Sanguinamento, cause di sanguinamento nelle donne

Individuazione delle donne: cause

contenuto:

smacchiatura La maggior parte del buon sesso crede che l'apparizione di qualsiasi scarica dal tratto genitale esterno sia un segno di infezione, e quindi cerca di sbarazzarsi di loro con tutte le loro forze. Questa è un'idea assolutamente sbagliata, e i tentativi di eliminare le perdite vaginali non sono solo inutili, ma in alcuni casi anche pericolosi per la salute delle donne.

L'aspetto nelle donne di scarico sanguinoso dalla vagina occupa un posto speciale in ginecologia, dal momento che la mescolanza di sangue nelle secrezioni vaginali è spesso un segno di un processo infiammatorio negli organi riproduttivi.



Sanguinamento vaginale - norma o patologia?

È considerato normale in ginecologia scaricare il sangue dalla vagina pochi giorni prima dell'inizio delle mestruazioni: all'inizio la scarsità è molto scarsa, ma gradualmente si sviluppa in un sanguinamento mestruale pesante. Il sanguinamento dal tratto genitale può essere osservato per diversi giorni dopo la fine delle mestruazioni. Tali fenomeni sono considerati normali e non richiedono l'aiuto di un ginecologo.

L'apparizione di una scarica sanguinolenta marrone o nera è un segnale per la distruzione dei globuli rossi nell'utero. La causa di questa condizione può essere malattie infiammatorie e infettive dell'utero e delle sue appendici. Per prevenire lo sviluppo di complicazioni, una donna dovrebbe consultare un medico il più presto possibile.

L'apparizione di un sanguinolento sanguinamento sanguigno dal tratto genitale, non associato all'inizio o alla fine delle mestruazioni, può segnalare le seguenti patologie:

  • Erosione cervicale ;
  • Interruzione del ciclo mestruale;
  • endometriosi;
  • Cancro cervicale;
  • Polipi cervicali

Con un processo infiammatorio progressivo negli organi riproduttivi di una donna, il sanguinamento dalla vagina può essere miscelato con pus e avere un odore fetido.

Sanguinamento nelle donne nel mezzo del ciclo mestruale

Una delle cause comuni della comparsa di sanguinamento nel mezzo del ciclo mestruale è un brusco cambiamento nel livello dell'ormone estrogeno nel sangue. Il livello di questo ormone aumenta durante la prontezza dell'uovo per la fecondazione (ovulazione). Poiché l'estrogeno influisce direttamente sulla membrana mucosa dell'utero, la comparsa di sanguinamento sanguinante durante l'ovulazione è la norma fisiologica, ma molti ginecologi insistono ancora sulla correzione medica di tali picchi ormonali.

Scarico marrone scarso dal tratto genitale nel mezzo del ciclo mestruale può verificarsi quando:

  • Dispositivo intrauterino installato;
  • Contraccettivi orali ormonali;
  • Interventi ginecologici (cauterizzazione dell'erosione, colposcopia);
  • Infiammazione cronica del rivestimento dell'utero;
  • Un aborto spontaneo minaccioso;
  • Tumori dei genitali.



Sanguinamento dalle donne durante la gravidanza

La comparsa di un lieve sanguinamento scarso al momento dell'introduzione di un ovulo fecondato nella mucosa uterina è considerata normale. Questo sintomo è associato a danni microscopici a piccoli vasi sanguigni e non richiede un intervento medico. Molto spesso, il cosiddetto sanguinamento da impianto viene osservato una settimana prima della data della mestruazione proposta.

In ogni altro caso, la comparsa di sanguinamento in una donna incinta è un segnale per un ricorso immediato a un ginecologo. Questo vale per qualsiasi periodo di gravidanza, indipendentemente dalla quantità, dalla natura e dal colore delle secrezioni. Le cause più comuni di sanguinamento durante la gravidanza sono:

  • La minaccia di aborto spontaneo;
  • Distacco della placenta parziale;
  • Placenta previa;
  • La minaccia della nascita pretermine.

Il sanguinamento minaccioso di solito brunisce in piccole quantità.

Importante: se durante la gravidanza si verificano perdite di sangue dalla vagina, una donna dovrebbe immediatamente rivolgersi a un medico!

Il pericolo di tali secrezioni durante la gestazione è che possono aumentare drasticamente, il che è gravido di terribili conseguenze sia per il bambino che per la futura mamma. Urge chiamare un'ambulanza se il sanguinamento è accompagnato dai seguenti sintomi:

  • vertigini;
  • palpitazioni cardiache;
  • Debolezza crescente;
  • Pallore della pelle;
  • Dolore addominale;
  • Sudorazione eccessiva.

Tali sintomi possono essere un segno di distacco della placenta e lo sviluppo di emorragia interna.

Indipendentemente dalla quantità di sanguinamento durante la gravidanza, la madre in attesa è consigliata riposo a letto e l'assenza di stress e ansia. Di norma, i ginecologi insistono sul ricovero in ospedale, quindi una donna non dovrebbe rifiutare l'ospedale per non esporre il bambino a rischi indebiti.

Blood spotting nelle donne nel primo trimestre di gravidanza

L'apparizione di perdite vaginali con sangue nelle prime fasi della gravidanza può indicare un aborto spontaneo. Per prevenire la minaccia di aborti spontanei e salvare la vita del feto, una donna viene inviata al dipartimento di ginecologia dell'ospedale di maternità. Non trascurare il ricovero in ospedale, dal momento che solo un ginecologo esperto può determinare se l'embrione è vitale e quanti la percentuale di placenta si è esfoliata. Solo in un ambiente ospedaliero un dottore può aiutare una donna incinta a salvare una piccola vita.

Avvistamento in tarda gravidanza

L'aspetto delle perdite vaginali con sangue nella tarda gravidanza può essere un sintomo di distacco della placenta e richiede cure mediche immediate per non ossigenare il bambino.

La comparsa di sanguinamento dopo 37 settimane di gravidanza non dovrebbe spaventare la donna incinta, molto probabilmente, la donna inizia a muovere il tappo del muco che impedisce la penetrazione di microrganismi patologici nell'utero. L'apparizione di tali secrezioni significa che il parto arriverà molto presto - in alcune donne in 2-48 ore e in altre in 3-4 giorni. Tuttavia, nonostante il fatto che il sanguinamento nelle ultime settimane di gravidanza, di norma, non sia pericoloso per la donna e il feto, è necessario comunicarlo al medico!

Il sanguinamento delle donne dopo il parto è una norma o una patologia?

Normalmente, la perdita di sangue dalle donne dopo il parto è di colore rosa e ricorda il sangue. In ginecologia, tali secrezioni sono chiamate lochia e possono continuare per una donna in travaglio per altre 4-6 settimane dal momento della consegna. Il primo giorno l'emorragia è abbastanza luminosa, simile a sanguinamento mestruale, con una mescolanza di muco, ma ogni giorno diventano più leggeri e più trasparenti. A poco a poco, lo scarico postpartum diventa giallastro, simile all'apparenza bianco d'uovo, striato o mescolato con sangue. Già 3-4 settimane dopo il parto, la lochia acquisisce un carattere macchiante.

Se la lochia non si ferma per più di 6 settimane, la donna dovrebbe consultare un ginecologo. In alcuni casi, il periodo postpartum può essere ritardato per 8 settimane.

La ragione per la visita immediata al ginecologo è un cambiamento nella natura dell'emorragia, se con una quasi trasparente, diventano di nuovo rosso vivo, scarlatto, marrone, con un odore sgradevole. L'aspetto di un odore sgradevole proveniente dalla scarica e il dolore nell'addome inferiore, di norma, indicano la penetrazione della flora batterica patologica nella mucosa uterina, che causa l'endometrite postpartum.

Individuare le donne dopo l'esame ginecologico

Molto spesso, le donne lamentano che dopo un esame ginecologico della cervice, hanno sviluppato il sanguinamento dal tratto genitale. Scariche vaginali vaginali con una miscela di sangue è una condizione accettabile dopo un esame su una sedia ginecologica. Ciò è dovuto al trauma dei piccoli vasi sanguigni durante la raccolta di strisci o altre procedure diagnostiche. Non ti preoccupare, tale scarica cessa nel giro di poche ore dopo l'ispezione. Tuttavia, se una donna ha dolore nell'addome inferiore, prurito degli organi genitali esterni e aumento delle perdite vaginali, è urgente consultare un medico. Questi sintomi possono indicare infezione durante l'esame o l'uso di attrezzature mediche non trattate dal ginecologo.

I rappresentanti del gentil sesso dovrebbero essere attenti alla loro salute, quindi l'apparizione di eventuali perdite vaginali allarmanti dovrebbe essere un motivo per consultare uno specialista.


| 5 ottobre 2014 | | 7.239 | Malattie nelle donne
Lascia il tuo feedback