Tubercolosi: sintomi, trattamento, prevenzione della tubercolosi polmonare
medicina online

Tubercolosi: sintomi, trattamento della tubercolosi polmonare

contenuto:

Tubercolosi: sintomi e trattamento La tubercolosi è una malattia infettiva (capace di essere trasmessa da una persona malata a una sana) causata da un agente patogeno specifico, i batteri del genere Mycobacterium. Insieme a un uomo, gli animali (bovini, polli, roditori, ecc.) Possono soffrire di questa malattia.

La causa più comune di malattia umana può essere i seguenti tipi di batteri:

  1. Mycobacterium. tubercolosi humanus. La sottospecie più comune. È questo microrganismo che causa la malattia nell'85% dei casi di tubercolosi.
  2. Mycobacterium. bovini tubercolosi. Diventa la principale causa della tubercolosi nei bovini. Il quindici per cento di tutti i casi di tubercolosi negli esseri umani sono spiegati da questo patogeno. Vale la pena notare che è stato questo batterio che è diventato la fonte per la sintesi del vaccino BCG (BCG).
  3. Mycobacterium tuberculosis microti. Patogeno raro per l'uomo, ma abbastanza comune tra i roditori.
  4. Mycobacterium. tubercolosi africanus. Sottospecie regionali, rilevanti solo per i paesi africani, dove diventa causa nel 90% dei casi.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, un terzo della popolazione del nostro pianeta è infetto da tubercolosi. Ciò significa che il micobatterio è già nel corpo umano, ma la malattia sta ancora "sonnecchiando". Ogni anno, 8-9 milioni, la malattia diventa acuta. La mortalità per complicanze della tubercolosi raggiunge 3 milioni di persone all'anno.

La penetrazione del patogeno nel corpo avviene attraverso l'aria, la famiglia di contatto (attraverso le cose che il paziente ha usato) e il cibo (latte vaccino malato, uova, ecc.). Il microrganismo è molto stabile nell'ambiente: in un clima temperato e umido, rimane vitale per un anno.

Una caratteristica distintiva del mycobacterium tuberculosis è la virulenza estremamente variabile. Ciò significa che il microrganismo risponde allo stato di resistenza dell'organismo ospite.

Una varietà di reazioni umane reattive al Mycobacterium tuberculosis predetermina numerose manifestazioni cliniche e morfologiche della malattia.

Senza esprimersi nello stato normale del sistema immunitario, il patogeno si moltiplica rapidamente e mostra un'aggressione alla minima diminuzione del suo livello. Dal momento dell'infezione, alle prime manifestazioni cliniche sviluppate, in alcuni pazienti possono essere necessari fino a dieci anni.

I principali processi che si verificano nell'organo interessato a livello del tessuto (istologico) dopo la penetrazione del patogeno lì:

  1. Infiltrazione. Arrivando al sito di rilevamento di "agente alieno" di cellule del sangue (macrofagi, linfociti, neutrofili), responsabile della sua neutralizzazione.
  2. Morte di tessuti molli che circondano il cluster micobatterico.
  3. La riproduzione dei micobatteri e la loro diffusione intorno o con la corrente di linfa e sangue negli organi distanti.
  4. Attivazione del sistema immunitario per rimuovere il tessuto morto e sostituirli con cicatrici (indurimento). Questo può essere il processo finale della malattia con la morte di tutti i micobatteri, ma può anche servire a limitare i batteri sopravvissuti dalle cellule sane e dall'intero organismo. Nel secondo caso, l'attività vitale dei batteri viene preservata e in qualsiasi momento possono causare una nuova aggressività.

La sequenza di questi processi nella tubercolosi è costantemente disturbata. A volte cicatrici e foci freschi di necrosi del tessuto possono essere osservati simultaneamente in un organo.

La forma principale e più comune di lesione umana è la tubercolosi polmonare. La particolare importanza di questa forma di malattia è che è la principale fonte di diffusione della malattia, a causa della contaminazione dello spazio circostante da parte del paziente quando parla, tossendo.

Insieme a questo, è necessario ricordare che la tubercolosi polmonare è una manifestazione particolare della sconfitta dell'intero organismo. E le variazioni nella combinazione di danni ai polmoni e ad altri organi e sistemi possono essere differenti.

Le caratteristiche pratiche nel predire la gravità dei cambiamenti nei polmoni sono le caratteristiche individuali dell'agente patogeno (aggressività, sensibilità agli antibiotici), il volume della massa microbica durante l'infezione, lo stato dello stato immunitario della persona infetta e altri.



Fattori che contribuiscono allo sviluppo della tubercolosi polmonare


1. Indebolimento del sistema immunitario di varia natura:

  • stress cronico e stanchezza;
  • alimentazione inadeguata e inadeguata;
  • uso di ormoni steroidei, citostatici e immunomodulatori dovuti alla presenza di gravi comorbidità (malattie sistemiche e oncologiche, condizioni dopo trapianto di organi);
  • Infezione da HIV

2. Bassi tassi di condizioni sociali e di vita della vita e natura della vita. Le istituzioni penitenziarie, ad esempio, rientrano in questa zona a rischio; città con un alto grado di densità di popolazione; persone che conducono uno stile di vita asociale associato al vagabondaggio; i migranti; tossicodipendenti; pazienti con malattia mentale. Questo gruppo di rischi comprende anche operatori sanitari.

3. Alcolismo cronico.

4. Malattie infiammatorie croniche dei polmoni e del tratto respiratorio superiore.

5. Diabete

6. Malattia cardiaca cronica.

Classificazione della tubercolosi polmonare

Inizialmente, viene utilizzata la divisione in tubercolosi polmonare primaria e secondaria.

Tubercolosi primaria

La malattia si sviluppa immediatamente dopo l'infezione e ha un decorso piuttosto attivo a causa di una pronunciata reazione del sistema immunitario all'agente patogeno. Le aree più caratteristiche delle lesioni nei polmoni sono aree facilmente ventilate, come i segmenti III, VIII, IX e X del polmone destro. L'area interessata è immediatamente necrotica, assumendo un caratteristico aspetto beffardo. La zona di necrosi stessa, l'asta infiammatoria attorno ad essa e la linfangite tubercolare, manifestata radiologicamente come corde dal fuoco ai linfonodi basali del polmone, è stata definita "l'influenza tubercolare primaria". Questo sintomo radiologico caratteristico della tubercolosi polmonare primaria è sempre rilevato.

L'esito delle lesioni polmonari primarie sono:

  1. La crescita dei processi necrotici e infiammatori che coinvolgono nuove aree polmonari, seguita dalla diffusione linfatica o ematogena del processo ad altri organi interni e sistemi.
  2. Pieno recupero con cicatrici primarie. I sali di calcio in varie quantità possono essere depositati nell'area della cicatrice, che, nei casi più gravi, viene determinata radiograficamente - come "autografo" di una forma latente di tubercolosi precedentemente trasmessa. Sono anche chiamati foci Gon.
  3. Cronografia della tubercolosi. Ciò significa la formazione di una cavità accanto al processo, esacerbazione periodica della tubercolosi sotto forma di polmonite caseosa, espansione della zona affetta primaria e la presenza di intossicazione permanente. Il processo può diffondersi alla pleura, causando la pleurite tubercolare. La tubercolosi cronica primaria è caratterizzata da un danno a un solo polmone.

La generalizzazione e la cronicizzazione della tubercolosi primaria è più comune nei pazienti adulti.

Per i bambini, la guarigione è caratteristica della formazione di cicatrici nella stragrande maggioranza dei casi. La malattia è simile all'influenza o sotto forma di leggera bronchite.

Tubercolosi polmonare secondaria

La malattia trasferita non conferisce un'immunità stabile e permanente, come alcune altre malattie infettive. Dopo un po 'di tempo, in determinate condizioni e fattori, di cui abbiamo parlato sopra, nulla impedisce a una persona di contrarre la tubercolosi. La fonte può essere sia Mycobacterium tuberculosis praticabile che rimane nel tessuto polmonare nel sito del focus primario, sia nuovi microrganismi dall'esterno. Questa sarà tubercolosi polmonare secondaria.

Si diffonde attraverso i polmoni bronchogenico e linfogeno.

La differenza tra il processo secondario e il processo primario è l'assenza dell'affetto primario descritto in precedenza.

La più grande applicazione pratica è stata trovata dalla classificazione, combinando i cambiamenti a livello istologico e emergenti durante l'esame a raggi X. Quasi tutte le forme descritte sono caratteristiche della forma secondaria della tubercolosi polmonare.

Classificazione clinica e morfologica della tubercolosi polmonare.

  1. Tubercolosi acuta miliare
  2. Tubercolosi polmonare disseminata ematogena
  3. Tubercolosi polmonare focale
  4. Tubercolosi polmonare polmonare infiltrativa
  5. Tubercoloma polmonare
  6. Polmonite caseosa
  7. Tubercolosi polmonare cavernosa
  8. Tubercolosi polmonare fibroso-cavernosa
  9. Pleurite tubercolare
  10. Tubercolosi cirrotica
  11. Altre forme (tubercolosi in combinazione con lesioni professionali dei polmoni, ecc.).

Distingua il corso della malattia di gravità leggera, moderata e severa.

In presenza di complicanze, a seconda della possibilità della loro correzione, allocare un processo compensato, subcompensato o scompensato.

Inoltre, a seconda dell'inoculo dell'espettorato di Mycobacterium tuberculosis, sono isolate le forme isolate e chiuse della malattia e una forma con un rilascio non costante di micobatteri.

Tubercolosi polmonare: sintomi

La malattia per lungo tempo può procedere di nascosto, con manifestazioni e lamentele comuni su:

  • debolezza, stanchezza cronica;
  • sudorazioni notturne;
  • temperatura irragionevole di bassa qualità (circa 37 ° C);
  • mancanza di appetito;
  • perdita di peso;
  • pallore generale.

La malattia in questa fase può essere rilevata solo durante l'esecuzione di raggi X o eseguendo un esame a raggi X degli organi del torace per altre indicazioni.

Il primo segno che fa sospettare che qualcosa non andasse è un aumento delle dimensioni dei linfonodi dei gruppi ascellari, sopraclaveari o cervicali. Vale la pena sottolineare che l'ingrandimento dei linfonodi è spesso limitato a una sola area. I nodi non sono saldati tra loro e con il tessuto circostante, indolori. Allo stesso tempo, il sangue intero rimane senza cambiamenti marcati caratteristici dell'infiammazione. Al contrario, l'anemia e una diminuzione del numero di leucociti (leucocitopenia) sono determinati nel sangue.

Il quadro clinico della tubercolosi polmonare è vario e dipende dall'estensione del danno tissutale.

I seguenti sintomi sono caratteristici di tutte le forme di tubercolosi polmonare:

. 1. Tosse . Asciutto a umido, con espettorato massiccio. Flemma può essere un aspetto di formaggio, che fa schifo. Quando si uniscono al sangue - assume la forma di "arrugginito" per l'impurità del liquido, non modificato (emottisi).

(чувство нехватки воздуха). 2. Respiro corto (sensazione di mancanza di respiro). È causato da una diminuzione della superficie respiratoria dei polmoni durante l'infiammazione e l'indurimento (cicatrici).

. 3. Misurazione del suono durante la percussione (tapping) della parete toracica . Suono opaco - sopra i campi di infiammazione o la formazione di cambiamenti cicatriziali, versamento nelle cavità pleuriche, riempimento di cavità con contenuto liquido. Il suono "scatolato" si trova nella proiezione delle cavità cave formate.

. 4. L'apparizione di respiro sibilante durante l'auscultazione (ascolto) dei polmoni . Caratteristica e intensità delle loro varie. Ci sono rantoli asciutti e bagnati. Sopra le cavità si può sentire una speciale "anfora" di respiro. In alcuni campi, la respirazione può essere significativamente indebolita.

. 5. Aumento della temperatura . Le temperature possono salire a 41 ° C con forme progressive aggressive. La febbre assume il carattere di continuo o con differenze significative, diminuendo brevemente a 35-36 ° C. Al di fuori della riacutizzazione, con un processo moderato, la temperatura non supera 37-37,5 ° C e si alza, di regola, di sera.

. 6. Perdita di peso . Il paziente può perdere peso fino a 15 chilogrammi o più.

. 7. Dolore al petto . Unì nelle fasi avanzate della malattia e la transizione del processo tubercolare sulla pleura.

Tubercolosi polmonare primaria:

  1. La predominanza dei sintomi comuni.
  2. La tosse si verifica quando la malattia progredisce.

Tubercolosi disseminata:

1. La molteplicità delle lesioni nei polmoni su entrambi i lati.

2. La malattia può essere acuta, con gravi sintomi di intossicazione e grave severità. Inoltre, si distinguono forme subacute e croniche.

3. Si verifica in individui con una significativa riduzione dello stato immunitario.

4. In termini di dimensioni e aspetto delle lesioni, si distinguono

  • miliario (fino alle dimensioni di una capocchia di spillo);
  • grande focale (più di 1 cm di diametro);
  • cavernoso (con cavità).

5. Oltre alle manifestazioni polmonari, l'infiammazione tubercolare viene rilevata nel cuore, nel cervello e nelle sue membrane, nelle grandi articolazioni e nelle ossa, nella milza, nel fegato e nei reni.

6. Forme lievi di tubercolosi miliare possono presentarsi sotto l'apparenza di raffreddori. L'unica differenza è che, a differenza di quest'ultimo, la scarsa salute persiste a lungo.

7. Nelle forme gravi, insieme a tosse, mancanza di respiro, espettorato e dolore al petto, le manifestazioni di altri organi stanno gradualmente emergendo: forte mal di testa, vertigini e convulsioni con danni al sistema nervoso centrale; restrizione del movimento e dolore alle articolazioni con la sconfitta del sistema osteo-articolare, ecc. A ciò si aggiunge un'altra sindrome da intossicazione pronunciata.

Tubercolosi focale:

  1. Radiograficamente caratterizzato da un gruppo di lesioni del tessuto polmonare in un polmone con un diametro di alcuni millimetri fino a un centimetro.
  2. È clinicamente simile a bronchite o polmonite, ma a differenza di loro, il decorso è prolungato e il sangue appare nell'espettorato.

Tubercolosi polmonare polmonare infiltrativa:

  1. Manifestato da una esacerbazione del processo infiammatorio attorno al nidus esistente a quel tempo.
  2. Si verifica nella tubercolosi secondaria

Tubercoloma polmonare:

  1. L'immagine a raggi X è simile ai segni del cancro del polmone, da cui il nome.
  2. I piccoli infiltrati che sono apparsi persistono da molto tempo e non rispondono al trattamento anti-infiammatorio da molto tempo, il che suggerisce un'origine simile a un tumore.

Polmonite caseosa:

  1. È caratterizzato da un decorso aggressivo: le aree comuni di infiammazione del tessuto polmonare si riuniscono in breve tempo, formando campi di necrosi caseosa.
  2. Spesso la prima manifestazione è l'emottisi, dopo di che la temperatura aumenta bruscamente e altri sintomi polmonari comuni si uniscono.
  3. I siti necrotici si sciolgono rapidamente formando cavità - caverne.
  4. Può verificarsi nella tubercolosi primaria e secondaria.
  5. È caratterizzato da frequenti complicazioni sotto forma di emorragie polmonari e pneumotorace spontaneo (con una svolta nella pleura).

Tubercolosi polmonare fibroso-cavernosa:

  1. Il risultato dello sviluppo di forme distruttive di tubercolosi polmonare.
  2. Le cavità singole o multiple con una parete densa formata come risultato di processi sclerotici sono determinate radiograficamente. Oltre alla capsula della cavità, una parte del tessuto polmonare circostante è esposta a fibrosi diffusa, sostituendo gli alveoli con cicatrici dense, riducendo così significativamente l'area della superficie respiratoria.
  3. È possibile determinare la diffusione broncogena dell'infezione in presenza di esso nella zona interessata. In questi casi, si osserva l'emergere di nuove lesioni di vari diametri e tempo di sviluppo nello spazio peribronchiale.

Pleurite tubercolare:

  1. Appare come una complicazione di altre forme di tubercolosi nella forma della diffusione del processo sulla membrana sierosa dei polmoni.
  2. Si verificano contatti (nella posizione del focolare in prossimità), modi ematogeni e linfatici di infezione.
  3. La pleurite tubercolare può essere secca (con deposito di fibrina e componente liquida minima) ed essudativa (con presenza di liquido sieroso o purulento).

Cirrosi di tubercolosi polmonare.

  1. Il risultato della massiccia distruzione dei polmoni in assenza di un adeguato trattamento delle forme distruttive.
  2. Come causa del rischio aggiuntivo di cirrosi tubercolare del polmone, viene considerata la presenza di altre malattie infiammatorie croniche del polmone.
  3. Una forma rara per la ragione per cui la maggior parte dei pazienti non vive per vederlo.
  4. Come risultato della distruzione, un'area significativa dei polmoni viene sostituita dal tessuto connettivo (tessuto cicatriziale).
  5. Tuttavia, con tutto questo, vengono scoperti focolai di processo infiammatorio tubercolare intatto nel tessuto polmonare.
  6. Accompagnato da segni di gravi problemi respiratori e insufficienza cardiaca.

Complicazioni della tubercolosi polmonare

  1. Sanguinamento polmonare. Le sue difficoltà massicce e tecniche nel fermarlo sono spesso la causa della morte.
  2. Pneumotorace spontaneo. La penetrazione nella cavità pleurica dell'aria in quantità significative con forme cavernose può portare a uno spostamento del mediastino e dell'arresto cardiaco riflesso.
  3. Pleurite tubercolare. Le forme essudative, con un graduale accumulo di liquido nella cavità pleurica, portano anche alla progressione della respirazione e alla successiva insufficienza cardiaca.
  4. Generalizzazione del processo per diffusione ematogena con lo sviluppo della sepsi tubercolare.
  5. Lo sviluppo del "cuore polmonare" cronico aumentando la pressione nella circolazione polmonare con cambiamenti significativi nel tessuto polmonare.

Diagnosi di tubercolosi polmonare

Policlinico, stadio dispensario .

  1. Anamnesi medica della malattia e disturbi.
  2. Esame fisico (percussione polmonare, auscultazione, palpazione della palpazione del linfonodo regionale accessibile).

Va notato che nelle prime fasi della malattia e con piccole lesioni, il valore di informazione dei metodi fisici è piccolo.

  1. Analisi generale del sangue e delle urine.
  2. Esame dell'espettorato al microscopio.

La colorazione secondo il metodo di Ziehl-Nelsen ci consente di vedere l'agente patogeno, se presente. Questo studio, in presenza di risultati negativi, viene effettuato tre volte.

  1. Radiografia del torace.

Per informazioni migliori, utilizzare la proiezione frontale e laterale.

  1. Test di Mantoux.

In modo pianificato, viene prodotto annualmente come metodo di screening diagnostico durante l'esame clinico di bambini e adolescenti. La popolazione adulta è nominata secondo le indicazioni.

Valutazione dei risultati dopo 72 ore dalla somministrazione intradermica nell'avambraccio:

  • reazione negativa - se c'è una reazione puntiforme nel sito di iniezione, non più di 2 mm di diametro;
  • reazione dubbia - quando si rileva una macchia rotonda chiaramente limitata di 2-4 mm di diametro o un arrossamento della luce diffuso della pelle di qualsiasi dimensione;
  • una reazione positiva è un punto 5-17 mm di diametro nei bambini e negli adolescenti e 5-21 mm negli adulti;
  • reazione iperergica: la papula ha un diametro superiore a 17 mm nei bambini e negli adolescenti e oltre 21 mm negli adulti.

Infetti da tubercolosi sono:

  • la prima reazione positiva rilevata (altrimenti: il turno di sensibilità alla tubercolina);
  • individui con un aumento dubbio o positivo di> 6 mm;
  • persone con reazione iperergica (in questo caso, la probabilità della malattia è la tubercolosi primaria).
  1. Coltivazione dell'espettorato sui terreni nutritivi, con ricerca simultanea sulla sensibilità agli antibiotici.
  2. Esame dell'espettorato per PCR.

Un modo abbastanza rapido per determinare la presenza di micobatteri reagendo a un antigene.

  1. Analisi del sangue ELISA per l'individuazione di anticorpi anti-tubercolosi e antigeni.
  2. Tomografia computerizzata dei polmoni.
  3. Esame ecografico per la presenza di pleurite e il rilevamento di formazioni subpleuriche.

Stadio stazionario

Questi studi sono necessari per chiarire la diagnosi prendendo materiale per l'esame citologico e istologico al fine di differenziare il processo con tumori e processi tumorali, la cui esistenza può verificarsi insieme alla tubercolosi o invece alla tubercolosi sospetta.

  1. Broncoscopia con biopsia o lavaggio bronchiale (lavanda) con ulteriore esame del liquido di lavaggio (citologia, coltura su terreni nutritivi).
  2. Puntura della cavità pleurica e biopsia pleurica.
  3. Toracoscopia (esame ottico del contenuto della cavità pleurica) con biopsia polmonare.
  4. Biopsia polmonare intraoperatoria a cielo aperto.

Trattamento della tubercolosi polmonare

Il trattamento viene eseguito in ospedale e prevede la lotta contro l'agente eziologico della malattia, la minimizzazione dei fenomeni sclerotici e la prevenzione delle complicanze.

Il trattamento include metodi terapeutici (conservativi) e chirurgici.

Alcune difficoltà sono introdotte dall'emergere di nuovi ceppi (varietà) di micobatteri che non mostrano alcuna reazione agli antibiotici. Ciò richiede una correzione costante nel dosaggio e nella combinazione di diversi gruppi di antibiotici. È necessario condurre costantemente vari studi di controllo per valutare l'efficacia del trattamento. Il trattamento è lungo (fino a un anno). Esistono varie modalità di combinazione di sostanze medicinali, tenendo conto dei dati relativi all'età e al sesso.

Inoltre, ci sono due fasi di trattamento antibatterico:

  1. La fase iniziale (intensiva) del trattamento. La combinazione di antibiotici e dosi ha lo scopo di sopprimere efficacemente il tasso di riproduzione dei micobatteri con un ciclo di sviluppo rapido e prevenire lo sviluppo di resistenza ai farmaci.
  2. Fase del trattamento in corso. Impatto sulle forme intracellulari e dormienti di micobatteri per impedirne la riproduzione. In questa fase vengono aggiunte altre sostanze medicinali che stimolano i processi di rigenerazione.

La presenza di una grave tubercolosi richiede il rispetto del riposo a letto del paziente.

La nutrizione include una dieta ricca di proteine ​​speciali. Lo scopo della nutrizione terapeutica - correzione dei disturbi metabolici.

Una forma speciale di trattamento per la tubercolosi polmonare, che non viene utilizzata per altre malattie, è la collassoterapia. L'essenza del metodo è l'induzione del pneumotorace artificiale al fine di comprimere il polmone malato. Di conseguenza, le cavità di decadimento esistenti cadono, i processi riparativi sono migliorati, il rischio di diffusione dell'infezione è ridotto. Nominato nella fase intensiva della farmacoterapia in tutti i regimi.

Indicazioni per la terapia di collasso:

  1. Tipi distruttivi di tubercolosi, con presenza di cavità senza segni di indurimento.
  2. Emorragia polmonare (con dati di localizzazione affidabili).

Il pneumotorace artificiale è usato principalmente nella fase intensiva di tutte le modalità di farmacoterapia.

Viene anche usato il pneumoperitoneo (un aumento della pressione nella cavità addominale per sollevare il diaframma e limitare la sua mobilità per immobilizzare i polmoni).

Indicazioni per pneumoperitoneo:

  1. Tubercolosi cavernosa
  2. Tubercolosi infiltrativa con presenza di cavità di decadimento.

Questo metodo sarà maggiormente utilizzato nel caso di localizzazioni di processi a lobi inferiori.

Indicazioni per il trattamento chirurgico della tubercolosi polmonare:

  1. Tubercoloma.
  2. La presenza di singole cavità.
  3. Cambiamenti cirrotici e cavernosi all'interno di uno (molti) lobi o all'interno di un polmone.

In presenza di empiema tubercolare, polmonite caseosa, lesioni necrotiche caseose dei linfonodi - l'appuntamento per il metodo chirurgico di trattamento è strettamente individuale.

La rimozione delle aree colpite da tubercolosi del polmone non viene eseguita con processi comuni, gradi gravi di insufficienza respiratoria e cardiaca.

Prognosi della tubercolosi polmonare

La mancanza di trattamento del processo attivo porta alla morte nel 50% dei casi di tubercolosi polmonare entro due anni.

Nei sopravvissuti, il processo diventa cronico, con semina continua dello spazio circostante.

Prevenzione della tubercolosi polmonare

1. Vaccinazione (appartiene ai metodi specifici di prevenzione).

Prodotto utilizzando un ceppo indebolito di Mycobacterium tuberculosis (BCG) per produrre immunità. In caso di infezione, la tubercolosi nel vaccinato, se si sviluppa, quindi in un grado facile. In media, l'effetto acquisito dura per circa 5 anni. La vaccinazione è inclusa nel calendario delle vaccinazioni pianificate per l'infanzia e viene effettuata nella prima settimana dopo la nascita, quindi si ripete all'età di 7 e 14 anni. Secondo la testimonianza, la vaccinazione BCG ogni cinque anni può durare fino a 30 anni.

Dopo la vaccinazione BCG per i prossimi 5-7 anni, la normale reazione di Mantoux può essere positiva, il che riflette la presenza di una buona immunità post-vaccinazione.

La reazione di Mantoux in individui vaccinati è un indicatore di immunità persistente alla tubercolosi. Fino a 7 anni dopo la vaccinazione, la reazione di Mantoux può essere positiva.

2. Chemioprofilassi.

Accettazione di antibiotici secondo lo schema. Può essere primario (eseguito da un micobatterio non infetto, ma a contatto con il paziente) e secondario (infetto o malato di tubercolosi).

indicazioni:

  • la presenza di contatti familiari, familiari e professionali con un paziente con una forma aperta di tubercolosi;
  • persone che hanno dato la tubercolina e la reazione iperergica durante il test di Mantoux;
  • la presenza di alterazioni della tubercolosi nei polmoni quando si assumono ormoni steroidei e altri immunomodulatori per altre malattie.

3. Flurografia.

Metodo di screening del sondaggio annuale. Oltre alla tubercolosi, consente di rilevare altre malattie polmonari non specifiche e tumori degli organi del torace.

4. Variazioni dei fattori sociali che incidono sull'incidenza della tubercolosi (condizioni di vita, prevenzione delle malattie professionali, buona nutrizione, lotta contro l'alcolismo, ecc.).


| 18 agosto 2015 | | 22 376 | Malattie respiratorie
Lascia il tuo feedback