Papillomavirus umano (HPV): foto, sintomi, trattamento
medicina online

Papillomavirus umano (HPV)

contenuto:

Foto di papillomavirus umano Il papilloma, o fibroepitelioma papillare, è una neoplasia benigna della pelle di natura virale, costituita da uno stroma di tessuto connettivo coperto da epitelio, crivellato da molti vasi sanguigni. Questa formazione è presentata sotto forma di papille, che sporgono verso l'esterno, crescono in direzioni diverse e assomigliano a fiori di cavolfiore nel loro aspetto. Una condizione in cui una persona ha molti papillomi viene rilevata, chiamata papillomatosi.

Per la natura dell'epitelio, il polipo papillare può essere squamoso (coperto da un epitelio piatto non squadrato a più strati) e una cellula transizionale (ricoperta da un epitelio transizionale). Allo stesso tempo, lo stroma del tessuto connettivo può essere denso o sciolto, a volte con segni caratteristici di infiammazione. La condizione in cui lo stroma del polipo papillare è altamente sviluppato e la sclerosi viene diagnosticata come fibropapilloma.

Per i papillomi cutanei, l'ipercheratosi significativa è caratteristica (aumento dell'ispessimento dell'epidermide), e per le formazioni che si sviluppano sui tegumenti mucosi, la cheratinizzazione è meno pronunciata.

I papillomi si possono trovare sulla pelle del corpo umano, sulle membrane mucose del cavo orale e del nasofaringe, nella laringe, sui genitali e sulla vescica.



Eziologia del papillomavirus

Il papillomavirus umano (HPV) appartiene alla famiglia dei papovirus, sottogruppo A. È un piccolo agente patogeno termostabile che sopravvive bene nell'ambiente esterno e svolge il trattamento termico. È privo di supercapside e il suo capside (membrana che protegge il genoma virale da influenze esterne) è composto da 72 capsomeri. Il virus si moltiplica lentamente e non viene rilevato nel sangue.

Il papillomavirus è un agente patogeno etiotropico, ovvero è in grado di infettare un epitelio piatto cheratinizzato e non cheratinizzante (pelle e mucose) a più strati, nonché un epitelio cilindrico che riveste i polmoni, il canale cervicale e la prostata.

Penetrando nel corpo del suo proprietario, il virus, diffondendosi attraverso il flusso sanguigno, viene fissato sulle cellule dell'epitelio, viene introdotto nel DNA e costringe a lavorare in modo diverso. Una cellula infetta da un virus cresce rapidamente e si divide, e di conseguenza, dopo un po ', una caratteristica crescita eccessiva appare sulla zona interessata.

Attualmente, la scienza ha dati su oltre 120 sierotipi del virus, 35 dei quali influenzano l'epitelio tegumentario e le mucose. Alcuni sierotipi di HPV possono causare lo sviluppo di patologie tumorali. A seconda della loro capacità di provocare il cancro, sono divisi in 2 gruppi principali: HPV oncogenico a basso rischio e ad alto rischio.

Nota: l'oncogenicità è la capacità del papillomavirus di provocare una degenerazione dello strato infetto dell'epitelio basale nel cancro.

6, 11, 42-44 e 73 tipi di HPV sono considerati virus a basso rischio oncogenico. E 16, 18, 31, 33, 35, 39, 45, 51, 52, 56, 58, 59, 66, 68 sono tipi di HPV considerati pericolosi, cioè in determinate condizioni possono provocare lo sviluppo di un processo maligno . Il più sfavorevole, secondo gli esperti, sono 16 e 18 tipi, causando carcinoma a cellule squamose e adenocarcinoma.

Fattori di rischio che innescano lo sviluppo di PVI

In primo luogo, secondo gli esperti, ci sono caratteristiche del comportamento sessuale e dell'orientamento sessuale di una persona. Questi includono la prima vita sessuale, frequenti cambi di partner sessuali, il disprezzo per i dispositivi di protezione individuale. Tuttavia, molti autori sostengono che quasi sempre, il PVI è associato a malattie sessualmente trasmissibili (tricomoniasi, clamidia, myco- e ureoplasmosi, così come l'herpes genitale).

Molto spesso, la malattia viene rilevata in giovane età (nel periodo tra 18 e 30 anni). Tuttavia, allo stesso tempo può verificarsi l'auto-guarigione (fenomeno di eliminazione), raggiungendo il 70%. Tuttavia, la malignità del PVI si verifica più spesso all'età di 45-50 anni.

Va notato che in un paziente allo stesso tempo non uno, ma diversi tipi di papillomavirus umano possono essere rilevati, e la malattia è soggetta a recidiva.

Modi per trasmettere il papillomavirus

L'HPV è un agente infettivo che infetta e trasforma le cellule basali dell'epidermide. Come risultato, iniziano a dividere, formando un polipo papillare o papilloma (Papilla in latino significa capezzolo, oma in greco significa tumore).

La trasmissione avviene attraverso il contatto con persone o animali infetti che mostrano segni evidenti di malattia, nonché con portatori di virus che non presentano manifestazioni cliniche della malattia.

I cancelli d'ingresso per l'introduzione dell'infezione sono vari microtraumi della pelle. L'infezione si verifica più spesso in aree con la più grande folla di persone, soprattutto dove l'aria è piuttosto umida (nelle palestre, nei bagni e nelle piscine).

È anche molto spesso che le persone impegnate a tagliare carne, pollame e pesce (verruche di macellai) soffrono di infezione da papillomavirus umano.

Le verruche genitali, popolarmente conosciute come verruche genitali, sono trasmesse attraverso il contatto sessuale tradizionale, così come il sesso orale o anale.

L'infezione dei neonati può verificarsi mentre si passa attraverso il canale del parto di una madre infetta. Tuttavia, vi è evidenza di infezione intrauterina con un virus, che ha dimostrato di dare alla luce bambini infetti da taglio cesareo.

Anche la trasmissione aerea dell'infezione dal paziente al personale medico durante l'intervento (vaporizzazione laser o coagulazione radio-onde) non è esclusa.

Tuttavia, nella pratica clinica, esiste un altro tipo di diffusione dell'HPV - autoinfezione (autoinoculazione). Quindi, dopo l'epilazione o la rasatura, sul mento, sulle guance o sulle zampe possono apparire verruche piane e le persone che si mordono le unghie hanno spesso verruche nella regione periunguale.

Fasi del processo infettivo

  1. Infezione primaria
  2. Persistenza (sopravvivenza a lungo termine) del genoma virale al di fuori dei cromosomi con produzione di particelle virali.
  3. Integrazione (compenetrazione) del DNA virale nel genoma della cellula ospite.
  4. Mutazioni nel DNA cellulare che causano instabilità del genoma.
  5. Incorporando il DNA virale nel cromosoma ospite.
  6. L'emergere di un clone di cellule con DNA mutato e la formazione di un tumore.

La scienza ha dimostrato che l'infezione da papillomavirus umano può esistere nel corpo in due forme:

Nel primo caso, il virus vive e si moltiplica, ma il suo DNA non è inserito nel genoma cellulare dell'ospite.

Nel secondo caso, dopo l'infezione e la penetrazione nella cellula ospite, il DNA virale viene inserito nel genoma cellulare e, di conseguenza, inizia il processo tumorale.

Tuttavia, molti autori sostengono che una singola infezione dell'epitelio basale non è sufficiente per la degenerazione delle cellule tumorali.

Infezioni che causano il papillomavirus (dalle verruche al cancro)

L'HPV può influenzare selettivamente l'epitelio basale della pelle e delle mucose, causando la comparsa di verruche, verruche genitali e altre caratteristiche benigne e maligne. Tuttavia, molto spesso il processo infettivo può essere asintomatico.

Fino a poco tempo fa l'infezione da papillomavirus umano era correlata a malattie benigne. Tuttavia, oggi è considerata una delle patologie più gravi trasmesse attraverso il contatto sessuale.

Molto spesso lo sviluppo del processo patologico è causato da tipi non oncogeni del virus, e i tumori cutanei che sono sorti in questo caso sono più probabilmente percepiti come un difetto estetico. Tuttavia, se un uomo è stato infettato dal papillomavirus 16, 18, 31, 33, 35, 39, 45, 52, 55, 56 e 58 tipi, displasia cervicale moderata o grave, tumore non invasivo e invasivo degli organi genitali femminili interni (vulva, vagina , cervice), retto e pene.

Sintomi e forme di HPV

Foto HPV Con lo sviluppo dell'infezione da papillomavirus umano, il periodo di incubazione il più delle volte dura 2-3 mesi. Tuttavia, in alcuni casi può ridursi o crescere. Allo stesso tempo, l'HPV è in grado di esistere nel corpo umano sin dalla sua nascita, ma a causa dell'elevata persistenza del sistema immunitario, molte persone non sono consapevoli della sua esistenza, e solo con una diminuzione dell'immunità il virus può manifestarsi.

Secondo le statistiche, il papillomavirus ha infettato oltre l'85% della popolazione mondiale e, quindi, la sua presenza nell'organismo è più attesa dell'assenza.

Quando un virus entra nel corpo, può comportarsi diversamente, cioè manifestarsi sotto forma di vari tipi di formazioni benigne sulla pelle e sulle mucose. Questo è il motivo per cui nella pratica clinica sono considerate diverse forme di PVI:

  1. Forma clinica o manifesta. Si sviluppa in disordini immunitari transitori cellulari (ad esempio durante la gravidanza), in pazienti con infezione da HIV e in individui con immunità HPV specifica geneticamente limitata.
  2. La forma subclinica di papillomatosi viene rilevata in individui immunocompetenti.
  3. La forma nascosta o latente, che si manifesta in completa assenza di sintomi, viene osservata quando il DNA virale entra nel genoma cellulare.

Cos'è una verruca?

Una verruca è il sintomo più caratteristico e frequente di un'infezione da papilomavirus. Si tratta di una densa formazione convessa di forma arrotondata con bordi chiaramente definiti, che raggiunge 1 cm di diametro. La verruca è caratterizzata da una superficie ruvida e irregolare e il suo colore può variare dal beige al nero. Molto spesso, queste formazioni sono localizzate su mani, dita, gomiti e ginocchia. Va notato che sono facilmente feriti.

Cos'è il papilloma?

I papillomi sono verruche molli tondeggianti che possono apparire su varie zone della pelle (sul viso, sulla bocca, sulle braccia e sulle gambe, sotto le braccia, nell'area decollete e sul collo, nonché sui genitali). Sono formazioni denso tuberose arrotondate, di colore marrone chiaro, perlato, bianco o rosa sulla gamba e raggiungono un'altezza di 1 cm, ma sono in grado di crescere rapidamente e occupare una vasta area di pelle. I papillomi rispondono bene al trattamento e nel tempo, nel 20% dei casi, sono in grado di scomparire da soli. Allo stesso tempo, il rischio di sviluppare un tumore maligno è basso, e il tumore, molto probabilmente, rimane un semplice difetto estetico.

Cos'è un condiloma?

Il condiloma è una neoplasia benigna su un peduncolo corto, che causa i tipi di HPV 6 e 11. Secondo molti autori, i condilomi sono in grado di degenerare in tumori cancerosi. Più spesso si trovano nella zona urogenitale, vicino alla bocca o vicino all'ano. In questo caso, i polipi papillari sono presentati sotto forma di un'eruzione cutanea, che consiste di molti elementi e ha una proprietà caratteristica da fondere. Molto spesso, sulla membrana mucosa degli organi genitali, diventa simile alla cresta di gallo. Per questa forma di patologia provocata da HPV, la rapida crescita è caratteristica. Una delle sue conseguenze è l'emergere di un tumore di Bushke-Levenshteyn, caratterizzato dalle sue enormi dimensioni e capace di crescere sia verso l'esterno che verso l'interno dei tessuti.

Il colore del condylo varia dal rosso al marrone sporco, ma allo stesso tempo, nell'area genitale, queste formazioni possono essere più leggere. Al tatto sono più morbidi e teneri dei papillomi e apparentemente somigliano a una moltitudine di villi cresciuti insieme alla base.

Nella pratica clinica, ci sono tre tipi di verruche: spinoso, intraepiteliale (con una caratteristica crescita endofitica all'interno) e piatto. Tutti, secondo gli esperti, dovrebbero essere prontamente rimossi.

Al verificarsi di escrescenze papillari, l'essudato inizia ad accumularsi tra di loro, la loro superficie è inumidita, diventa lucida e dolorosa, e possono apparire un odore sgradevole, macerazione, infiltrazione e gonfiore. Come regola generale, le verruche genitali si verificano in luoghi di maggiore attrito e traumatizzazione che si verificano durante il contatto sessuale.

Con lesioni più profonde dell'uretra, i pazienti sviluppano sintomi di uretrite (bruciore, fastidio durante la minzione, dolore negli organi genitali esterni e nell'addome inferiore). Nel caso in cui i pazienti compaiano verruche genitali giganti, portano alla completa distruzione dei tessuti, molto spesso ulcerati, che, a loro volta, portano allo sviluppo di infezioni secondarie.

Il condiloma piatto è una crescita quasi impercettibile localizzata sulle pareti della vagina o sulla cervice. A causa della loro invisibilità, le verruche piane sono diagnosticate molto male, ma allo stesso tempo provocano lo sviluppo di una serie di sintomi spiacevoli. Questo è il verificarsi di abbondanti perdite vaginali, così come il sanguinamento dopo il contatto sessuale e il prurito nella zona urogenitale.

Negli uomini, queste formazioni possono verificarsi sul pene e nell'uretra. Molto spesso, essi non si elevano al di sopra della superficie della pelle, e quindi sono anche quasi impercettibili, tuttavia, sono in grado di fornire un certo disagio, bruciore e prurito al loro proprietario.

Se non trattate, le verruche piane possono degenerare in tumori maligni o provocare lo sviluppo di fimosi.

HPV e gravidanza

Nelle donne in gravidanza infette da papillomavirus, le verruche esterne possono raggiungere proporzioni gigantesche, e in questa situazione la percentuale di diverse manifestazioni cliniche della malattia diventa molto più alta. Tuttavia, dopo la nascita di un bambino, può verificarsi l'auto-guarigione. Questa situazione è spiegata da un cambiamento nel background ormonale di una donna, dall'aumentata vascolarizzazione dei tessuti (la formazione di nuovi vasi sanguigni), da una ridotta microbiocenosi vaginale e, molto probabilmente, dall'effetto sull'attività funzionale delle cellule del sistema immunitario.

Tutte le donne che intendono iniziare una gravidanza, gli esperti raccomandano un esame completo al fine di rilevare l'infezione da HPV. Se è presente uno dei gradi di displasia cervicale o di altre forme cliniche della malattia, la terapia antinfiammatoria e antivirale è prescritta a una donna incinta.

Tuttavia, la forma latente dell'infezione da papillomavirus umano non è considerata una controindicazione per la gravidanza.

Il trattamento di PVI deve essere effettuato nel primo trimestre di gravidanza. Nello stesso periodo, i condilomi esofitici esistenti dovrebbero essere rimossi, poiché in periodi successivi può verificarsi una rapida crescita, che porta a varie complicazioni della gravidanza e del parto. Allo stesso tempo, in presenza di verruche genitali, un bambino può essere infetto da papillomatosi laringea quando passa attraverso un canale del parto infetto.

Diagnostica del PVI

Negli ultimi anni, la medicina ha fatto progressi significativi nella diagnosi di PVI. Ciò è diventato possibile grazie alla sistematizzazione dei dati sull'HPV e alle malattie ad esso associate, allo studio di tutte le vie di infezione esistenti, a molti meccanismi della patogenesi del processo infettivo e dello stato del sistema immunitario, nonché a possibili cambiamenti morfologici.

Esistono diversi modi per diagnosticare l'infezione da papillomavirus umano e, in questo caso, gli esperti aderiscono agli algoritmi generalmente accettati:

  • Donne e uomini sessualmente attivi sono soggetti a screening obbligatorio per l'HPV.
  • Dovrebbero essere esaminati anche i pazienti con infezione da HIV e le persone con sintomi di malattie sessualmente trasmissibili.
  • Persone che hanno dimostrato fattori di rischio per PVI.
  • Pazienti con papillomi genitali nella cavità orale e nella regione anogenitale.
  • Pazienti affetti da varie patologie della cervice.
  • Coppie che pianificano una gravidanza.

I principali metodi diagnostici di PVI

  1. Ispezione visiva delle lesioni.
  2. Usa una lente d'ingrandimento e un colposcopio.
  3. Metodi citologici di ricerca.
  4. Tecniche biologiche molecolari.
  5. Studio istologico (patologico).

Tutti i pazienti che sono esaminati per la presenza di PVI vengono contemporaneamente esaminati per la sifilide , l'epatite e l'HIV, sono presi degli strisci per un esame batteriologico dello scarico dell'uretra, della vagina e della cervice, e sono indicati PCR e test batteriologici per le infezioni urogenitali.

Di norma, il rilevamento del papillomavirus non causa difficoltà: l'infezione viene rilevata durante gli esami standard da un ginecologo o un dermatologo. Con i sintomi appropriati, viene eseguita la biopsia. Nel caso in cui il paziente abbia condilomi piatti, localizzati nell'area anogenitale, per prevenire lo sviluppo di malattie maligne, vengono testati sierotipi di papillomavirus umano con un marcatore oncogenico.

Trattamento HPV

Необходимо подчеркнуть, что удаление папиллом не следует считать полным излечением от папилломавирусной инфекции, так как в данном случае человек не перестает быть вирусоносителем, то есть, в течение нескольких лет сосочковые полипы могут появиться снова. Именно поэтому в целях профилактики медики рекомендуют проводить оздоровление всего организма в целом.

В том случае, когда у человека обнаруживается папилломавирус, лечение назначается не всегда, а только при необходимости, то есть, при наличии характерной симптоматики. Успех в лечении ВПЧ достигается только тогда, когда пациенту будет назначена адекватная противовирусная и иммуномодулирующая терапия. В клинической практике применяется несколько методов удаления папиллом и кондилом:

1. Криодеструкция, или удаление новообразований жидким азотом.

2. Лазерное лечение.

3. Радиоволновой метод.

Сегодня большинство специалистов рекомендуют своим пациентам удалять сосочковые полипы при помощи лазера или радиоволнового ножа. Данные методики обеспечивают полную стерильность выполняемой процедуры, а также позволяют добиться максимального эстетического результата, то есть, после их применения на теле пациентов не остаются рубцов и шрамов.

Что касается процедуры лазерного удаления формирований, то помимо непревзойденной точности, лазерный луч прекрасно дезинфицирует рану, а также оказывает регенерирующее действие на кожу, то есть, стимулирует процессы заживления. Это идеальная методика, прекрасно себя зарекомендовавшая в гинекологии при лечении папилломатоза наружных половых органов, а также с её помощью удаляются кожные и слизистые новообразования, спровоцированные ВПЧ у мужчин.

Чаще всего после удаления сосочкового полипа иссеченный материал направляется в гистологическую лабораторию для проведения диагностического исследования.

4. Всем пациентам, подвергнутым ликвидации папиллом, показана иммуномоделирующая терапия, позволяющая закрепить полученный результат. С её помощью снижается активность вируса, а также осуществляется профилактика возникновения новых проявлений ВПЧ.

5. Очень часто при лечении палломавирусной инфекции назначаются препараты интерферона (средства белковой природы, усиливающего иммунную защиту организма от вирусных инфекций).

6. Неплохо себя зарекомендовала озонотерапия. Это инновационная методика, предусматривающая постановку озоновых капельниц, укрепляющих иммунитет и затормаживающих вирусную активность. При этом используется насыщенный газом обычный физиологический раствор, сохраняющий свои свойства в течение 20 минут после насыщения. Озоновые капельницы, обладающие противовирусным эффектом, насыщают ткани и органы кислородом, восстанавливают клеточный состав пораженных тканей, удаляют токсины и улучшают общее самочувствие пациента. После такого лечения все проявления ПВИ исчезают на 5, а то и на 10 лет.

В том случае, когда проводится лечение ВПЧ высокого онкогенного риска, пациент в обязательном порядке должен проконсультироваться у онколога и пройти цитологическое обследование.

7. Всем больным после лечения назначаются препараты, ускоряющие заживление кожных покровов.

Примечание: только после ровного заживления кожи проведенная терапия считается успешной.

Лечение ПВИ аногенитальной зоны

Quando i condilomi piatti si trovano nella zona anogenitale, durante il trattamento vengono prese le seguenti misure:

Intervento distruttivo finalizzato alla distruzione dei polipi papillari e alla rimozione di una zona alterata dell'epitelio;

Terapia immunomodulatoria e immunostimolante;

La nomina di farmaci antivirali che influenzano la replicazione, la trascrizione e la trasformazione del DNA virale;

Prescrizione di farmaci citotossici che danneggiano o distruggono le cellule proliferanti infette da virus;

Trattamento sintomatico e trattamento delle patologie correlate.

Nota: attualmente alcuni specialisti stanno conducendo una terapia fotodinamica che prevede l'uso di fotosensibilizzanti (sostanze fotosensibili). Tuttavia, tale trattamento in ampia pratica non ha ancora trovato la sua applicazione. C'è anche un'altra tecnica che è allo stadio degli studi clinici. Si chiama vaccinazione profilattica e terapeutica.

Quando vengono rilevate verruche esofitiche e in presenza di un tipico quadro clinico di papillomatosi, ai pazienti viene prescritto un trattamento combinato con successiva rimozione delle neoplasie. Alcuni giorni prima dell'operazione, viene effettuato il trattamento con immunomodulatori, interferoni e agenti antitumorali. Tuttavia, va notato che questo metodo, secondo la maggior parte degli esperti, non fornisce un effetto terapeutico pronunciato.

Tuttavia, alcuni pazienti stanno cercando di sbarazzarsi di polipi papillari con sostanze chimiche. Vorrei sottolineare che questa tecnica è inefficace e richiede un'esposizione ripetuta e porta anche alla formazione di tessuto cicatriziale.

Le manifestazioni subcliniche, cioè le manifestazioni di PVI che non sono visibili ad occhio nudo sono trattate allo stesso modo delle forme esofitiche, ma il medico deve avere una completa comprensione del volume dei tessuti interessati dal virus. Altrimenti, sarebbe più saggio condurre un monitoraggio dinamico e l'uso dell'immunoterapia locale.

Nella forma latente dell'infezione da papillomavirus umano, il trattamento di solito non viene eseguito, poiché in questo caso la costosa terapia farmacologica è inefficace e anche, molto spesso entro 1-2 anni, l'auto-guarigione avviene nei portatori del virus (più spesso nelle giovani donne e uomini).

Tuttavia, a volte la forma latente di PVI (10-10% dei casi) diventa subclinica. Di norma, alcuni fattori avversi contribuiscono a questo, così come i processi infiammatori infettivi che si sviluppano nella regione anogenitale o in un'altra area colpita. Con l'indebolimento delle forze immunitarie del corpo e lo sviluppo di malattie endocrine croniche di PVI può trasformarsi in una forma manifesta.

Molto spesso, la prognosi di questa malattia è positiva, tuttavia, in alcuni casi, dopo la rimozione dei polipi papillari, possono verificarsi recidive e ricadute che si trasformano in forme maligne. Questo è il motivo per cui tutti gli individui immunosoppressivi per due anni sono stati raccomandati osservazione dinamica, controllo dello stato immunitario, così come regolare colposcopia con successivi studi citologici. In ogni caso, il trattamento del PVI viene prescritto individualmente, tenendo conto dell'età del paziente, del suo stato immunitario, della localizzazione del processo patologico, della natura dei cambiamenti nell'area del canale cervicale, nonché delle infezioni urogenitali concomitanti e delle patologie croniche somatiche.

Prevenzione PVI

Secondo gli esperti, solo la prevenzione dell'HPV può ridurre il rischio di sviluppare il cancro cervicale e il cancro del pene. Oggi vengono utilizzati i seguenti metodi preventivi:

  1. Prevenzione primaria dell'infezione da papillomavirus umano. Prevede l'individuazione tempestiva dei fattori di rischio e la prevenzione della diffusione dell'infezione e include anche lo sviluppo di vaccini preventivi e altri metodi per prevenire lo sviluppo di papillomatosi.
  2. La sezione di prevenzione secondaria è una diagnosi di screening, cioè un esame medico completo del corpo umano, che consente di rilevare la malattia nelle primissime date del suo sviluppo.
  3. La prevenzione terziaria del PVI prevede una riduzione della frequenza della recidiva della malattia in individui precedentemente infetti.

Allo stesso tempo, un importante aspetto preventivo è il lavoro di sanificazione con una spiegazione degli aspetti della malattia tra la popolazione, in particolare, tra gli adolescenti che stanno appena iniziando a fare sesso.

Un modo molto semplice, ma allo stesso tempo efficace per prevenire l'infezione da HPV è quello di utilizzare metodi contraccettivi a barriera e un'indagine preliminare sulle coppie che intendono fare sesso.

Secondo molti esperti, la vaccinazione profilattica contro il papillomavirus umano è anche un metodo efficace di prevenzione primaria (soprattutto se il vaccino viene somministrato prima che inizi l'attività sessuale).


| 14 agosto 2014 | | 25 629 | Senza categoria
  • | Michael | 25 settembre 2015

    Grazie È stato utile.

  • | Lyudmila | 16 ottobre 2015

    Il mio HPV è stato scoperto in un ospedale clinico su Yauza, è la mia causa di displasia cervicale. È un peccato che nel mio tempo da lui non abbia fatto le vaccinazioni.

Lascia il tuo feedback