Aumento e diminuzione dei livelli di proteine ​​nel sangue: cause

Livelli elevati e bassi di proteine ​​del sangue

Aumento dei livelli di proteine ​​nel sangue Le proteine ​​sono composti biochimici complessi a base di aminoacidi.

Il livello normale di proteine ​​nel corpo è determinato dai seguenti fattori:

  • Assunzione ottimale con il cibo
  • La sua piena digestione negli organi del tratto gastrointestinale, che è fornita da tali enzimi come gastricina, pepsina, tripsina, elastasi, ecc.
  • Assorbimento di aminoacidi nell'intestino tenue.
  • Approvvigionamento energetico adeguato del processo sintetico.
  • L'azione degli ormoni (insulina, testosterone, estrogeni).
  • L'influenza delle vitamine (B6 e C).

La violazione di uno dei meccanismi sopra descritti per la formazione di una molecola proteica può portare ad un basso livello di questa sostanza nel sangue.

Nel plasma di un adulto, il livello normale di proteine ​​totali è di 65-85 g / l. Circa il 90% di questa quantità è in albumina, fibrinogeno e globuline. La definizione del coefficiente di albumina / globulina, che normalmente dovrebbe essere 1,5, sembra essere piuttosto importante.

Le albumine sono sintetizzate principalmente nel fegato. Il loro numero è più pronunciato diminuisce con lo sviluppo di insufficienza epatocellulare.

Una diminuzione del contenuto proteico nel corpo può essere sospettata sulla base dei seguenti sintomi:

  • perdita di peso pronunciata, che in alcuni casi raggiunge il grado di cachessia;
  • anemia, che è accompagnata da una diminuzione della concentrazione di emoglobina e la saturazione di eritrociti con ferro;
  • gonfiore, che in questo caso sono chiamati ipoproteinemici. Sono resistenti all'azione dei farmaci diuretici e scompaiono solo con la somministrazione di soluzioni di albumina per via endovenosa;
  • interruzione del normale funzionamento di altri organi.

Le ragioni principali per la diminuzione delle proteine ​​totali e la concentrazione di albumina nel sangue:

1. Violazione della formazione di molecole proteiche:

  • Tumori maligni
  • Varie malattie del fegato: cancro primario, lesione metastatica, cirrosi, amiloidosi, epatite virale o di altra eziologia
  • Grave insufficienza cardiaca
  • Malattia da radiazioni causata dall'esposizione alle radiazioni ionizzanti

2. Processo attivo di distruzione delle molecole proteiche:

  • Alto livello dei propri ormoni glucocorticoidi durante la malattia di Itsenko-Cushing (sindrome)
  • tireotossicosi
  • Introduzione di ormoni glucocorticoidi per il trattamento di malattie associate

3. Grave perdita proteica:

  • Massima perdita di sangue di natura acuta o cronica
  • Sindrome nefrosica
  • Malattie del tratto gastrointestinale (infettive, tumorali)
  • Paracentesi durante la quale è stata evacuata una grande quantità di liquido
  • Vaste bruciature
  • Lesioni cutanee accompagnate da grave essudazione

4. La mancanza di proteine ​​nel cibo

5. Riempimento eccessivo del corpo con acqua:

  • Grave gonfiore
  • Grandi volumi di infusioni endovenose

6. Violazione della digestione delle molecole proteiche:

  • Malattie del tratto gastrointestinale (stenosi del piloro, ulcera peptica, pancreatite , gastrite atrofica , enterite, ecc.)

Un aumento del livello di proteine ​​totali è osservato nelle seguenti condizioni:

1. Aumento del numero di immunoglobuline:

  • Malattie croniche che causano l'attivazione del sistema immunitario
  • mieloma

2. L'aumento del contenuto di proteine ​​in fase acuta:

  • Processi infiammatori acuti

Le globuline sono un concetto collettivo che combina diverse frazioni: α1, α2, β e γ.

Cause di aumentate α1 globuline:

  • malattie infiammatorie acute;
  • danno tissutale, accompagnato dal loro collasso.

Ragioni per ridurre α1 globuline:

  • grave epatopatia (epatite virale A, malattia di Wilson, cirrosi, epatite cronica attiva);
  • enfisema polmonare (primario), causato da un difetto genetico e da una carenza enzimatica;

Motivi per l'aumento di α2 globuline:

  • processo infiammatorio attivo;
  • danno tissutale, accompagnato dal loro collasso;
  • collagene;
  • la gravidanza;
  • insufficienza renale con lo sviluppo della sindrome nefrosica.

Ragioni per ridurre α2 globuline:

  • violazione della struttura del pancreas (diabete mellito, pancreatite, pancreatonecrosi);
  • distruzione attiva dei globuli rossi nel sangue (emolisi).

Cause dell'aumento della β-globulina:

  • malattie croniche che stimolano il sistema immunitario: cirrosi epatica , collagenosi, tumori maligni, malattie infettive croniche, malattie allergiche e autoimmuni;
  • aumento dei livelli di lipoproteine ​​di natura primaria o secondaria.

Cause della riduzione della β-globulina:

  • carenza di transferrina (proteine ​​necessarie per il trasporto del ferro);
  • una diminuzione del livello delle lipoproteine ​​a bassa densità (β-lipoproteine).

Ragioni per l'aumento delle γ-globuline:

  • mieloma - una malattia di natura tumorale, che è accompagnata dall'attivazione del sistema immunitario, dalla distruzione dei tessuti del corpo e da alti livelli di proteine ​​nelle urine;
  • malattia della catena pesante;
  • Macroglobulinemia di Waldenstrom;
  • malattie accompagnate dall'attivazione del sistema autoimmune: malattie del fegato, allergie, collagenosi.

Cause della riduzione della γ-globulina:

  • trattamento con ormoni, citostatici, immunosoppressori;
  • esposizione a radiazioni ionizzanti;
  • malattie croniche che portano all'esaurimento del sistema immunitario (tumori maligni, leucemia linfocitica, malattie del fegato e dei reni, linfogranulematoz).
  • stato di immunodeficienza di natura congenita o acquisita, che è accompagnato da una diminuzione della concentrazione di immunoglobuline nel sangue: sindrome di Louis-Bar, agammaglobulinemia di Bruton;
  • grave perdita di proteine ​​(enterite, malattia renale con sindrome nefrosica, ustioni estese).

I suddetti fattori che influenzano il livello di proteine ​​indicano che in ogni singolo caso l'interpretazione dei dati di laboratorio ottenuti presenta notevoli difficoltà e pertanto il medico deve concentrarsi in gran parte sui sintomi della malattia e sui dati provenienti da altri studi strumentali e di laboratorio.


| 24 marzo 2014 | | 4,284 | Esame del sangue
Lascia il tuo feedback