Cisti del dente: foto, sintomi, trattamento di una cisti della radice

Cisti dei denti: sintomi e trattamento

contenuto:

Foto cisti dei denti "Cisti" è una parola greca per bolla. E infatti, la cisti ha una forma sferica ed è spesso riempita con liquido purulento o sieroso. Al di fuori della formazione ha una guaina di tessuto connettivo, e all'interno è rivestito con uno strato epiteliale.

Una cisti dentale (cisti odontogena) è localizzata sulla punta della radice del dente causativo e può essere misurata sia in millimetri (se la cisti è piccola) che in centimetri. Con un trattamento tempestivo, una piccola cisti odontogena può essere curata, ma nei casi avanzati, la formazione inizia ad aumentare rapidamente di dimensioni.

Molti pazienti considerano una cisti non una malattia pericolosa, ma questa è un'ipotesi erronea. Una cisti può aumentare di dimensioni in modo significativo e causare gravi complicazioni, inclusa la trasformazione in un tumore maligno.



Classificazione delle cisti odontogene

1. Per posizione, ci sono le cisti:

  • Denti anteriori;
  • Denti del giudizio;
  • Le cisti germinarono nel seno mascellare.

2. Per i motivi dell'evento, si distinguono i seguenti tipi di cisti:

  • Radicolare - una cisti situata alla radice del dente. Si sviluppa come una complicanza della parodontite cronica e può essere apecale (situato alla radice della radice) o laterale parodontale (adiacente alla superficie laterale della radice);
  • Follicolare - cisti contenente denti. Si verifica quando un germe del dente colpito o un dente extra (extra) è infetto;
  • La cheratocisti è una cisti primaria, formata da cellule residue del tessuto che forma il dente in caso di violazione del processo di sviluppo del dente;
  • Una cisti del dente del giudizio (cisti paradentale o retromolare) si verifica quando la germinazione di un rudimento è difficile a causa della progressione dell'infiammazione cronica;
  • La cisti residua appare quando la radice viene preservata dopo la rimozione del dente stesso;
  • La cisti osservata durante la dentizione è un normale processo fisiologico. Si dissolve nel processo di formazione ed eruzione della porta.


Cause della ciste odontogena

Il motivo principale è la penetrazione dell'infezione nel tessuto parodontale. L'infezione può manifestarsi in vari modi:

  • Danno al dente dovuto a soffiare o cadere;
  • Infezione nel canale radicolare a causa di un trattamento ingiusto del dente;
  • Infiltrazione di tessuti parodontali con strumenti endodontici;
  • L'ingresso di batteri patogeni nel periodonio insieme al flusso sanguigno dopo una malattia infettiva;
  • L'aspetto di una cisti come risultato di un processo infiammatorio cronico sotto la corona;
  • Transizione di parodontite cronica a cisti odontogena;
  • Complicazioni di sinusite con un corso cronico;
  • Formazione di una cisti dentale in complicati denti del giudizio dentizione.

Ma, nonostante una lunga lista di motivi, tutto quanto sopra si riduce al fatto che l'infezione penetra nei tessuti parodontali e provoca la malattia dei denti cistici. Pertanto, dovresti provare a proteggere i denti e cercare aiuto solo da un dentista esperto e provato.

Come si sviluppa la malattia

Una cisti dentale, il più delle volte, è una complicanza della parodontite non trattata o trattata ingiustamente. La parodontite è un'infiammazione del parodonto (apparato legamentoso del dente) con espansione dello spazio parodontale e formazione di essudato infiammatorio.

La parodontite fa sì che un agente infettivo entri nel tessuto parodontale in vari modi. Durante la progressione, la parodontite si sviluppa in una cisti dentale. Se la cisti ha una dimensione inferiore a 5 mm, si chiama granuloma o citogranuloma.

Nel processo di allargamento, la formazione è coperta da una guaina di tessuto connettivo e all'interno si forma un rivestimento epiteliale. Quindi il granuloma si trasforma in una cisti. All'interno della formazione c'è un contenuto semi-liquido di cellule morte e leucociti morti.

Se la cisti non viene eliminata, si svilupperà ulteriormente, catturando i denti vicini.

I sintomi di una cisti dentale

Il processo patologico si manifesta sintomaticamente solo quando la cisti raggiunge dimensioni relativamente grandi. Qui sta il pericolo e l'astuzia di questa malattia.

Nelle fasi iniziali, di regola, una cisti dentale è asintomatica, senza dare la sua presenza nel corpo. Nelle prime fasi, la formazione viene rilevata per caso, durante un esame di routine o durante il trattamento dei denti adiacenti. Pertanto, visitando regolarmente lo studio dentistico e osservando attentamente le minime deviazioni delle condizioni dei denti e delle gengive, non ti mancherà l'aspetto di una cisti e potrai trattarla in tempo.

Una cisti odontogena della mascella superiore o inferiore non si forma in un giorno o due. Il paziente ha abbastanza tempo per notare alcuni sintomi che indicano l'insorgenza della malattia:

  • Sensazioni spiacevoli o dolore al dente durante la masticazione di alimenti solidi;
  • Protrusione e arrossamento delle gengive nell'area di proiezione della radice del dente causativo, che alla fine si ingrandisce;
  • Formazione della fistola nella proiezione della radice e rilascio di contenuto sieroso o purulento da esso.
  • Debolezza generale, febbre e malessere in concomitanza con i sintomi di cui sopra.

Va tenuto presente che la maggior parte dei sintomi viene rilevata solo nelle fasi successive dello sviluppo di una cisti dentale. Inoltre, il dolore con l'aspetto di una cisti è meno intenso rispetto alla carie o alla pulpite e non è acuto, ma dolorante.

Ci sono casi in cui non ci sono sintomi nella cavità orale, ma il paziente è tormentato da forti mal di testa. La causa potrebbe essere una cisti che è germogliata nel seno mascellare.

Sulla base di questo, il modo più affidabile per rilevare una ciste odontogena è l'esame a raggi X.

diagnostica

I pazienti con cisti odontogena, quando sottoposti a indagine, spesso indicano un trattamento endodontico del dente causativo, condotto in precedenza a causa di pulpite o parodontite. Alcuni indicano una esacerbazione del processo patologico dopo la dissezione intraorale.

Il metodo di indagine più informativo nel rilevare una cisti dentale è radiologico. Esistono diversi modi per ottenere una radiografia:

1. La radiografia intraorale del contatto consente di valutare:

  • il grado di distruzione della mandibola,
  • condizione della radice e del canale del dente,
  • qualità di riempimento del canale,
  • la presenza di perforazioni e detriti di strumenti endodontici nel canale,
  • relazione di cisti e radici di denti adiacenti.

2. L'ortopantomogramma è una visione generale di entrambe le mascelle e dei seni mascellari della mascella superiore.

3. Una radiografia del sondaggio nella proiezione nasopodorbitale (comprese le ossa del cranio dal naso al mento) consente di valutare lo stato dei seni mascellari e rilevare una cisti che germina nella loro cavità.

Oltre ai raggi X, allo scopo di determinare la presenza di una cisti dentale, viene utilizzata la diagnostica della donazione elettrica. Questo metodo consente di valutare il grado di eccitabilità elettrica dei denti situati vicino al dente cistico. Se la soglia di eccitabilità è superiore a 60 microamp, si raccomanda il trattamento endodontico.

L'esame istologico o citologico viene utilizzato per determinare se la formazione è benigna o maligna.

Quindi, identificare una cisti dentale e valutarne le condizioni non presenta molte difficoltà. È importante chiedere aiuto in tempo.

Metodi di trattamento delle cisti dei denti

La cisti di Odontogennaya non è soggetta a trattamento terapeutico. Solo l'intervento chirurgico può eliminare completamente questa malattia.

Esistono due tipi di trattamenti chirurgici che sono considerati essenziali nella chirurgia maxillo-facciale (CLH):

Cistotomia: asportazione di una cisti per creare le condizioni per il deflusso di contenuti cistici nella cavità orale, nel naso o nel seno mascellare. Questo metodo arresta la crescita della cisti aumentando la pressione idrostatica.

Le indicazioni per la cistotomia sono:

  • Cisti di grandi dimensioni, distruggendo il fondo osseo della cavità nasale, così come la placca palatale;
  • Le cisti coprono tre o più denti sani che non mostrano un'espansione del gap parodontale su una radiografia.
  • Cisti mandibolari estese con assottigliamento del tessuto osseo della base della mascella.

La chirurgia viene eseguita in anestesia locale. Usando un bisturi, un lembo muco-periosteo di forma semiovale viene ritagliato nell'area di proiezione del processo infiammatorio. Allo stesso tempo, la parete ossea è esposta, in cui viene creata un'apertura di apertura direttamente sopra la cisti.

La cavità della cisti viene lavata e riempita con un tampone di iodoformio. Dopo una settimana, il tampone viene cambiato. La procedura viene ripetuta tre o quattro volte.

La cistectomia è la rimozione di un'intera cisti separando la sua guaina di tessuto connettivo dai tessuti circostanti, seguita dal riempimento della cavità risultante con un tampone speciale (metodo aperto) o avvicinandosi ai bordi della mucosa dissezionata (metodo chiuso).

Le indicazioni per questo tipo di chirurgia sono:

  • Piccole cisti;
  • Una cisti estesa, che si trova nella zona di assenza di denti e in cui è preservato uno strato sufficientemente spesso di tessuto osseo;
  • Cisti sviluppate a causa di uno sviluppo anormale dell'epitelio odontogeno;

Se la cisti si trova vicino al collo del dente, la conservazione dell'unità dentale è inappropriata. Ma se il dente è stabile e la cisti è nella sua parte apicale, allora è possibile riempire il canale con la rimozione del materiale oltre l'apice.

L'operazione viene eseguita in anestesia di infiltrazione o conduzione (a seconda della posizione della cisti).

Sulla superficie vestibolare (anteriore) della mascella tagliata il lembo mucoperiosteo di forma trapezio o semiovale. La base del lembo è rivolta verso la piega di transizione (il punto in cui le gengive si spostano sulla guancia). Nella parete ossea esposta viene praticato un foro corrispondente alle dimensioni della cisti esistente. Con l'aiuto di strumenti speciali, la cisti viene staccata dai tessuti circostanti e rimossa insieme alla radice.

È necessario resecare l'apice della radice e raschiare i resti dei tessuti infetti, evitando così la ricorrenza (ricorrenza) di una ciste odontogena.

Possibili complicanze di una cisti dentale

La cisti nella fase avanzata è in grado di distruggere attivamente il tessuto osseo della mascella e sostituirlo gradualmente con formazioni di tessuto connettivo. Di conseguenza, si presentano le seguenti complicazioni:

  • La dissoluzione dell'osso mascellare mentre la ciste cresce;
  • Infiammazione purulenta della formazione cistica;
  • Infiammazione dei linfonodi localizzata vicino al sito di infiammazione;
  • Presenza di periostite o osteomielite come complicazione della ciste odontogena non trattata;
  • Formazione di ascessi (formazione di ascessi) di un granuloma o cisti dovuta alla comparsa di infiammazione purulenta;
  • La comparsa di sinusite cronica durante la germinazione delle cisti nel seno mascellare;
  • Frattura patologica della mascella con ampia crescita dell'istruzione;
  • La comparsa di flemmone con prolungata infiammazione purulenta della formazione cistica;
  • Sepsi - avvelenamento del sangue.

Le complicanze sono abbastanza gravi, persino in alcuni casi è possibile. Pertanto, il trattamento delle cisti non dovrebbe essere "messo da parte". Si consiglia di consultare immediatamente un medico se si sospetta questa malattia.

Misure preventive per prevenire la comparsa della formazione cistica

Nello studio dentistico non esistono misure che garantiscano il 100% di protezione contro l'aspetto di una cisti dentale. Ma, seguendo diverse regole contribuirà a ridurre significativamente il rischio della sua comparsa:

  1. Visite regolari a un dentista qualificato e attuazione di tutte le sue raccomandazioni.
  2. Monitoraggio attento dello stato dei loro denti e prevenzione dell'insorgenza di processi infiammatori cronici nella cavità orale.
  3. Possibile avvertimento di erbe e lividi della regione maxillo-facciale;
  4. Attitudine attenta ai denti trattati in precedenza e alla comparsa di dolore e disagio nella cavità orale.

Alcuni pazienti sono preoccupati per il pregiudizio che una cisti di denti non può essere curata. Questo è un equivoco. Un chirurgo dentista professionista è in grado di curare una cisti e stabilizzare la condizione del dente causativo per lungo tempo.


| 20 marzo 2014 | | 4 119 | stomatologia
Lascia il tuo feedback