Encefalite trasmessa da zecche: sintomi, segni, trattamento, prevenzione dell'encefalite

Encefalite trasmessa da zecche: sintomi, trattamento, prevenzione

contenuto:

Encefalite trasmessa da zecche Una malattia acuta di natura infettiva in cui il sistema nervoso è danneggiato è chiamata encefalite trasmessa da zecche. Il decorso della malattia è spesso complicato da danni al midollo spinale e al cervello, che portano a gravi disabilità o morte.

La malattia è causata da un virus, il cui principale pericolo è che si tratta di neurotropi, il che significa che è il sistema nervoso umano che colpisce principalmente. L'agente patogeno dell'encefalite da zecche è resistente all'essiccazione e alle basse temperature. Ma muore in condizioni ambientali, durante la disinfezione o l'ebollizione (2 minuti).

Nel suo ambiente naturale, il virus si trova nel sangue degli animali della foresta: grandi ungulati, roditori, predatori e persino uccelli. Allo stesso modo, può essere presente nel sangue dei mammiferi domestici (mucche, pecore, capre). In questo caso, vale la pena parlare solo di un breve stato portatore, i sintomi della malattia non compaiono negli animali, ma l'agente patogeno si trova nel latte.

I principali vettori e distributori del virus sono insetti, ovvero zecche ixodiche: cane e taiga. L'agente patogeno non vive solo costantemente nel sangue delle zecche, ma si trasmette anche alla loro prole.

Ci sono diversi sottotipi della malattia trovati nel nostro paese:

  • europea;
  • siberiano;
  • Estremo Oriente.

L'encefalite del sottotipo europeo è trasferita dal tic tac, la taiga - i sottotipi dell'estremo oriente e siberiano, che sono più severamente tollerati e pericolosi per l'uomo.

Ricorda che è impossibile determinare dall'aspetto di un insetto se è portatore di un'infezione virale!

Questo è determinato solo da metodi di laboratorio.



Percorso di trasmissione dell'encefalite

Quando una zecca morde un animale infetto, entro una settimana il patogeno penetra in tutti i tessuti dell'insetto, concentrandosi maggiormente nelle ghiandole salivari. È l'alta concentrazione del virus nella saliva che spiega la sua rapida trasmissione durante un successivo morso umano. Dopo che il patogeno entra nel sangue umano, agisce selettivamente sulle cellule del sistema nervoso (ns), portando a gravi cambiamenti.

Va detto che questa malattia è caratterizzata da una chiara stagionalità. Dopo lo svernamento, gli acari si attivano, si sollevano dalla lettiera delle foglie verso l'alto e strisciano via sull'erba e sui bassi arbusti.

Il fatto che gli acari siano seduti tra gli alberi e saltare su una persona è un mito! Conoscere il pericolo principale in attesa tra l'erba e cespugli bassi!

Le zecche sono attive all'inizio della primavera non appena la temperatura supera i 5 ° C. La cosa principale per la femmina durante questo periodo è trovare un ospite e ubriacarsi di sangue. Ne ha bisogno per la funzione riproduttiva: lo sviluppo delle uova. Non appena un animale o una persona a sangue caldo è vicino, attacca, aggrappandosi alla pelliccia o ai vestiti. Dopo essere stato morso, beve sangue per 6 giorni e poi cade, depone le uova e muore. La trasmissione avviene attraverso la saliva al momento del morso.

Inoltre, è possibile essere infettati quando si frantuma e si strofina un segno di spunta infetto.

Ci sono anche rari casi in cui l'infezione si verifica quando un animale infetto viene introdotto nella dieta del latte crudo.

Quindi, quindi, ci sono 2 modi principali di trasmissione della malattia:

  • Dal segno di spunta: attraverso la saliva e la frantumazione.
  • Se usato, non bollire latte vaccino e caprino.

Il pericolo per l'ambiente stesso non è una persona malata.

Periodo di incubazione

Si ritiene che dal momento in cui il virus penetra nel sangue fino all'inizio delle prime manifestazioni della malattia richiede da 1 giorno a un mese. In media, il periodo è di 1-3 settimane, poiché le forme di sviluppo della malattia sono diverse.

  1. Fulmine veloce Con esso, i sintomi iniziali compaiono già il primo giorno.
  2. Protratta. In questo caso, la durata del periodo di incubazione può essere di circa un mese, a volte anche leggermente più lunga.

Va notato che a volte la malattia è asintomatica. Raramente, ma ci sono casi in cui una persona infetta non sviluppa l'encefalite da zecche.

Diagnosi di encefalite

Durante l'esame iniziale di un paziente con disturbi neurologici, è obbligatorio scoprire se c'è un morso di zecca o mangiare latte non pastorizzato.

Successivamente, fare un'analisi generale. Studi condotti di laboratorio e strumentali. Nell'analisi generale dell'urina, di norma, non vengono rilevati dati significativi, il conteggio ematico completo mostra un aumento di COE.

Il metodo principale è l'uso di sieri accoppiati.

La diagnosi è confermata da test sierologici, durante i quali vengono rilevati anticorpi specifici contro il patogeno nel sangue del paziente con sospetta encefalite da zecche.

Inoltre, durante le manifestazioni iniziali, i metodi PCR e ELISA vengono utilizzati come diagnostica aggiuntiva.

Con l'aiuto della risonanza magnetica, è possibile confermare la presenza di cambiamenti che si verificano nel cervello - gonfiore di alcune strutture cerebrali.

Sintomi di encefalite trasmessa da zecche

L'agente causale colpisce la base del cervello - materia grigia, così come il midollo spinale (motoneuroni), il sistema nervoso periferico. Pertanto, i sintomi principali saranno manifestazioni del sistema nervoso: sensibilità alterata, paralisi, sindrome convulsiva, vomito e mal di testa, annebbiamento e perdita di coscienza, segni di agitazione psicomotoria. Successivamente unire i sintomi di lesioni gastrointestinali, disturbi vascolari, insufficienza cardiaca.

Ma la luminosità delle manifestazioni cliniche, la velocità della loro crescita e specificità dipendono sempre dal tipo di malattia e dalla posizione del virus.

Per sottotipo:

Estremo Oriente - di solito inizia con uno stato febbrile, è acuto. Altri sintomi possono anche aumentare rapidamente, portando a paralisi e coma. Il risultato letale può essere già tra 6-7 giorni.

Europeo - è caratterizzato da 2 fasi. Il primo sulle manifestazioni è simile all'influenza e dura circa una settimana. La seconda fase è caratterizzata da lesioni del sistema nervoso di vario grado: da lieve meningite a grave encefalite.

Secondo il modulo:

Febbre febbrile prevale con sintomi aggiuntivi sotto forma di aritmia, sudorazione e debolezza generale.

Meningeal - compaiono segni di infiammazione delle membrane spinali e delle membrane del cervello (meningite): dolore intenso, vomito, sovratensione dei muscoli occipitali, sintomi neurologici.

Focale - la forma più difficile e non riuscita in termini di prognosi. Quando entra nel virus nella sostanza del cervello stesso, che è caratterizzato da ipertermia, delusioni, allucinazioni, perdita di coscienza.

Trattamento di encefalite da zecche

Non ci può essere una terapia specifica per l'encefalite trasmessa da zecche, in quanto non ci sono farmaci che agiscono direttamente sul virus. Pertanto, tutto il trattamento si basa su una rapida risposta al quadro clinico e alla rimozione dei sintomi della malattia.

È tenuto nell'ospedale di malattie infettive. Il riposo a letto è prescritto per l'intero periodo della febbre, è indicato l'uso dell'immunoglobulina da zecca (donatore) e della ribonucleasi.

Una parte importante del trattamento è la terapia di disintossicazione, finalizzata alla rimozione dei prodotti di decomposizione tossici dal corpo.

Cioè, la terapia viene eseguita in un complesso ed è sintomatica: gli anticonvulsivanti sono prescritti per le convulsioni, i decongestionanti sono usati per alleviare le fuoriuscite e i farmaci antinfiammatori non steroidei sono usati per normalizzare la temperatura. Inoltre, nei casi più gravi, vengono prescritti corticosteroidi.

Cosa fare quando viene rilevato un segno di spunta?

Prima viene rimosso il segno di spunta, maggiore è la probabilità che il morso non sviluppi complicazioni gravi.

Se trovi un insetto che è già bloccato, prova a rimuoverlo con attenzione. Questo viene fatto con movimenti rotatori usando pinzette o filo, disceso sotto forma di un anello sotto le zampe anteriori.

Ricorda le tre regole importanti che si applicano quando estrai un segno di spunta:

  1. Non estrarre rapidamente l'insetto, quindi c'è la possibilità di strappare e lasciare la testa con il tronco nel corpo.
  2. Metti l'insetto estratto in un contenitore di vetro e portalo in una stazione epidemiologica sanitaria per testare la presenza di un virus patogeno.

Pulire il morso e le mani con un bastoncino di cotone imbevuto di alcol.

  1. Consultare un medico e entro un mese si è sotto la supervisione di uno specialista.

Profilassi non specifica

È per proteggersi dal cadere sul corpo del segno di spunta. In primavera, all'inizio dell'estate e in autunno, la probabilità di infezione è massima. Inoltre, una zecca può raggiungere il corpo sia nella foresta che a casa, strisciare fuori dai fiori del prato o dai rami del cespuglio.

I vestiti migliori per visitare la foresta in questo momento sono costumi speciali per le zanzare. In assenza di loro, indossano abiti spessi, infilando la camicia nei pantaloni e calzini sopra i pantaloni. Obbligatorio e copricapo. Tutto questo è fatto per impedire il movimento della zecca e raggiungere la zona aperta del corpo. Va ricordato che nemmeno un insetto adulto può mordere e infettare, ma una larva.

I repellenti sono applicati alle aree aperte e ai vestiti.

Dopo aver visitato foreste e parchi, è necessario esaminare se stessi e le persone care, in particolare i luoghi in cui la pelle è sottile (zecche come attaccarsi in questi luoghi): inguine, ascelle, basso addome, collo, area dietro le orecchie.

Prevenzione specifica

Si basa sull'introduzione di vaccini appositamente progettati. Lo schema di vaccinazione di base è il seguente: nel periodo autunno-invernale vengono somministrate diverse iniezioni con il vaccino. Ciò crea una forte immunità contro il virus, sarà necessaria una rivaccinazione aggiuntiva solo dopo 5 anni.

Quando si visitano aree sfavorevoli per persone non vaccinate in precedenza, effettuare la vaccinazione di emergenza: 3 dosi del vaccino in 21 giorni. In questo caso, l'immunità viene acquisita solo per 1 stagione.

Se una persona non è vaccinata, dopo l'individuazione della zecca, viene introdotta un'immunoglobulina, cioè una sostanza con anticorpi preconfezionati del virus. Dopo 10 giorni, l'iniezione con il farmaco viene ripetuta.

Dopo il trasferimento della malattia si forma un'immunità naturale. A volte c'è un'infezione da portatore cronica.

Abbi cura di te!


| 22 maggio 2015 | | 2 479 | Malattie infettive
Lascia il tuo feedback