va dal 5%, con appendicite semplice, al 20%, in caso di perforazione di cancrena o appendice. L'uso di antibiotici nel periodo preoperatorio riduce significativamente il numero di casi di infezioni della ferita.

Ascesso intra-addominale

L'ascesso intra-addominale o l'ascesso della cavità pelvica si sviluppa a causa dell'infezione totale, ad esempio durante la perforazione dell'appendice. Questa complicazione è caratterizzata dalla febbre e dalla presenza di segni diagnostici all'esame ecografico o TC. Per gli ascessi, potrebbe essere necessario un trattamento attraverso tecniche di drenaggio. Il numero di casi di questa complicanza si riduce anche quando si utilizza una terapia antibiotica preventiva.

Infiltrazione appendicolare

L'infiltrazione appendicolare (compattazione) di solito si verifica il 3 ° giorno dopo l'inizio della malattia. Questa compattazione, che è ben palpabile, si forma a seguito dell'inviluppo del processo vermiforme infiammato con il peritoneo o gli anse intestinali. Allo stesso tempo, i sintomi luminosi insiti nell'appendicite ordinaria sono imbrattati. Il dolore è lieve, la temperatura è nel range normale o subfebrile. Ben sensibile alla diagnosi mediante ultrasuoni e CT. Ma è necessario condurre un'analisi differenziale approfondita con i processi tumorali, specialmente le strade della vecchiaia. L'infiltrato appendicolare con un'adeguata terapia antibiotica può essere risolto senza intervento chirurgico, mentre esiste un alto rischio di recidiva.

Ascesso appendico

L'ascesso appendicolare (suppurazione) è accompagnato da febbre pronunciata, tachicardia e leucocitosi. Il più delle volte, l'ascesso è localizzato nella regione iliaca, meno spesso nella cavità pelvica. L'esame rettale con questa patologia è altamente informativo. La diagnosi è confermata da ultrasuoni e CT. Trattamento chirurgico mediante un metodo aperto con l'installazione di un sistema di drenaggio.

Appendicite cronica

Il numero totale di casi di appendicite cronica non è superiore all'1%. Di solito, questa malattia si sviluppa dopo un attacco di appendicite acuta. La causa può essere adesioni e cicatrici, che restringono il lume del processo, così come l'infezione rimanente. Durante i periodi di remissione ( recupero temporaneo ) non si osservano segni clinici. Al fine di prevenire il rischio di sviluppare un processo infiammatorio acuto, è indicata un'appendicectomia pianificata.

Appendicite e gravidanza

La chirurgia non ostetrica più comune durante la gravidanza è l'appendicectomia, con una frequenza da 0,15 a 2,1 per 1000 donne in gravidanza. Un recente studio randomizzato su larga scala ha rilevato che le donne in gravidanza hanno un rischio più basso di sviluppare un'appendicite rispetto alle non gravide, specialmente nel 3 ° trimestre. Lo spostamento del processo appendicolare, dovuto alla crescita dell'utero gravido, complica in modo significativo la diagnosi, l'appendicite è spesso confusa con l'inizio del travaglio. L'immagine insolita di manifestazioni cliniche è possibile. Nausea e vomito associati a dolore in qualsiasi parte della cavità addominale a destra. Nei casi di appendicite semplice, la mortalità materna è insignificante, ma aumenta al 4% durante la perforazione dell'appendice. La mortalità fetale è ad un livello di 0-1,5% con appendicite semplice e 20-35% con perforazione.


| 22 novembre 2014 | | 5,896 | Malattie del tubo digerente