La sifilide nelle donne: sintomi e segni. Come si verifica la sifilide nelle donne?
medicina online

La sifilide nelle donne

contenuto:

La sifilide nelle donne

La sifilide nelle donne

Le donne si ammalano di sifilide, soprattutto durante i rapporti sessuali, sebbene non siano escluse le opzioni per la trasmissione della malattia attraverso gli oggetti quotidiani.

In una donna infetta da sifilide, i primi sintomi compaiono in poche settimane sotto forma di un ciclo. Hard chancre ha l'aspetto di un'ulcera con bordi densi e un fondo rosso vivo. È localizzato sulle labbra genitali, sul rivestimento mucoso della vagina, raramente nella cervice. Ci sono casi in cui ulcere sifilitiche sono state trovate sul seno nella zona del capezzolo, sulle labbra o sotto le unghie.

Il posto più spiacevole di localizzazione di hard chancre è l'area anale, dal momento che l'atto di defecazione, allo stesso tempo, è significativamente più difficile.



I sintomi della sifilide nelle donne

L'esistenza di una malattia chiamata "sifilide" è da biasimare per la pallida spirocheta, che è anche conosciuta come treponema pallido. Penetrando nel corpo, inizia immediatamente il suo lavoro distruttivo, formando ulcere sifilitiche.

Il paziente potrebbe non prestare attenzione a una piccola ulcera, soprattutto perché non dà sensazioni soggettive. Dopo un po 'di tempo, la mucosa nella zona interessata potrebbe guarire da sola e la malattia si manifesterà solo come debolezza generale. Di tanto in tanto sul corpo si trova un'eruzione, ma, di nuovo, la donna non prova alcun disagio da parte sua.

Con la sifilide asintomatica, la donna ha ingrossato i linfonodi. Questo perché l'agente causale della malattia penetra nel vaso linfatico, dove si moltiplica liberamente e viaggia attraverso il corpo con il flusso della linfa. In tali situazioni, un caratteristico sigillo infetto si verifica spesso nella regione della bocca e dell'ano.

Se ci sono linfonodi regionali ingranditi nella localizzazione di hard chancre, questo è un segno dello stadio primario della malattia. Se trovate linfonodi ingranditi in tutto il corpo e la temperatura sale a valori subfebrilici (fino a 38 gradi Celsius), è sicuro parlare dell'inizio del secondo stadio della sifilide. Inoltre, il secondo stadio dà la sensazione di dolori alle articolazioni e alle ossa, mal di testa, eruzioni cutanee minori sulla pelle.

Quando la sifilide viene rilevata nelle fasi iniziali e il suo trattamento adeguato, il risultato sarà favorevole. Ai nostri giorni, la sifilide è perfettamente trattata. Ma con un atteggiamento spensierato verso la salute e l'abbandono della malattia, tra un paio d'anni arriverà la terza fase.

Il terzo stadio della sifilide è pericoloso perché colpisce gli organi interni, il sistema nervoso e la struttura ossea. Tutto il corpo è ricoperto di sifilide - tubercoli che si trasformano in ulcere e lascia cicatrici dopo la guarigione. Le lesioni cutanee con sifilide sono considerate una condizione meno pericolosa della loro localizzazione sugli organi interni. Le ulcere degli organi interni non guariscono proprio così, ma possono essere fatali, poiché i tessuti degli organi vitali vengono distrutti e cessano di funzionare.

Quando lo stadio terziario della sifilide colpisce le mucose del naso e della bocca, le ulcere possono essere così profonde che esiste il pericolo di perforazione del palato e dell'osso del setto nasale. L'immagine è piuttosto terribile: la parte posteriore del naso cade e, mentre mangia, il cibo entra in bocca.

La variante più pericolosa della sifilide è il decorso asintomatico prima dell'inizio del terzo stadio. Pertanto, non essere timido o paura di consultare un medico al minimo sospetto. Un esame del sangue e la reazione di Wasserman aiuteranno a rispondere con precisione alla domanda: è una donna infetta da sifilide o meno. E se infetto, allora a che punto è la malattia.

Cambiamenti nel ciclo mestruale con la sifilide

Un cambiamento nel ciclo mensile non è un indicatore assoluto del fatto che una donna sia stata infettata da una malattia a trasmissione sessuale.

Quindi con la sifilide, lo stadio iniziale potrebbe non influire sul benessere generale e sulla regolarità delle mestruazioni. Ma la cronologia del processo patologico può contribuire alla comparsa di dolore e disagio durante il periodo di sanguinamento o con l'introduzione di un tampone, anche se in precedenza non erano stati osservati tali sintomi. Ciò potrebbe indicare che l'infezione si è verificata attraverso un rapporto sessuale. Allo stesso tempo, le ulcere dovrebbero essere localizzate sulle labbra, nella vagina o nella zona della cervice.

Il ciclo è anche soggetto a cambiamenti nelle fasi avanzate della malattia quando gli organi interni sono interessati.

Accade spesso che la reazione di Wasserman, che è positiva durante il sanguinamento mestruale, diventa negativa dopo che si sono fermati. In questi casi, la diagnosi è difficile, quindi qualsiasi sensazione insolita nell'area degli organi urinari - un motivo per consultare un medico per un consiglio.

Diagnosi di sifilide nelle donne

Le donne con una lesione corrispondente sulla pelle e sulle mucose, così come i disturbi neurologici di origine sconosciuta (origine), sono sospettati di avere la sifilide.

L'ambito delle misure diagnostiche dipende dallo stadio di sviluppo della malattia. Di solito effettuano test di screening (reagine) e treponem, oltre a microscopia in campo pesante.

I metodi sierologici per la diagnosi della sifilide sono divisi in due gruppi:

  1. I test di screening non treponemico vengono eseguiti utilizzando antigeni lipidici (lipidi del cuore bovino, cardiolipina) per rilevare le reagenti della sifilide (che hanno la capacità di legarsi alle molecole lipidiche).
  2. Treponema-specifico, volto a rilevare gli anticorpi anti-treponemici.

I test VDRL e il rapido test di risposta sono nel primo gruppo. Il test VDRL è una reazione che indica visivamente l'interazione dell'antigene cardiolipina con anticorpi reagin dal siero del paziente. Il risultato del test può essere positivo, debolmente positivo, marginale o negativo. Risultati debolmente positivi e positivi suggeriscono che una persona è infettata dalla sifilide, ma ciò deve essere confermato da ulteriori metodi di ricerca.

I test di screening sono poco costosi e abbastanza semplici nella loro esecuzione. Ma non hanno specificità per i treponemi e a volte possono dare un risultato falso positivo che indica:

  • Malattie autoimmuni;
  • Malattie diffuse dei tessuti connettivi;
  • La presenza di un'infezione virale nel corpo;

Dopo la fine del trattamento, il titolo di reagin diventa negativo dopo un anno di sifilide primaria dopo un anno e dopo due anni con sifilide secondaria.

I test di riscontro mostrano un risultato positivo non prima di 4-5 settimane dall'introduzione del treponema pallido nel corpo. Per essere sicuri dei risultati del test, i test di reagin dovrebbero essere eseguiti a intervalli di due settimane per sei settimane.

I test treponemici danno un risultato positivo dopo l'infezione in 2-4 settimane e, anche dopo il pieno recupero, le donne non possono cambiare i loro valori per anni.

I test specifici per treponema sono:

  • RIF-ABS (assorbimento di immunofluorescenza con treponema pallido);
  • RMGA-BT (reazione di micro-inglutinazione con anticorpi contro treponema pallido);
  • DSA (test di emoagglutinazione per treponema pallido).

Queste tre reazioni mostrano un risultato più veritiero rispetto agli altri test. Se indicano l'assenza dell'agente patogeno nel corpo, allora tutti gli altri valori non vengono presi in considerazione.

La microscopia in campo oscuro è un metodo in cui un raggio di luce viene trasmesso ad angolo attraverso un vetrino e viene riflesso dagli organismi sulla sua superficie. I microrganismi appaiono nel campo visivo come corpi di luce su uno sfondo scuro, e il ricercatore ha l'opportunità di studiare le caratteristiche morfologiche dei microrganismi e la natura del loro movimento in fluidi essudativi del corpo umano.

La forma latente (nascosta) della malattia può essere calcolata escludendo altri tipi di malattia nelle donne che non hanno segni pronunciati di sifilide, ma i cui test continuano ostinatamente a mostrare risultati positivi.

Per essere sicuri che tali pazienti non abbiano la sifilide secondaria e terziaria, le mucose dei loro genitali, la pelle, così come lo stato del sistema cardiovascolare e nervoso dovrebbero essere attentamente esaminati.

Il trattamento della sifilide latente viene effettuato sotto il controllo costante di test sierologici per diversi anni, al fine di osservare la lenta diminuzione del titolo degli anticorpi reagin.

Trattamento della sifilide nelle donne

Questa malattia è una delle più gravi e in grado di danneggiare significativamente la salute del paziente danneggiando il suo sistema immunitario. Pertanto, il trattamento deve essere iniziato immediatamente dopo una diagnosi positiva della sifilide.

Il sistema di trattamento dipende dal tipo di malattia:

  • primaria,
  • secondaria,
  • terziaria,
  • con danni al sistema nervoso (neurosifilide),
  • con flusso nascosto (forma latente).

La maggior parte dei farmaci prescritti per il trattamento della sifilide sono la penicillina e i suoi derivati. A differenza di altri agenti patogeni, il treponema pallido non ha perso la sua sensibilità a questo gruppo di farmaci, sebbene per molti anni nella lotta contro di esso hanno usato penicillina.

Il trattamento della sifilide primaria inizia con iniezioni giornaliere di "Penicillina", quindi - "Bitsillina-3". Le iniezioni vengono somministrate per via intramuscolare, in due fasi, in entrambe le natiche. Durante la procedura, è necessario assicurarsi che la pelle venga pulita con alcool, asciugata. Le soluzioni disinfettanti sono in grado di distruggere le proprietà terapeutiche dei farmaci di tipo penicillinico e, introdotte nella zona disinfettata asciutta, il farmaco non combatte in modo così intenso il patogeno.

Oltre alle iniezioni intramuscolari, alle donne con sifilide primaria vengono prescritti antistaminici.

Il trattamento della sifilide secondaria comporta un aumento nel corso delle iniezioni. Nella forma primaria della malattia, le iniezioni vengono effettuate entro 16 giorni, e nella sifilide secondaria, questa lacuna è quasi raddoppiata. Il paziente viene prescritto "Penicillina" o "Doxycycline" solubile in acqua, così come iniezioni "Ceftriaxone".

Il trattamento della sifilide terziaria è una lotta contro lo stadio avanzato della malattia. Come nei casi precedenti, il trattamento con la penicillina viene eseguito in combinazione con Bionehinol.

Il trattamento della neurosifilide è un po 'più complicato dal fatto che il sistema nervoso centrale (il cervello) è coinvolto nel processo patologico. Dal medico curante, la situazione richiede un metodo di trattamento più attivo, anche aggressivo.

Poiché la neurosifilide spesso accompagna la forma secondaria della malattia, il trattamento inizia secondo lo schema appropriato. Con un'efficacia insufficiente dei farmaci, è necessaria una prescrizione aggiuntiva di antibiotici.

Per scoprire se una donna è guarita o meno, è necessario prestare attenzione ad alcuni fatti:

  • Quanto prima viene fatta una diagnosi, tanto maggiore sarà il successo del trattamento.
  • Anche la natura del decorso della sifilide ha un ruolo. Se ci sono ricadute, significa che il trattamento conservativo non ha avuto molto successo.
  • La qualità del trattamento è molto importante. Il trattamento inadeguato o il consiglio di un medico che non è esperto in questo campo di medicina può fare più male che bene.
  • Anche la condizione generale e l'atteggiamento emotivo del paziente hanno un ruolo significativo nel successo della malattia.
  • I risultati delle reazioni sierologiche con analisi ripetute dovrebbero essere negativi.
  • Il test del liquido spinale di una donna deve essere condotto per la presenza di un agente patogeno.

Quando si valutano i criteri di cui sopra, è molto probabile che sia chiaro se una donna è stata curata o meno dalla sifilide.

complicazioni

La sifilide procede in modo piuttosto distruttivo, interessando molti organi e persino sistemi di organi. E le complicazioni da esso sono così pericolose che possono portare alle conseguenze più tristi.

Una donna che ha contratto la sifilide, ma non l'ha curata, corre il rischio di acquisire una o più delle seguenti complicanze:

  • Perdita di visione parziale o completa nella neurosifilide.
  • Danni alla struttura delle ossa e delle articolazioni nelle forme avanzate della malattia.
  • Meningite con successiva morte nella neurosifilide.
  • Paresi e paralisi.
  • Infezione del bambino nel periodo di sviluppo prenatale o membri della famiglia attraverso oggetti domestici.

Sifilide domestica

La sifilide domestica si riferisce a situazioni in cui una persona viene infettata non attraverso rapporti sessuali, ma attraverso oggetti inanimati.

Una donna che soffre di sifilide e inconsapevole di esso, o trascurando il trattamento, può facilmente trasmettere la malattia a tutti i membri della famiglia.

I soggetti di trasmissione possono essere comuni salviette, piatti, ecc. Il treponema pallido si trova in tutti i liquidi biologici (saliva, sangue, urina). Se una persona sana ha lesioni sulla pelle, se entra in queste secrezioni con il contenuto dell'agente causale della sifilide, c'è un'alta probabilità di contrarre la malattia.

Il pallido spirocheta è in grado di esistere per lungo tempo in ambienti umidi e non muore nemmeno a temperature sotto lo zero. Non è sensibile alle basse temperature, ma non tollera le alte temperature. Hard chancre appare esattamente nel punto in cui l'agente patogeno è entrato nel corpo.

Ci sono casi di infezione durante la trasfusione di sangue. Se il donatore non sospetta di avere la sifilide, e la trasfusione è urgente e non è rimasto il tempo per un'analisi del sangue, un pallido spirochet va al ricevente (alla persona che sta subendo trasfusione) con il sangue.

Sifilide durante la gravidanza

La sifilide stessa è una malattia pericolosa, e per una donna che sta per diventare madre, il pericolo è raddoppiato a causa del fatto che un bambino innocente può soffrire.

Durante la gravidanza, una donna è sotto la supervisione di un ginecologo e esegue regolarmente test di routine, quindi non è raro che vengano rilevati casi di sifilide durante questo periodo. L'infezione può essersi verificata molto prima, ma, a causa dell'assenza di sintomi o di abbandono della propria salute, la malattia non è stata identificata.

Immediatamente si dovrebbe notare: la sifilide non è considerata un'indicazione per l'interruzione artificiale della gravidanza. La medicina moderna consente di sottoporsi a un trattamento appropriato nel periodo di trasporto di un bambino.

Senza trattamento, il bambino ha anche l'opportunità di essere nato sano, ma le sue possibilità di successo sono solo del 10%. I farmaci usati per trattare la sifilide durante la gravidanza non possono essere definiti innocui, ma aumentano le possibilità del feto di evitare gravi complicazioni da questa malattia.

Per partorire dopo la sifilide o no?

Molte persone del gentil sesso sono interessate alla domanda: "È sicuro avere un bambino dopo la sifilide, o no?".

Non c'è una risposta inequivocabile a questa domanda, poiché molto dipende dalla forma della malattia e dalle complicazioni che ha causato.

Se la sifilide è stata rilevata nelle fasi iniziali e trattata con successo, allora non ci dovrebbero essere controindicazioni per diventare una madre per la donna. Il ginecologo descriverà in dettaglio le misure precauzionali e determinerà il lasso di tempo in cui è possibile concepire in sicurezza. Il paziente può solo seguire le istruzioni dello specialista.

Nel caso in cui la malattia abbia colpito gli organi interni o sia passata nella terza fase, il medico può consigliare alla donna di non rischiare la salute del bambino, sperando in un esito favorevole.


| 29 dicembre 2014 | | 16 696 | Malattie nelle donne