Vesiculite: sintomi e trattamento

Vesiculite: sintomi e trattamento

contenuto:

vesciculite La vesiculite, o spermatocistite, è una malattia caratterizzata da infiammazione delle vescicole seminali. Di solito si osserva negli uomini dopo aver subito qualsiasi processo infiammatorio infettivo e si verifica in circa un terzo degli uomini dopo 35 anni.



Quali sono le vescicole seminali

Le vescicole seminali sono formazioni situate nelle immediate vicinanze della prostata e con l'aspetto di un tubo contorto, che nella forma raddrizzata ha una lunghezza fino a 12 cm, e nello stato dispiegato è quasi 2 volte più piccolo. Le bolle giacciono lateralmente (lateralmente) dai dotti deferenti, tra il retto e il fondo della vescica.

Ogni vescicola seminale produce una porzione liquida dello spermatozoo, che viene rilasciata attraverso il dotto deferente alla base del tubercolo di seme nella porzione prostatica dell'uretra.

Patogeni della vesciculite

Nella stragrande maggioranza dei casi, i patogeni della vesciculite erano precedentemente gonococchi (fino all'80%), tuttavia, con l'introduzione di farmaci antibatterici nella pratica medica, la loro proporzione diminuiva significativamente, poiché la gonorrea negli uomini è raramente troppo rapida ora.

La moderna spermatocistite è sempre più causata da streptococco, stafilococco, Escherichia coli e alcuni altri microrganismi. Occasionalmente - Mycobacterium tuberculosis, se c'è la tubercolosi urogenitale.

A volte la causa principale dello sviluppo della vescicolite è la stagnazione della pelvi (ad esempio, il ristagno di sangue nelle vene pelviche) o direttamente nelle vescicole seminali (ad esempio, quando il deflusso di contenuti dalle vescicole seminali viene disturbato per un lungo periodo).

motivi

  1. Congestione con aumento (ipertrofia) della prostata.
  2. Eccessi sessuali e perversioni, che portano a tracimazione frequente e prolungata con sangue degli organi pelvici.
  3. Microtrauma periodico del perineo a causa di ciclismo, equitazione, ecc.
  4. Malattie della natura infiammatoria degli organi vicini: per esempio, prostatite, uretrite, cistite .
  5. Infezione nelle vescicole seminali da organi lontani attraverso vasi linfatici o sanguigni, così come attraverso la parete del retto nelle malattie dell'organo.

classificazione

Secondo i cambiamenti osservati come risultato dell'infiammazione delle vescicole seminali, la vescicolite si distingue:

  • catarro (superficiale),
  • profonda,
  • paravezikulit,
  • empyema seminale vescicola.

La spermatocistite catarrale è caratterizzata da arrossamento (iperemia) della mucosa, edema, leggera desquamazione e danno all'epitelio del rivestimento. Nella vescicola seminale è contenuto mucopurulento, spesso con una piccola mescolanza di sangue, e la vescicola è allungata e leggermente aumentata nelle dimensioni.

Il processo infiammatorio nelle vescicole profonde colpisce gli strati più profondi, diffondendosi alla sottomucosa e allo strato muscolare delle vescicole seminali. In questo caso, le bolle sono anche ingrandite, iperemiche, edematose. Le loro pareti sono dense, e nel lume - una grande quantità di secrezione sierosa mescolata con pus.

L'empiema della vescicola seminale si verifica quando, in caso di comparsa di spermatocistiti profondi, la microflora piogenica svolge il ruolo più importante e le vescicole stesse sono riempite con grandi quantità di contenuto purulento.

La paravesiculite si sviluppa come una complicazione della vescicolite profonda, quando il processo infiammatorio va oltre le bolle e si estende alla fibra circostante.

La vesciculite profonda in alcuni casi può portare a cirrosi atrofica delle bolle.

Sintomi della vescicolite

Spermatocistite acuta

La vesciculite acuta si sviluppa in breve tempo ed è caratterizzata dai seguenti sintomi principali della malattia:

  • sensazione di pesantezza o dolore nel retto e nel perineo;
  • Irradiazione del dolore nella parte bassa della schiena, della vescica, dello scroto;
  • aumento del dolore alla fine della defecazione o della minzione;
  • minzione frequente, accompagnata da sensazione di bruciore;
  • in alcuni casi, ci sono ematuria terminale (presenza di sangue alla fine dell'atto di minzione), minzione imperativa per urinare;
  • aumento dell'eccitabilità sessuale;
  • inquinamenti ed erezioni frequenti;
  • durante l'eiaculazione - dolori che si irradiano al pene, alla testa, alla ghiandola prostatica;
  • la presenza di pus nel liquido seminale, sangue (in questo caso, l'eiaculato assomiglia a gelatina di ribes);
  • aumento della temperatura fino a 39 ° C e oltre;
  • sintomi associati a febbre alta: debolezza generale, malessere maggiore, perdita di appetito, dolore alle ossa e alle articolazioni, mal di testa, nausea.

La spermatocistite acuta nei giovani maschi procede più rapidamente.

La vesciculite acuta può essere curata spontaneamente o diventare cronica (quest'ultima è osservata molto più spesso). In generale, l'immagine di una vesciculite acuta assomiglia a quella della prostatite acuta, quindi questa condizione richiede una visita medica obbligatoria.

Spermatocistite cronica

In generale, la vescicolite cronica è meno violenta di quella acuta. I sintomi dell'infiammazione sono meno pronunciati, ma in questo caso, ci sono segni di atrofia delle vescicole seminali e la graduale perdita della loro funzione.

Sintomi caratteristici della vescicolite cronica:

  • erezioni deboli;
  • scarica di sperma (spermatorrhea);
  • eiaculazione precoce e dolorosa;
  • dolore acuto, ricorrente e doloroso nella regione sovrapubica, nel retto, nel perineo, nel sacro;
  • aumento del dolore durante la minzione o movimenti intestinali;
  • tracce di sangue nel liquido seminale.

Se ci fosse obliterazione del dotto deferente, quindi nello studio dello sperma, si osserva una diminuzione del numero di spermatozoi.

In alcuni casi, i sintomi nella forma cronica di vesciculite sono praticamente assenti, quindi parlano di un corso asintomatico di spermatocistite cronica.

Complicazioni della vescicolite

La vesciculite acuta e cronica può portare alle seguenti complicazioni:

  • tromboflebite di importanti plessi venosi (ad esempio prostatica, vescicale);
  • l'autopsia nell'uretra, nella cavità addominale o nel retto dell'ascesso con conseguente sviluppo di peritonite o formazione di fistole;
  • il verificarsi di epididimite cronica o uretrite;
  • sviluppo della sterilità maschile.

Tromboflebiti della vescica urinaria o del plesso venoso della prostata

Questa complicazione porta spesso a una violazione del flusso di sangue e al successivo sviluppo di fenomeni di natura stagnante. Di regola, i seguenti sintomi sono caratteristici:

  • disagio, dolore dolorante nel perineo;
  • aumento del disagio dopo una lunga permanenza, lunga camminata;
  • escrezione della quantità principale di urina durante la notte;
  • minzione dolorosa o difficile.

L'assunzione di alcol, gli eccessi sessuali, l'astinenza prolungata portano ad un peggioramento del processo.

Se la tromboflebite si sviluppa in modo acuto, si verifica un aumento del dolore, disturbi disurici, un improvviso aumento della temperatura a 40 ° C. La congestione dei plessi venosi contribuisce alla riduzione dell'immunità locale e allo sviluppo di infezioni: ad esempio, l'insorgenza di prostatite, uretrite, cistite.

Aprendo l'ascesso

Un ascesso può penetrare nella cavità addominale. In questo caso, c'è una grave condizione di peritonite acuta, accompagnata da intossicazione e violazione delle condizioni generali del paziente.

Con la formazione di una fistola nel retto, ci può essere un riflusso di masse fecali nelle vescicole seminali o nella fibra circostante, che è accompagnata da un aumento dei fenomeni infiammatori e da un deterioramento delle condizioni generali del paziente. In questi casi, una nuova microflora può apparire nell'eiaculato, che è caratteristico del retto, e non del sistema genito-urinario.

Epididimite cronica

Può essere quasi asintomatico o può essere caratterizzato da sensazioni dolorose nei testicoli quando si cammina, un aumento delle appendici e la loro compattazione.

uretrite

L'infiammazione dell'uretra è caratterizzata da bruciore, dolore o taglio durante la minzione. Ci sono anche scariche dall'uretra (specialmente dopo una notte di sonno) con un odore sgradevole di carattere mucopurulento, a volte con sangue.

Tuttavia, in alcuni casi, i sintomi di uretrite sono praticamente assenti (asintomatici).

infertilità

L'infertilità con vescicolite si sviluppa nei casi in cui vi è obliterazione del lume del dotto eiaculatorio. Con obliterazione parziale, si può osservare una riduzione del numero totale di spermatozoi nel seme.

Diagnosi di Vesiculite

Il medico fa una diagnosi di spermatocistite sulla base dei sintomi caratteristici della vescicolite acuta o cronica, nonché di un esame urologico.

Per diagnosticare questa malattia, è necessario condurre un esame digitale obbligatorio della prostata attraverso il retto. Lo studio viene eseguito con una vescica piena nella posizione del paziente che giace con le ginocchia piegate e pressate allo stomaco sul lato destro.

Nello stato normale, la vescicola seminale non è palpabile. Tuttavia, se si verifica vescicolite acuta, il medico può identificare i seguenti sintomi durante un esame rettale:

  • La spermatocistite catarrale è un leggero gonfiore e tenerezza nella regione delle vescicole seminali.
  • Vesculite profonda: le vescicole seminali sono accessibili dalla palpazione e sono determinate sopra il bordo superiore della prostata, oltre che più vicine alla parete laterale del retto sotto forma di formazioni arrotondate dense, elastiche e dolorose su uno o entrambi i lati della ghiandola prostatica.
  • Empiema - le vescicole seminali sono definite come una formazione dolorosa e elastica di forma di salsiccia o pera.
  • Pravrasiculite - al posto delle vescicole seminali, viene palpato un infiltrato denso, diffuso e doloroso, che si diffonde ai lati. I contorni delle vescicole seminali in questo caso non sono definiti.

Un ruolo importante nella diagnosi della spermatocistite è svolto dall'esame microscopico e batteriologico del segreto delle bolle. In vesciculite, il segreto può contenere: leucociti, cristalli di ematidina, globuli rossi, cellule epiteliali, spermatozoi.

Ai fini della diagnosi differenziale di una vescicolite, l'urologo può prescrivere i seguenti tipi di esami aggiuntivi:

  • Ultrasuoni degli organi pelvici . Aiuta a rilevare tumori, cisti, danni ad altri organi del sistema urogenitale nella tubercolosi e alcune altre malattie.
  • Vesiculografia . Aiuta anche nella diagnosi di varie malattie delle vescicole seminali e della prostata. È una radiografia con contrasto.
  • Reazione di Wasserman. Consente di identificare la sifilide , in cui le vescicole seminali possono anche aumentare di volume.

Inoltre, se necessario, viene assegnata la presenza di malattie concomitanti: analisi delle urine, analisi del sangue, studio del profilo ormonale, ecc.

Trattamento della vescicite

La vesciculite acuta è trattata nel reparto urologico. Assegnato alla modalità semi-letto, dieta leggera e delicata.

Trattamenti termici:

  • bagni caldi caldi - 15-20 min. 2 o 3 volte al giorno;
  • bottiglia di acqua calda sulla zona del cavallo;
  • microclima con acqua calda (40 ° C) con aggiunta di 0,5-1 g di antipirina 2 o 3 volte al giorno. Il paziente tiene l'acqua calda nel retto per 10-30 minuti, quindi lo rilascia indietro.

farmaci:

  • all'eccitazione sessuale - contenente bromo;
  • per il dolore - candele con la segale cornuta, antidolorifici;
  • terapia antibiotica;
  • vitamine A, C, gruppo B (B 1,2 ).

Dopo il sollievo dall'infiammazione acuta da massaggio, si ottiene il segreto delle vescicole seminali e si esegue un esame microscopico e batteriologico (con vescicola acuta, tale massaggio è controindicato).

I principali metodi di trattamento della vescicolite cronica:

  • massaggio urologico;
  • fisioterapia (diatermia, fangoterapia, paraffina);
  • instillazione di nitrato d'argento dello 0,25-0,5% nell'uretra (la sua parte posteriore);
  • l'introduzione di farmaci antibatterici direttamente nelle vescicole seminali;
  • trattamenti chirurgici (ad esempio, vescicolectomia).

In vesiculite cronica vengono mostrati i ricorsi ai fanghi: Essentuki, Saki, Pyatigorsk.

In generale, con l'implementazione di tutte le raccomandazioni necessarie, il trattamento della vescicolite ha successo e termina con la guarigione.

prevenzione

La profilassi della vescicolite consiste nel trattamento precoce e razionale del focolaio principale dell'infezione (compresa la gonorrea, la sifilide, ecc.), La dieta, il rifiuto di bere alcolici. È anche necessario evitare i microtraumi e normalizzare la vita sessuale, evitando periodi di astinenza troppo lunga o eccessi sessuali.


| 13 marzo 2014 | | 5,868 | Malattie maschili
Lascia il tuo feedback