Carie media, trattamento a media carie
medicina online

Carie media

contenuto:

Carie media

Carie media

Con la carie media (media media), il processo di distruzione colpisce non solo lo smalto, ma anche lo strato dentinale della corona del dente. Ma c'è ancora abbastanza dallo strato dentinale in modo che la carie possa influenzare la polpa del dente (fascio neurovascolare nella cavità coronale).



Classificazione delle carie carie

Diversi specialisti nel campo dell'odontoiatria classificano la carie in modi diversi. Ma il concetto di carie "media" è di per sé uno dei punti di tale selezione in base alla profondità del processo carioso.

Tuttavia, è possibile classificare la carie media per localizzazione (secondo Bleck):

  1. Il primo gruppo comprende tutte le formazioni cavitarie di natura cariosa, che si trovano nei recessi naturali dei denti (cioè nei fossati e nelle fessure della parte coronale).
  2. Il secondo gruppo è formato da formazioni cariate sulle superfici di contatto di premolari e molari (cioè sulle parti laterali dei denti che sono in contatto tra loro).
  3. Il terzo gruppo include carie carie sulle stesse superfici di incisivi e canini.
  4. Il quarto gruppo combina le formazioni distruttive sui denti, influenzando la superficie di contatto in combinazione con la carie dell'angolo o il bordo della corona del dente.
  5. Il quinto gruppo di carie carie secondo Bleck è localizzato nella zona cervicale della corona del dente.
  6. Il sesto gruppo è limitato al riassorbimento del bordo incisale di incisivi e canini, così come la carie sui tumuli dei denti da masticare (premolari, molari).

La localizzazione nell'area del collo dei denti del processo carioso è più pericolosa dei rappresentanti degli altri gruppi nella classificazione nera. Il quinto gruppo è troppo vicino alla polpa, quindi il dente diventa sensibile molto prima rispetto a quando il processo patologico è localizzato in altre aree.

Inoltre, la carie cervicale corrode il dente proprio alla base, e c'è un grosso rischio di perdere la parte coronale, anche se la profondità della lesione sembra essere piccola.

Il sesto gruppo di classificazione per il nero è stato aggiunto molto più tardi dopo che l'autore ha raggruppato i principali tipi di carie. I dubbi sono sorti a causa del fatto che il riassorbimento di taglienti e tubercoli è molto raro. In questi luoghi, lo smalto dei denti è più spesso rispetto al resto. Il cibo non è in grado di accumularsi sui bordi e sulle collinette, quindi è difficile immaginare che la malattia andrà in giro in altri luoghi adatti, come le fessure del sesto molare e colpire il suo tumulo. Ma, sfortunatamente, il sesto grado è stato aggiunto alla lista secondo necessità, questo tipo di carie ha cominciato a verificarsi più spesso.

Oltre alla classificazione del Nero, la carie media può essere divisa in gruppi in base alla velocità di sviluppo del processo patologico:

  1. Il digiuno
  2. sospendere
  3. lento

Oltre ai tipi di processo della carie, descritti sopra, ce n'è uno in più che provoca disperazione tra i dentisti professionisti. Questa è una carie ricorrente.

La recidiva si verifica nello stesso posto che è stato precedentemente trattato. Molte persone lo associano a cause iatrogene (lavoro ingiusto di un medico), ma non è sempre il dentista responsabile del fatto che la carie è tornata.

Nessuno conosce le cause della forma ricorrente di carie, ma ogni volta dopo il trattamento il processo viene ripetuto.

Cause di carie media

Sembrerebbe che la questione delle cause e del meccanismo di flusso della carie media sia stata a lungo risolta. Con una scarsa igiene orale, si forma la placca dentale, i batteri attivamente proliferano in essa e distruggono uno dopo l'altro gli strati del tessuto della corona dentale.

Infatti, l'accumulo di placca sui denti non è di per sé associato alla presenza di carie superficiali. Solo quattro tipi noti di batteri cariogeni contribuiscono alla distruzione diretta di smalto, dentina e cemento:

  • Streptococcus mutans (Streptococcus mutans)
  • Streptococco salivario (streptococco salivario)
  • Streptococcus sanguis (streptococco sanguis).

Nella maggior parte dei casi, ci sono fattori che influenzano l'aspetto di una cavità cariata non meno di streptococchi:

  1. L'uso di una grande quantità di carboidrati veloci (zucchero, pasta, dolci) porta ad un rapido accumulo di placche morbide dopo la spazzolatura.
  2. Una diminuzione del grado di resistenza del tessuto dentale alla carie si verifica quando l'immunità generale è indebolita.
  3. Cambiamenti nella composizione minerale della saliva in varie malattie del corpo.
  4. Violazione della struttura biochimica del tessuto dentale.
  5. Cibo avanzato che può rimanere anche dopo aver lavato i denti se una persona non usa abbastanza lo spazzolino da denti.
  6. Fluidificazione insufficiente dell'acqua potabile.
  7. Interruzione del sistema immunitario durante quel periodo di vita intrauterina, quando i denti furono posati.
  8. Posizione delle malattie dentali a livello genetico.
  9. Mancanza di minerali e vitamine nel cibo consumato.
  10. Abuso di bevande gassate e confetteria.

Il fattore più importante nel problema della protezione contro le lesioni cariose è considerato la capacità individuale del corpo di resistere alla carie.

Immunità alla carie: è possibile?

Non è noto il motivo per cui i pazienti (in rari casi) con una grande quantità di sedimenti mineralizzati e non mineralizzati rimangono con i denti interi, e alcuni sono costretti a visitare il dentista spesso a causa di problemi costanti nella cavità orale, sebbene osservino una perfetta igiene.

Il primo gruppo di persone ha una tale caratteristica nella struttura genetica dell'organismo come "resistenza alla carie". Non può essere sviluppato o acquistato. È ereditato, ma alcune caratteristiche, tuttavia, influenzano la forza della sua manifestazione.

I livelli di resistenza alla carie sono espressi come segue:

  • A seconda della combinazione di sostanze minerali nello strato di smalto, i fattori cariogeni vengono respinti in misura maggiore o minore.
  • La composizione e la quantità di fluido salivare è importante, poiché lega i microrganismi e li utilizza, oltre a lavarli, rimuovendo le microparticelle di detriti alimentari. Cambiamenti nella composizione o viscosità della saliva sono pericolosamente probabilità di perdere le proprietà di cui sopra.
  • La forma del dente e la profondità delle sue cavità naturali svolgono un ruolo importante nel grado di probabilità della carie. Più profonda è la fessura e più difficile è l'accesso, più è facile per i microrganismi ritentare in quest'area e riprodursi liberamente.
  • Anche la struttura dello strato superficiale del dente è importante nella lotta per la sicurezza dell'intera corona. La presenza di crepe o graffi microscopici contribuisce al ritardo degli streptococchi cariogeni in questi luoghi. Di conseguenza, la formazione della fonte di distruzione diventa la più probabile.
  • La patologia del morso e la struttura dell'articolazione temporo-mandibolare (sistema temporomandibolare) svolgono un ruolo significativo nel mantenimento dei denti sani.

La presenza di un alto grado di resistenza della carie non esclude il danno ai denti da un processo cariato. Resta inteso che il grado di resistenza in tali pazienti è molto più elevato, ma in assenza di un'igiene adeguata e di uno stile di vita sano, i denti saranno sottoposti prima o poi alle devastazioni degli streptococchi.

Il meccanismo di sviluppo della carie secondaria

La ragione per la dissoluzione dei prismi di smalto (cellule di smalto) è la formazione di acidi organici da streptococchi cariogeni. Di regola, si moltiplicano sotto lo spessore di una placca dentale e si moltiplicano attivamente. I prodotti della loro attività vitale sono acidi organici. La placca dentale si forma quando il cibo rimane nel cavo orale a causa di morso improprio, scarsa igiene o presenza di strutture dentali nella cavità orale: tutori e protesi (rimovibili e non rimovibili).

Il cibo subisce il processo di decadimento e fermentazione, che ha un effetto positivo sullo stile di vita dell'agente batterico. Gradualmente, i depositi dentali morbidi diventano duri, mineralizzati e pigmentati nel processo di trasformazione in tartaro . Sotto le pietre, i batteri producono un liquido acido, che distrugge la struttura dei prismi dello smalto e forma un difetto nei tessuti duri del dente.

Il processo di distruzione innesca il meccanismo di rigenerazione, poiché il corpo umano è incline all'autoguarigione. In parallelo con i cambiamenti degenerativi, avviene la formazione di nuovi elementi di smalto e dentina. Se l'azione patologica del distruttore supera la carie media. E nel caso in cui i progressi e il regresso siano ugualmente pronunciati, la carie si stabilizza e può rimanere nella sua forma "congelata" per anni.

I sintomi della carie media

La carie media può interessare solo gli strati superficiali della dentina. Va oltre lo smalto, viola i suoi confini con lo strato di dentina. In conformità con questo fatto, i pazienti si lamentano di:

  • Sensazioni dolorose da tutti i tipi di sostanze irritanti (chimiche, termiche e meccaniche). Le sensazioni spiacevoli sono di breve durata e scompaiono con l'eliminazione della causa.
  • La presenza di una cavità cariata nel gruppo anteriore di denti, che viola l'estetica di un sorriso.
  • La presenza di cibo è ritardata nel luogo di formazione della cavità, se è localizzata nell'area della fessura o sulla superficie di contatto del dente.

Un esame strumentale rivela una cavità cariata di media profondità, piena di dentina pigmentata e ammorbidita. Quando si percepisce il dolore si avverte solo sul fondo della formazione della cavità. Le pareti rimangono insensibili alle sollecitazioni meccaniche. Questa situazione è dovuta al fatto che nella zona inferiore ci sono i tubuli dentinali con terminazioni nervose esposte, e le pareti sono all'interno dello smalto, che, come è noto, non è innervato.

In alcune situazioni, quando la carie è nella fase compensata, il paziente non ha lamentele di fastidio da parte di sostanze irritanti. L'informazione è un esame obiettivo della cavità orale.

Potrebbero esserci difficoltà nel processo di esame visivo e strumentale, quando la carie si trova in un luogo inaccessibile. In tale situazione, è consigliabile inviare il paziente a un esame a raggi X per chiarire la forma e la natura del processo patologico.

Quali malattie possono essere confuse con la carie media?

La carie media ha un quadro clinico abbastanza pronunciato e specifico, ed è abbastanza facile da riconoscere. Tuttavia, ci sono diverse opzioni nosologiche che dovrebbero essere diagnosticate per chiarire la diagnosi finale.

La carie media è differenziata da:

  • Difetto a forma di cuneo
  • Carie profonde
  • Parodontite cronica
  • Con l'erosione

Il difetto a forma di cuneo differisce dal tipo medio di carie in quanto è sempre localizzato nell'area del collo della corona dentale e ha fondo e pareti lisci. Quando la carie sonda ha chiaramente percepito la rugosità su tutta la superficie del difetto. Il difetto a forma di cuneo ha la forma di un cuneo, con la punta affilata del dente rivolta verso la cavità. Ma la camera pulpare non viene mai aperta a causa della formazione di questo difetto e non ci sono reazioni agli stimoli. L'unica somiglianza con la carie media è la dimensione della cavità formata.

Le carie profonde, a differenza di quella centrale, colpiscono gli strati profondi della dentina e quando si sondano lungo tutto il fondo e nell'area delle pareti si ha una reazione dolorosa nel paziente. I siti di localizzazione in entrambi i casi potrebbero essere uguali.

La parodontite cronica è anche poco informativa e presenta sintomi lievi, così come la carie media. In contrasto con il processo carioso, con la parodontite c'è un messaggio con la cavità del dente e le esacerbazioni periodiche della malattia. L'esame strumentale della parodontite non è informativo.

L'erosione può essere confusa solo con la carie media, che appartiene alla sesta classe secondo il Nero (la sconfitta delle collinette e i bordi taglienti della corona del dente). Ma l'erosione ha pareti lisce e un fondo, e non ha alcuna reazione agli stimoli, che non si osserva con la carie media.

Dopo che l'esame è stato effettuato, il paziente è stato intervistato e la diagnosi finale è stata fatta, il medico procede immediatamente con il trattamento.

Trattamento per carie medie

La dimensione del difetto patologico richiede una preparazione obbligatoria, che viene effettuata in più fasi:

  • Rimozione dei bordi sporgenti della cavità cariata
  • Evacuazione della dentina ammorbidita e pigmentata
  • Pulizia del fondo e delle pareti dei resti dei tessuti distrutti dei denti
  • Formazione di una cavità per tipo di scatola, trapezio o secondo la forma della cavità.

Per ogni fase viene utilizzato un tipo di frese appositamente progettato. La preparazione rapida e di alta qualità richiede una buona illuminazione, disponibilità di localizzazione della carie e la capacità di possedere boro e punte dentali appropriate. Dopo la preparazione, trattamento antisettico, sgrassaggio e asciugatura della cavità. In alcuni casi, è possibile fare a meno di una striscia medica, ma l'isolamento deve essere necessariamente utilizzato.

Quindi le pareti e il fondo della cavità sono coperti con un legame (colla speciale per il riempimento), quindi il riempimento stesso viene inserito, formato e sottoposto a polimerizzazione chimica o fotopolimerizzante (a seconda del tipo di materiale di riempimento).

L'ultima fase è la correzione del sigillo, che viene eseguita con l'aiuto di frese diamantate, dischi per lucidatura, testine in gomma, spazzole e pasta per lucidatura.

Se c'è anche il minimo disagio, il paziente ha il diritto di tornare dallo specialista e chiedere una seconda correzione gratuitamente.


| 27 dicembre 2014 | | 976 | stomatologia