Pericoronite: sintomi e trattamento

Pericoronite: sintomi e trattamento

contenuto:

La malattia chiamata pericoronite è un processo infiammatorio nei tessuti gengivali che circonda un dente da dentizione. Se l'eruzione viene ritardata, la gomma viene parzialmente esfoliata dal dente e si forma un cappuccio sopra il dente. Sotto il cofano si accumulano detriti alimentari e si moltiplicano gli agenti patogeni. Di conseguenza, si sviluppa un processo infiammatorio, chiamato pericoronarite.

Se non trattata, la pericoronite può essere complicata da malattie piuttosto gravi, quindi non è necessario posticipare una visita dal dentista se si sospetta una infiammazione delle gengive su un dente sporgente.

La classificazione della pericoronarite è piuttosto scarsa.

Emettere a valle:

  • Fase acuta;
  • fase cronica.

E nella forma della malattia si distinguono:

  • forma catarrale;
  • forma purulenta.



Cause della pericoronarite

Nella maggior parte dei casi, la pericoronarite è accompagnata dall'eruzione degli ottavi (denti del giudizio). Questo fatto è dovuto al fatto che i denti del giudizio eruttano dopo che la dentatura è completamente formata e il resto dei denti "prende il posto". Alla fine della dentatura, spesso non c'è spazio per un'altra unità dentale, ei denti del giudizio rimangono parzialmente nascosti dalla gengiva, e talvolta dalla mandibola.

Più tardi inizia il processo di eruzione dell'ottavo dente, più difficile e doloroso è. E all'età di 16-20 anni, i denti del giudizio possono scoppiare completamente inosservati dal paziente.

Ci sono diversi punti che determinano le cause della pericoronarite:

  1. Danneggiamento della membrana mucosa delle gengive sotto forma di piccole ulcere ed erosione superficiale;
  2. Lesioni di tessuti molli sopra il germe del dente con cibo solido o uno spazzolino da denti duro;
  3. Creare condizioni favorevoli per l'accumulo di cibo e la riproduzione di microbi patogeni sotto la cappa gengivale, coprendo parzialmente o completamente il dente;
  4. Dentizione duratura e difficile.

Le ragioni della difficile eruzione, a loro volta, possono essere:

  • Elevata densità ossea del processo alveolare nell'area dell'eruzione del dente del giudizio. Questa situazione è dovuta al fatto che non ci sono denti da latte alla proiezione dell'ottavo dente e l'osso è compatto e indurito;
  • La situazione in cui per il terzo molare (dente del giudizio) non ci sono abbastanza posti nella dentatura.
  • Ispessimento del periostio (formazione del tessuto connettivo che copre la mascella) e gengive nella parte posteriore della mascella.

A causa della presenza di uno o più dei suddetti articoli, si creano condizioni favorevoli per lo sviluppo della pericoronarite.

Il meccanismo di sviluppo della pericoronarite

Le cause dell'infiammazione sono patogeni.

Un cappuccio mucoso o periostale è sospeso sul rudimento del dente. Tra la superficie masticatoria del dente e il cappuccio c'è uno spazio in cui i detriti si accumulano e iniziano a fermentare. Questo è l'ambiente più favorevole per i batteri che causano una reazione infiammatoria. I microrganismi iniziano a moltiplicarsi ad un ritmo accelerato ed emettono rifiuti tossici.

Il risultato dell'attività dei batteri è la comparsa di edema, iperemia e sensazioni dolorose su un dente da taglio.

I sintomi della pericoronarite

L'insorgenza della malattia si fa sentire con l'aiuto di dolori doloranti nei tessuti molli sopra il dente in eruzione. Nei prossimi giorni, il dolore si intensifica, rendendo difficile masticare il lato colpito. Il paziente ha dolore quando apre la bocca e, in alcuni casi, quando deglutisce.

A poco a poco, compaiono i sintomi di infiammazione:

  • Il tessuto si piega sopra il germe del dente gonfia;
  • C'è un dolore acuto e dolente quando viene toccato il sito di infiammazione, che può irradiarsi (essere dato) alla regione temporale o al padiglione auricolare;
  • C'è rossore nel sito di infiammazione;
  • Edema delle guance visibile dall'esterno.

La condizione del paziente nella fase acuta, nella maggior parte dei casi, rimane soddisfacente. In rari casi, la temperatura corporea può salire a valori subfebrilla (37-37,5 gradi Celsius), si verificano mal di testa.

Nel caso in cui il paziente abbia subito uno stadio acuto senza rivolgersi al dentista, i sintomi della malattia si attenuano un po 'e inizia la fase cronica. Se c'è uno sbocco aperto per lo scarico purulento, il processo patologico procede senza un sintomo ricco, il che dà al paziente un falso senso di miglioramento. Infatti, l'infezione si diffonde gradualmente ai tessuti circostanti, aumentando l'area di infiammazione.

La fase cronica della pericoronarite è caratterizzata dalla presenza di disturbi di dolore e disagio ricorrenti nell'area dell'infiammazione durante la masticazione e la deglutizione.

La pericoronite purulenta cronica è accompagnata da un odore sgradevole dalla bocca, poiché l'essudato purulento si forma nel fuoco infiammatorio ed è secreto nella cavità orale.

Alla palpazione della regione sottomandibolare può essere rilevata la linfoadenite (un aumento dei linfonodi regionali) accompagnata da sensazioni dolorose.

La membrana mucosa sul dente da taglio, con la forma cronica è iperemica ed edematosa in misura ridotta.

Cosa può essere confuso perikoronarit?

La pericoronite ha sintomi simili con pulpite e parodontite, quindi è necessario conoscere le differenze per una diagnosi certa della malattia.

  1. Nella pulpite acuta, come nella pericoronite, possono esserci dolori acuti che si irradiano alla regione temporale e al padiglione auricolare. Ma non si osserva l'apertura ostruita della bocca, arrossamento, secrezione purulenta o sierosa e gonfiore delle gengive, che è tipico per la pericoronite.
  2. La parodontite cronica e la parodontite granulomatosa sono caratterizzate dalla comparsa di arrossamento e gonfiore delle gengive durante l'esacerbazione. Ci può essere una fistola con scarico purulento. Ma, a differenza del perikoronarita, la parodontite si verifica solo dopo una completa eruzione del dente. L'evidenza finale per la presenza di una o di un'altra malattia può essere un esame a raggi X.

Il dentista diagnostica la pericoronarite in base ai reclami del paziente e ai sintomi presenti. Dopo un'accurata determinazione della malattia, rimane da prescrivere il trattamento corretto.

Trattamento della pericoronarite

Perikoronarit Il piano di trattamento dipende dal fatto che il dente causativo debba essere conservato o meno. Il trattamento può includere l'estrazione del dente o l'escissione del cappuccio periostale.

Per prendere la decisione finale, il medico deve condurre un esame approfondito, tra cui un'immagine a raggi X.

L'escissione del cappuccio mucoso (o mucoperiosteale) viene eseguita mentre il dente è conservato ed è una procedura chirurgica abbastanza semplice. Consiste nella rimozione chirurgica delle pieghe mucose, in cui si accumula il cibo. Eliminando il terreno fertile per i batteri, si evita la recidiva della pericoronarite.

L'asportazione della cappa viene eseguita nello studio dentistico secondo i seguenti punti:

  1. Anestesia locale con anestetici;
  2. Trattamento antisettico delle gengive nell'area dell'infiammazione;
  3. Asportazione di tessuti molli appesi sopra il dente con un bisturi o forbici chirurgiche;
  4. Lavare la superficie della ferita con soluzioni antisettiche;
  5. Trattamento di ferite con agenti emostatici;
  6. Sovrapposizione dell'area trattata delle gengive iodoform turunda.

Dopo il completamento dell'operazione, i bagni antisettici orali sono raccomandati per il paziente (risciacquo con clorexidina o con soluzione salina e soda) e, se necessario, con antibiotici.

L'estrazione del dente è la soluzione più appropriata nei seguenti casi:

  1. Quando il dente non riesce a tagliare completamente a causa della mancanza di spazio sufficiente nella dentatura. Un caso del genere si verifica quando c'è una mascella inferiore accorciata.
  2. Se il dente causativo si trova storto e poggia contro i denti adiacenti o il tessuto osseo del processo alveolare con la sua superficie da masticare, diventa impossibile l'opzione con la conservazione del dente. Tale dente non sarà in grado di soddisfare il suo scopo funzionale e deve essere rimosso.
  3. Quando manca un antagonista sulla mascella opposta rispetto a un dente che sta tagliando, il suo valore funzionale viene drasticamente ridotto. Ma questa situazione è controverso se rimuovere un dente. O salvalo. Il dentista deve prendere la decisione più razionale in base alla situazione.
  4. Casi in cui la gengiva ha caratteristiche anatomiche che impediscono la cessazione definitiva del processo infiammatorio e contribuiscono a una recidiva permanente anche dopo l'escissione del cappuccio.
  5. Frequenti recidive di pericoronarite per vari motivi.

La pericoronite non può essere curata con metodi terapeutici. La terapia può essere presente nel complesso di trattamento, ma gli interventi chirurgici rimangono i principali modi per eliminare la malattia.

È possibile curare la pericoronite a casa?

Molti pazienti sono interessati alla domanda: è possibile curare la pericoronite da soli senza andare dal medico? Ciò è particolarmente preoccupante per coloro che hanno paura del panico nei confronti di persone in camice bianco o che hanno paura della poltrona.

Il problema è che è improbabile che almeno una persona sia in grado di tagliare la parte extra delle gengive nella sua bocca o di estrarre il suo dente molare. Anche assumendo questa possibilità, non è possibile eseguire tutte le manipolazioni correttamente e in conformità con le regole di asepsi e antisettici nella loro cavità orale.

Alcuni pazienti sciacquano la bocca con varie soluzioni e tinture a base di erbe. Dovrebbe essere immediatamente notato l'inutilità di tali azioni. Senza affrontare la causa principale, non ha senso fare bagni orali. Nella migliore delle ipotesi, ciò porterà alla transizione dallo stadio acuto a quello cronico.

L'auto-assunzione di antibiotici è severamente vietata! Gli antibiotici sono farmaci potenti che devono essere assunti rigorosamente sulla prescrizione del medico e in accordo con le dosi raccomandate.

Inoltre, gli sforzi per liberarsi del processo infiammatorio sono pericolosi perché mentre il paziente sta vivendo un trattamento dopo l'altro, la pericoronite sta progredendo e può essere complicata da malattie molto più gravi che dovranno essere trattate già nel Dipartimento di Chirurgia Maxillo-Facciale (CLH).

Malattie che possono complicare la pericoronite

In assenza di trattamento tempestivo, la pericoronite è complicata da malattie che possono direttamente minacciare la vita e la salute del paziente.

  1. Prima di tutto, la malattia entra nello spazio subperiostale della mascella e si verifica un processo infiammatorio, che copre diversi denti adiacenti. Le gengive in questa zona si arrossano e si gonfiano, appare la tenerezza, l'aumento della temperatura corporea e il malessere generale.
  2. Periostite può eventualmente trasformarsi in osteomielite . L'osteomielite colpisce il midollo osseo e il tessuto osseo della mascella. C'è un'infiammazione diffusa che può coprire metà della mascella. Il tessuto osseo inizia gradualmente a dissolversi e può verificarsi anche una frattura della mascella patologica.
  3. Un ascesso appare come una complicazione della pericoronarite in caso di penetrazione di infezione nei tessuti circostanti. L'educazione è un'infiammazione purulenta limitata, accompagnata dallo scioglimento dei muscoli e del tessuto adiposo e dalla formazione di pus. Un ascesso può essere singolo o multiplo, poiché è caratterizzato dal trasferimento di un agente infettivo attraverso i vasi sanguigni e linfatici.
  4. La cellulite è una infiammazione acuta purulenta versata del tessuto adiposo. Si differenzia dall'ascesso in quanto non ha confini chiari, il che significa che è un processo infiammatorio più pericoloso. La cellulite inizia con un leggero gonfiore e arrossamento della pelle e aumenta gradualmente di dimensioni. Il paziente può manifestare febbre, dolore nell'area del processo patologico e persino gonfiore dei linfonodi vicini.

Le complicanze di cui sopra sono difficili da trattare e possono avere conseguenze irreversibili, quindi è meglio cercare aiuto in modo tempestivo mentre la malattia è chiamata pericoronite.


| 20 marzo 2014 | | 3 751 | stomatologia
Lascia il tuo feedback