Leucociti nel sangue: la norma in un bambino, uomini e donne

Il tasso di leucociti nel sangue

contenuto:

Leucociti nella frequenza del sangue I leucociti sono chiamati globuli bianchi, anche se in realtà non hanno un colore. Sono un gruppo di cellule che si differenziano per aspetto e funzione.

La funzione principale dei globuli bianchi è quella di proteggere il corpo. Posseggono proprietà antimicrobiche, anticorpali e antitossiche, svolgono una protezione specifica e non specifica dei sistemi e degli organi contro gli agenti dannosi interni ed esterni e prevengono anche il verificarsi di processi patologici.

Tutti i tipi di cellule leucocitarie si muovono attivamente, penetrano facilmente attraverso le pareti dei vasi sanguigni e penetrano nei tessuti. Il fagocito e la pinocitosi vengono effettuati direttamente nei tessuti.

La fagocitosi è il processo di assorbimento e digestione di particelle estranee e detriti di cellule distrutte. Di conseguenza, la funzione viene eseguita dai fagociti.

La pinocitosi è l'assorbimento di sostanze liquide che sono dannose per il corpo e viene effettuata dai pinociti.

Se i fagociti devono assorbire troppi frammenti estranei, aumentano più volte e poi scoppiano, provocando una reazione infiammatoria locale dal rilascio di "immondizia". Questo si manifesta con arrossamento, gonfiore e febbre nel sito di infiammazione.

Il processo infiammatorio, a sua volta, contribuisce all'accumulo di globuli bianchi in questo luogo e inizia la lotta tra difensori e parassiti del corpo. Eseguendo una funzione protettiva, i leucociti muoiono in grandi quantità. La formazione di pus in varie lesioni di tessuti e organi si verifica a causa dell'accumulo di leucociti morti in questo luogo.



Tipi di leucociti

I globuli bianchi differiscono per funzione, origine e parametri esterni.

Sono divisi in due grandi gruppi principali:

1. I granulociti (i leucociti granulari) hanno nuclei segmentati, grandi e il citoplasma ha una struttura specifica, granulare. Il gruppo dei granulociti comprende:

  • neutrofili;
  • basofili;
  • Eosinofili.

2. Gli agranulociti (leucociti non granulari) sono portatori di un nucleo semplice e non possiedono un citoplasma granulare. Sono divisi in:

  • monociti;
  • Linfociti.

I granulociti sono chiamati segmentati, perché i loro nuclei hanno costrizioni che formano diversi segmenti distinti. Nelle cellule che non hanno ancora raggiunto la maturità, il nucleo ha l'apparenza di bastoncelli, quindi sono chiamati granulociti pugni neutrofili. Abbastanza neutrofili "giovani" hanno ricevuto il nome "metamyelocytes".

Il contenuto di neutrofili segmentati nel sangue dovrebbe essere maggiore della giovane, banda. Ma i metamelociti sono molto rari.

A seconda del numero di diversi tipi di leucociti nel sangue, è possibile valutare il grado di intensità della formazione del sangue.

In caso di perdita di un grande volume di sangue, il corpo inizia a riprodursi intensivamente e getta un gran numero di leucociti nel flusso sanguigno. In questo momento, il contenuto di forme giovani nel sangue aumenta, poiché i leucociti non hanno abbastanza tempo per completare la maturazione nelle strutture del midollo osseo.

Un quadro simile si verifica quando si verificano malattie purulente, sepsi e leucemia. Con la leucemia, il corpo non tenta di ricostituire il numero di globuli bianchi, solo le cellule stesse cominciano a dividersi in modo incontrollabile.

Funzione delle cellule dei leucociti

Ognuno dei cinque tipi di globuli bianchi svolge la propria missione.

I neutrofili sono progettati per proteggere il corpo dagli agenti infettivi e virali. Hanno la capacità di fagocitare e pinocitosi e producono anche sostanze antimicrobiche speciali.

Nelle malattie infettive, i neutrofili si accumulano in grandi quantità nella sede del nidus del processo patologico. Quando muoiono, formano pus.

Riducendo il numero di neutrofili, la presenza di tali malattie infettive come:

  • Tubercolosi ;
  • l'epatite;
  • Febbre tifoidea;
  • influenza;
  • il morbillo;
  • rosolia;
  • la malaria;
  • Lupus eritematoso;

Oltre a radiazioni e danni chimici al corpo aiuta a ridurre il contenuto di neutrofili nel sangue.

L'aumento del numero di granulociti neutrofili indica la presenza di un'altra infiammazione infettiva:

  • la polmonite;
  • pielonefrite;
  • appendicite;
  • Diversi tipi di ascessi;
  • la meningite;
  • Angina ;
  • Sepsi.

Un'immagine simile si verifica quando:

  • ustioni;
  • Infarto miocardico;
  • Avvelenamento da piombo;
  • Perdita di grandi quantità di sangue;
  • Leucemia.

Il numero di neutrofili varia a seconda della presenza di un agente estraneo nel corpo e della gravità della malattia sviluppata. Grazie a ciò, secondo le analisi del sangue del paziente, si può giudicare lo stato della sua salute.

Gli eosinofili iniziano ad agire quando si verificano malattie allergiche. Allo stesso tempo distruggono l'eccesso di istamina, che viene prodotto in questi casi.

Con la sconfitta del corpo da parte dei vermi, gli eosinofili penetrano nell'intestino e si rompono, formando sostanze tossiche per i vermi.

Il numero di eosinofili aumenta con:

  • Asma bronchiale;
  • Il verificarsi di reazioni allergiche del corpo;
  • Infezione umana con parassiti (echinococco, nematodi, Giardia);
  • Tumori e leucemia.

I basofili supportano la normale circolazione sanguigna nei piccoli capillari, partecipano alla loro formazione e migliorano i processi metabolici. Sono in grado di aiutare altre cellule dei leucociti a penetrare nei tessuti necessari ea proteggere la pelle e le mucose quando sono infetti da zecche ed elminti.

Ma la peculiarità dei basofili può essere considerata come partecipazione al processo di formazione di una reazione allergica del corpo. Se gli eosinofili svolgono allo stesso tempo una funzione protettiva, i basofili aiutano a svolgere il processo stesso.

I linfociti pattugliano il corpo umano e controllano se microbi e molecole estranee vi sono penetrati, se le loro cellule hanno cessato di essere fornite al controllo (se non hanno subito mutazioni o riproduzione sfrenata, formando tumori).

I principali informatori - i macrofagi - si muovono attraverso tutti gli organi e sistemi, raccogliendo "campioni" di tessuti sospetti e consegnandoli ai linfociti. Se i sospetti sono ragionevoli, i linfociti danno un segnale sulla necessità di rafforzare le difese del corpo.

Il contenuto quantitativo dei linfociti nel sangue aumenta con la mononucleosi e alcune malattie infettive. Una diminuzione del loro numero indica la presenza di:

  • Gravi malattie virali;
  • Tumore maligno;
  • Stato di immunodeficienza del corpo.

Inoltre, quando si assumono glucocorticoidi, il numero di linfociti può diminuire.

I monociti sono cellule leucocitarie di insufficiente maturità. Nel corso del tempo, si trasformano in macrofagi e iniziano le loro funzioni di base.

Il numero di monociti aumenta con le malattie infettive. Con il loro aiuto, è possibile valutare le dinamiche della malattia e l'efficacia del trattamento, assegnando test ripetuti dopo un certo periodo di tempo.

Che cos'è una formula di leucociti?

La formula dei leucociti è la percentuale di diversi tipi di leucociti nel sangue. È contato su un centinaio di cellule di leucociti e può aiutare a rilevare la presenza o l'assenza di malattie nel corpo umano.

Un aumento del numero dei leucociti è chiamato leucocitosi e una diminuzione è chiamata leucopenia.

Leucocitosi si verifica in presenza di malattie infettive e infiammatorie. Si sviluppa entro poche ore dopo i danni al corpo da virus e batteri. Questa è una normale reazione di un sistema immunitario sano. Ma, se l'immunità viene abbassata, il numero di leucociti diminuisce in risposta all'invasione di agenti stranieri e si verifica la leucopenia. Un tale stato di formula dei leucociti indica l'esaurimento del corpo e l'incapacità del sistema immunitario di combattere da soli.

Il medico, quando studia le analisi, può indicare uno spostamento nella formula dei leucociti a sinistra. Ciò significa un aumento della conta dei neutrofili nel sangue.

Norme di leucociti nel sangue di bambini, uomini e donne

Il contenuto dei leucociti e delle singole cellule leucocitarie nel sangue dipende dall'età della persona.

Il numero totale di leucociti nel sangue:

  1. Se il bambino ha meno di un anno: 6,00-17,50 mila / μl.
  2. Al raggiungimento dell'età di uno - due anni: 6,00-17,00 mila / μl.
  3. Da due a quattro anni: 5,50-15,50 mila / μl.
  4. Da quattro a sei anni: 5,00-14,50 mila / ml.
  5. Da sei a dieci anni: 4,50,50,50 / μl.
  6. Da dieci a sedici anni: 4,50-13,00 mila / ml.
  7. In donne e uomini a qualsiasi età: 4,50-11,00 mila / ml.
  8. Nelle donne in gravidanza - 4.00-9.00 mila / μl

Se le analisi mostrano il livello dei leucociti, che è entro i limiti specificati, allora il contenuto totale delle cellule leucocitarie nel sangue non è oltre il normale.

Va tenuto presente che questi valori rappresentano una combinazione di neutrofili, basofili, eosinofili, linfociti e monociti. Per ciascuna di queste cellule ha i suoi indicatori della norma.

Il contenuto di neutrofili da stab dovrebbe essere sempre nell'intervallo 1-6%. E il numero di core segmentato dipende dall'età:

  1. Fino a due settimane: 31-56%.
  2. Da due settimane a un anno: 17-51%.
  3. Da uno a due anni: 29-54%.
  4. Da due a cinque anni: 33-61%.
  5. Da cinque a sette anni: 39-64%.
  6. Da sette a nove anni: 42-64%.
  7. Da nove a undici anni: 44-66%.
  8. Da undici a quindici anni: 46-66%.
  9. Oltre i quindici anni: 48-78%.

Sebbene il livello generale dei leucociti nel sangue diminuisca con l'età, al contrario, la percentuale di neutrofili aumenta.

I linfociti ricevono anche una percentuale abbastanza ampia della massa totale:

  1. Fino a due settimane: 22-55%.
  2. Da due settimane a un anno: 45-70%.
  3. Da uno a due anni: 37-60%.
  4. Da due a cinque anni: 33-55%.
  5. Da sei a sette anni: 30-50%.
  6. Otto anni: 30-50%.
  7. Da nove a undici anni: 30-46%.
  8. Da dodici a quindici anni: 30-45%.
  9. Oltre i quindici anni: 19-37%.

Sulla base di questi indicatori, si può concludere che nel primo anno di vita, la percentuale di linfociti aumenta drasticamente, per poi diminuire gradualmente fino all'adolescenza.

Gli eosinofili sono presenti in una quantità non superiore al 7%, indipendentemente dall'età. Se sono compresi nell'intervallo 1-7% delle analisi, non si osserva né aumento né diminuzione del numero di eosinofili.

Analogamente ai basofili, i valori di riferimento dovrebbero essere compresi nell'1%.

Ci sono un po 'più di monociti nel sangue rispetto ai basofili e agli eosinofili. Fino a quando non raggiungono le due settimane di età, dovrebbe esserci almeno il 5-15% del numero totale di leucociti. Entro un anno, i valori di riferimento sono ridotti al 4-10% e rimangono entro questi limiti per tutta la vita.

L'aumento o la diminuzione del livello complessivo dei leucociti o delle singole cellule dei leucociti è associato alla presenza di un processo patologico nel corpo o ad una diminuzione delle sue proprietà protettive. In entrambi i casi, è auspicabile condurre un sondaggio e scoprire la causa delle violazioni della leucopoiesi.

leucocitosi

Quando leucocitosi aumenta il contenuto totale di leucociti nel sangue. Questa condizione è spesso associata a una compromissione della maturazione delle cellule dei leucociti e alla formazione di globuli bianchi con alterazioni patologiche.

Ci sono:

  1. La leucocitosi assoluta è quando il numero di globuli bianchi aumenta a seguito dell'irradiazione del corpo o della formazione di tumori negli organi che formano il sangue, così come la loro ammissione nel flusso sanguigno dei depositi di midollo osseo (dalle riserve del corpo).
  2. Leucocitosi relativa è caratterizzata da un aumento del numero di leucociti nel sito di infiammazione.

Leucocitosi, a sua volta, è divisa in:

  • neutrofilìa;
  • eosinofilia;
  • basofili;
  • linfocitosi;
  • Monocitosi.

Quando neutrofilia e monocitosi aumentano l'attività fagocitaria dei leucociti e l'eosinofilia contribuisce al sollievo delle reazioni allergiche.

E con la leucemia, la leucocitosi può essere combinata con una diminuzione delle difese del corpo, se la storia è aggravata da infezione secondaria o autoinfettiva.

Le principali cause della leucocitosi :

  • Le infezioni sono la causa più comune di leucocitosi;
  • Il processo infiammatorio nel corpo;
  • Danni a tessuti e organi di qualsiasi natura;
  • La malnutrizione;
  • Risposta immunitaria a malattie croniche;
  • Interruzione delle strutture del midollo osseo;
  • Forte stress psicologico e fisico a lungo termine;
  • Antidepressivi, antibiotici e glucocorticoidi;

Quali sono i sintomi della leucocitosi?

Un lieve aumento del numero di leucociti con lesioni lievi del corpo o di uno stadio precoce di malattia può essere asintomatico. Ma in caso di progressione riuscita di fattori causali, la leucocitosi si fa sentire. Alcuni non prestano attenzione ai fastidiosi sintomi dell'attenzione, considerando la loro condizione come un fenomeno temporaneo.

Leucocitosi si manifesta:

  • Debolezza, stanchezza e malessere irragionevoli;
  • Svenimento, vertigini, aumento della sudorazione;
  • Dolori agli arti e nella cavità addominale;
  • Visione alterata;
  • Cattivo appetito e perdita di peso;
  • Il verificarsi di mancanza di respiro.

Trattamento con leucocitosi

Il trattamento della leucocitosi si basa principalmente sull'eliminazione del fattore eziologico (causa).

Se un aumento del numero di leucociti è causato da un'infezione, è consigliabile prescrivere antibiotici. Per le malattie infiammatorie, gli steroidi sono usati per ridurre il contenuto di cellule leucocitarie nel sangue. Cioè, non è lo stato di leucocitosi che viene trattato, ma la malattia che lo ha causato.

In alcuni casi, eseguono la leucoforesi, cioè prendono il sangue da un paziente, prendono i leucociti da esso e lo reinfondono in una vena.

Alcune malattie, in cui aumenta il livello dei leucociti, non sono praticamente curabili.

Ad esempio, la leucemia (tumore del sangue o leucemia), che si trova in una fase avanzata, porta spesso alla morte.

Per proteggersi da tali malattie, dovresti fare un esame del sangue ogni sei mesi e controllare il livello dei globuli bianchi nel tuo corpo.

leucopenia

La leucopenia è una diminuzione del numero totale di leucociti nel sangue. In rari casi, questa condizione si manifesta come una sindrome indipendente, ma più spesso è un segno ematologico a breve termine della malattia (è un sintomo).

Cause di leucopenia

La leucopenia si manifesta per una serie di motivi, ma la causa più frequente è la presenza di malattie del sangue, malattie virali e infettive nella fase avanzata.

Inoltre, provocare leucopenia:

  • Interruzione dei processi di produzione dei leucociti;
  • Carenza di rame, ferro, vitamine B1, B9, B12, in quanto sono necessari per la maturazione dei leucociti e la loro proliferazione;
  • Lesioni tossiche e virali, così come tumori delle cellule cerebrali responsabili della formazione di cellule leucocitarie;
  • Vari tipi di danni al midollo osseo e alle cellule staminali.

I sintomi della leucopenia

Lo stadio iniziale, così come in ogni malattia, non rileva alcun sintomo luminoso. Con progressione graduale, l'intensità dei segni di leucopenia aumenta:

  • Mal di testa;
  • Debolezza e stanchezza;
  • vertigini;

Questi sintomi non prestano molta attenzione, considerando questa condizione come conseguenza dell'affaticamento generale. Nel frattempo, lo stato sta rapidamente peggiorando. appaiono:

  • l'emicrania;
  • febbre;
  • Aumento della frequenza cardiaca;
  • brividi;
  • Preoccupazione generale

Negli organi di digestione, con leucopenia, si trovano spesso lesioni erosive e ulcerative della membrana mucosa. Un processo infiammatorio si verifica nella cavità orale. Nelle ghiandole di malattie infettive aumentano i linfonodi e la milza.

Sintomi simili possono accompagnare altre malattie, quindi la leucopenia deve essere confermata con un esame del sangue generale.

Come diagnosticare e curare la leucopenia?

La diagnosi viene eseguita in base ai risultati dell'analisi del sangue generale. Se viene rilevata la leucopenia, è necessario consultare immediatamente un medico, scoprire le cause e iniziare il trattamento il prima possibile.

Oggigiorno ci sono molti farmaci che stimolano la leucopoiesi (il processo di formazione dei leucociti). I seguenti farmaci possono aiutare con leucopenia di gravità moderata:

  • Nucleo di sodio;
  • Leucogen;
  • Batilol;
  • Pentossido.

Nel caso di un'infezione batterica, vengono prescritti antibiotici ad ampio spettro.

Lo stadio avanzato della leucopenia richiede l'uso della chemioterapia. Dopo aver completato il corso delle procedure, al paziente viene prescritto Lenograstim, Filgrastim o Sargrammost.

Il complesso del trattamento conservativo include necessariamente complessi vitaminici e minerali e prescrive una dieta rigorosa, che si basa su un'alimentazione corretta e sana. I cibi grassi, i dolci, le bevande gassate e il fast food sono esclusi dalla dieta del paziente.

Il trattamento della leucopenia è lungo e richiede pazienza e qualche sforzo. Tuttavia, non possono essere trascurati. In uno stato di abbandono, leucopenia può portare a gravi conseguenze o addirittura alla morte.


| 23 marzo 2014 | | 13 757 | Esame del sangue
Lascia il tuo feedback