Scarico marrone dopo le mestruazioni, perché dopo le mestruazioni ci sono le secrezioni di colore marrone

Scarico marrone dopo le mestruazioni

contenuto:

Scarico marrone dopo le mestruazioni Lo scarico vaginale dopo la fine delle mestruazioni è uno dei reclami più frequenti di un appuntamento con un ginecologo. Questo non è sorprendente, perché ogni donna ragionevole dovrebbe prendersi cura della sua salute riproduttiva. In alcuni casi, l'aspetto della scarica marrone dopo la fine delle mestruazioni può indicare qualsiasi malattia nell'area genitale femminile.

Lo scarico bruno dal tratto genitale esterno prima e dopo i giorni critici è considerato normale, a meno che una donna non si lamenti di prurito nella zona genitale, bruciore durante la minzione e dolore nell'addome inferiore. Quando si verifica uno di questi sintomi, la donna dovrebbe consultare un ginecologo.



Scariche vaginali brune - la norma o patologia?

Nella maggior parte delle donne, le mestruazioni non durano più di 5-7 giorni. Le donne spesso si lamentano con i ginecologi che le loro mestruazioni sono appena finite, e c'è ancora uno scarico marroncino dalla vagina. Oppure, al contrario, le mestruazioni non erano ancora arrivate e apparve la scarica bruna.

I ginecologi dicono che la selezione del muco marrone dalla vagina nei 3 giorni successivi alla fine delle mestruazioni è la norma. Ciò è dovuto al fatto che il sangue negli ultimi giorni delle mestruazioni viene rilasciato lentamente e quando lascia la vagina ha il tempo di rannicchiarsi e diventare bruna.

Tuttavia, se lo scarico vaginale marrone continua per un lungo periodo dopo la fine del periodo mestruale, la donna dovrebbe immediatamente vedere un medico. Un tale sintomo può indicare la presenza di endometriosi o endometrite - lesioni infiammatorie della mucosa uterina.

L'endometrite è chiamata una malattia infiammatoria della mucosa uterina. La causa principale dello sviluppo di questa malattia è la penetrazione di microrganismi patogeni nell'utero: streptococchi, stafilococchi, pneumococchi. L'infezione si verifica durante l'aborto chirurgico, il parto, il curettage diagnostico del contenuto dell'utero. La forma acuta di endometrite è caratterizzata dalla comparsa di tali sintomi:

  • Secrezione vaginale marrone persistente dopo le mestruazioni;
  • Crampi dolorosi nell'addome inferiore;
  • Aumento della temperatura corporea;
  • Debolezza crescente

L'endometrite cronica non è brillante come la forma acuta, la temperatura della donna potrebbe non salire. La forma cronica della malattia si manifesta senza sintomi clinici marcati e spesso una donna si rivolge a un ginecologo con complicazioni quali sanguinamento mestruale prolungato e pesante, disturbi del ciclo e incapacità di rimanere incinta.

L'endometriosi è una malattia caratterizzata da un'anormale proliferazione del rivestimento uterino. Questa patologia è più suscettibile alle giovani donne in età riproduttiva. Le principali manifestazioni cliniche dell'endometriosi sono:

  • La comparsa di scarico marrone dal tratto genitale esterno per diversi giorni prima dell'inizio delle mestruazioni e per 10 o più giorni dopo la fine delle mestruazioni;
  • Mestruazioni abbondanti e prolungate;
  • Dolore addominale inferiore e parte bassa della schiena;
  • Disturbi del ciclo mestruale.

Se una donna non riesce a consultare un ginecologo in tempo, entrambe queste malattie possono portare alla sterilità. Solo un ginecologo può diagnosticare la malattia. Per chiarire la diagnosi, a una donna viene prescritta l'ecografia degli organi pelvici e la laparoscopia. La laparoscopia è il metodo più accurato per diagnosticare varie patologie dell'utero e consente non solo di esaminare gli organi interni attraverso un'immagine sullo schermo del monitor, ma anche di effettuare il trattamento necessario.

In alcuni casi, per confermare la diagnosi, a una donna viene prescritto un esame del sangue per i marcatori del cancro. Il trattamento tempestivo della donna da parte del medico e una terapia adeguata permettono di evitare varie complicazioni del sistema riproduttivo, che dà la possibilità di concepire e realizzare il bambino con successo.

Scariche vaginali brune dopo le mestruazioni possono verificarsi nelle donne a causa della progressione di una malattia pericolosa - iperplasia dell'endometrio. In assenza di un trattamento tempestivo e dell'ulteriore sviluppo del processo patologico nell'utero, la probabilità che la malattia entri nel tumore dell'utero aumenta nettamente.

Scarico vaginale bruno come sintomo di malattie ginecologiche

Scarico dalla vagina assolutamente sano in termini riproduttivi, le donne non hanno un odore pronunciato. L'odore sgradevole delle secrezioni appare come risultato della moltiplicazione dei batteri. Lo scarico vaginale marrone con un odore sgradevole può indicare la presenza nel corpo di una donna di agenti infettivi - clamidia, ureaplasma, virus dell'herpes simplex, micoplasma. Lo scarico marrone abbondante dopo le mestruazioni nelle donne può essere osservato con infezioni trasmesse sessualmente. Poiché le malattie sessualmente trasmissibili sono facilmente trasmesse attraverso il contatto sessuale, una donna dovrebbe contattare immediatamente un ginecologo e poi un venereologo per prevenire un'ulteriore diffusione dell'infezione. Per confermare la malattia una donna passa uno striscio vaginale.

Una delle probabili cause della comparsa di perdite vaginali marroni dopo le mestruazioni per una donna può essere una gravidanza ectopica, che è caratterizzata dall'inserimento dell'ovulo non nel rivestimento uterino, ma nella tuba di Falloppio, nell'ovaio o nella cavità addominale. Per confermare la diagnosi, il ginecologo invia una donna all'ecografia pelvica. L'unico metodo di trattamento di questa patologia è quello di rimuovere chirurgicamente l'ovulo dal corpo della donna. Stabilire il fatto della gravidanza ectopica nei primi termini eviterà la rimozione della tuba di Falloppio, che successivamente permetterà a una donna di sopportare con successo e dare alla luce il bambino desiderato.

Quando consultare un medico?

Quindi, il test di gravidanza ha mostrato un risultato positivo, ma dopo alcuni giorni la donna ha avuto uno scarico vaginale marrone. Per evitare complicazioni, una donna dovrebbe vedere un ginecologo il prima possibile. Se viene rilevata una gravidanza extrauterina, il ginecologo seleziona il trattamento più delicato.

L'apparizione delle perdite vaginali marroni una settimana dopo la fecondazione può essere definita normale. Questo sintomo indica l'introduzione dell'ovulo nel rivestimento dell'utero.

Contraccezione ormonale, come conseguenza dell'aspetto della scarica bruna nelle donne

Una delle cause frequenti della scarica bruna dopo le mestruazioni nelle donne è l'assunzione prolungata e incontrollata di contraccettivi orali combinati. La maggior parte delle donne trascurano il consiglio di un ginecologo quando scelgono una pillola contraccettiva e per molto tempo provano vari farmaci fino a trovare quello ideale per loro stessi. Tale attitudine al suo sistema riproduttivo può portare a disturbi gravi e disturbi ormonali. Una donna dovrebbe capire che le pillole anticoncezionali hanno un effetto su tutto il corpo, quindi prima di iniziare a prenderlo, è meglio consultare il medico e fare degli esami del sangue per determinare se questo farmaco è adatto a lei personalmente.

I ginecologi considerano accettabile l'aspetto della scarica bruna dopo le mestruazioni o nel mezzo del ciclo quando assumono contraccettivi orali, tuttavia, se lo scarico non è abbondante e dura non più di 5-7 giorni. Se la scarica bruna dura più a lungo, la donna dovrebbe consultare un ginecologo per escludere malattie infiammatorie e veneree degli organi riproduttivi.

Da tutto quanto sopra, possiamo concludere che ci sono molte ragioni per l'aspetto delle secrezioni brune dal tratto genitale esterno dopo la fine delle mestruazioni. In alcuni casi, tali secrezioni sono la norma e non richiedono un intervento medico. A volte lo scarico marrone può essere un sintomo di gravi patologie ginecologiche, pertanto, la mancanza di trattamento nella fase iniziale della patologia può causare danni irreparabili alla salute delle donne.

Con l'apparenza di perdite vaginali marroni, che sono accompagnate da dolore al basso ventre, irregolarità mestruali, abbondanti e prolungate mestruazioni e odore sgradevole, una donna dovrebbe consultare un medico il prima possibile. Solo un ginecologo esperto sarà in grado di identificare la causa del verificarsi di tale dimissione e, se necessario, prescriverà un trattamento adeguato alla donna.

Al fine di prevenire lo sviluppo di malattie degli organi dell'apparato riproduttivo di una donna, i medici raccomandano di visitare l'ufficio del ginecologo due volte all'anno.


| 5 ottobre 2014 | | 14 309 | Malattie nelle donne
  • | Zhenya | 17 agosto 2015

    Già il quarto giorno dopo le mestruazioni, ho delle macchie marroni e un odore sgradevole.Che cosa potrebbe essere?

Lascia il tuo feedback